Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno scoperto la stella più piccola e più pesante mai trovata vicino al buco nero al centro della nostra galassia

Hanno scoperto la stella più piccola e più pesante mai trovata vicino al buco nero al centro della nostra galassia

La piccola stella X3a nella sua busta, X3 (blu) Fonte: FLORIAN PEISKER

proprietà di configurazione stelle Sono ben definiti e richiedono ambienti con una temperatura sufficientemente bassa (<20 K) e densità di gas elevate. Un team internazionale di ricercatori guidato da Florian Pesker dell'Istituto di astrofisica dell'Università di Colonia ha scoperto una stella molto giovane nella sua formazione vicino al buco nero supermassiccio Sagittarius A* (Sgr A*) al centro del pianeta. via Lattea.

La stella ha solo poche decine di migliaia di anni, il che la rende più giovane degli umani. La particolarità della giovane stella X3a è che, in teoria, non dovrebbe essere molto vicina al buco nero supermassiccio.

Tuttavia, il team ritiene che si siano formati in una nuvola di polvere in orbita attorno alla Terra. Buco nero Affondò nella sua orbita attuale solo dopo essersi formato. Lo studio è appena stato pubblicato su Giornale astrofisico.

Un buco nero è un corpo celeste così denso che nessuna materia o energia può sfuggire alla sua attrazione gravitazionale.

La regione del buco nero al centro della nostra galassia è generalmente una regione caratterizzata da processi altamente dinamici e intense radiazioni ultraviolette e di raggi X. Queste esatte condizioni agiscono contro la formazione di stelle come la nostra sole. Pertanto, gli scienziati hanno a lungo ipotizzato che per periodi di miliardi di anni solo stelle molto vecchie ed evolute possano essere stabilizzate dall’attrito dinamico nella regione di un buco nero supermassiccio.

Sorprendentemente, però, vent’anni fa sono state trovate stelle molto giovani vicino a Sgr A*. Non è ancora chiaro come siano arrivati ​​lì o dove si siano formati. È stata chiamata l’apparizione di stelle molto giovani molto vicine a un buco nero supermassiccio “Il paradosso della giovinezza”.

READ  L'ultimo volo di SpaceX è quasi entrato in collisione con un UFO ...

la stella X3a bambino, che è dieci volte più massiccio e quindici volte più pesante del nostro Sole, può ora colmare il divario tra la formazione stellare e le giovani stelle vicine a Sgr A*. X3a ha bisogno di condizioni speciali per formarsi vicino a un buco nero. Il primo autore Florian Bisker ha spiegato: “C’è una regione a una distanza di pochi anni luce dal buco nero che soddisfa le condizioni per la formazione stellare. Questa regione, che è un anello di gas e polvere, è abbastanza fredda e protetta da attacchi distruttivi”. radiazione.”

La Via Lattea è una galassia a spirale contenente almeno 100 miliardi di stelle.

IL Basse temperature e il alte densità Creano un ambiente in cui possono formarsi nuvole di centinaia di masse solari. In linea di principio, queste nubi possono muoversi molto rapidamente in direzione del buco nero perché la collisione e la dispersione delle nubi annullano il momento angolare. Inoltre, vicino alla giovane stella si sono formati grumi molto caldi che potrebbero poi essere accresciuti da X3a. Questi ammassi potrebbero anche aver contribuito in primo luogo al raggiungimento di una massa così elevata da parte dell’X3a.

Tuttavia, questi gruppi sono solo una parte della storia della formazione dell’X3a. Gli scienziati non spiegano ancora completamente la sua nascita. Gli specialisti hanno ipotizzato che sia possibile uno scenario temporaneo: protetto dall’influenza gravitazionale di Sgr A * e da radiazione Denso, potrebbe essere una nube sufficientemente densa che potrebbe essersi formata nell’anello esterno di gas e polvere attorno al centro galattico. La massa di questa nuvola era di circa un centinaio di soli, e collassò sotto l’influenza della sua gravità per trasformarsi in una o più stelle.

READ  Ucraina: ecco come preparano l'uniforme per i combattenti

Questo presunto tempo di decadimento corrisponde all’incirca all’età di X 3a Le osservazioni hanno dimostrato che ci sono molte di queste nuvole che possono interagire tra loro. Pertanto, è probabile che di tanto in tanto la nube cada verso il buco nero».

Florian Pesker, autore principale di questa ricerca, ha affermato che “esiste una regione entro pochi anni luce dal buco nero che soddisfa le condizioni per la formazione stellare”.

Questo scenario sarebbe anche coerente con lo stadio dell’evoluzione stellare di X3a, che attualmente è una stella matura. Pertanto, è abbastanza plausibile che il fornello a gas E la polvere è il luogo di nascita delle giovani stelle al centro della nostra galassia. “Con la sua enorme massa di circa dieci volte quella del Sole, X3a è un gigante interstellare, e questi giganti si stanno evolvendo molto rapidamente verso la maturità”, ha spiegato Michal Zajek della Masaryk University di Brno, nella Repubblica Ceca, coautore dello studio. Abbiamo avuto la fortuna di scoprire la stella massiccia in “L’involucro medio-oceanico ha la forma di una cometa. Successivamente, abbiamo identificato le caratteristiche chiave associate alla giovane età, come l’involucro compatto attorno al quale orbita”.

Poiché anelli simili di polvere e gas possono essere trovati in altre galassie, il meccanismo descritto può essere applicato anche lì. Pertanto, molte galassie possono ospitare stelle molto giovani nei loro centri. Osservazioni pianificate utilizzando il telescopio spaziale James Webb della NASA Oppure il Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile testerà questo modello di formazione stellare per la nostra galassia e altre.

Nadine B. ha partecipato a questa ricerca. Sabha, Masato Tsuboi, Jehan Moltaka, Lucas Labadie, Andreas Eckart, Vladimir Karas, Lucas Steinger, Matthias Subroit, Anjana Suresh, Maria Melamed e Jan Clint.

READ  Questo potrebbe essere il tuo primo dettaglio

Continuare a leggere

Esistono buchi neri canaglia e in fuga?
Viaggio al centro del buco nero della Via Lattea: i misteri di un’immagine che è già passata alla storia
Scoprono un misterioso buco nero che punta verso la Terra e fa brillare la luce su di essa