Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mirta Wons ha detto di essere stata vittima di una fobia grassa in aereo: “Sarei gentile, ma non sono stupida”

L’attrice che si è recata in Spagna con il cast dell’opera teatrale Julio Cesar diretta da Jose Maria Muscari è stata maltrattata dall’equipaggio della compagnia aerea.

Vince Mirta Ha raccontato i maltrattamenti ricevuti da un membro dell’equipaggio mentre tornava dalla Spagna. La famosa attrice è uno dei membri del cast dell’opera teatrale di Jose Maria Muscari, la versione argentina di Giulio Cesare William Shakespeare. All’inizio di luglio, viaggio nel continente europeo Per partecipare al 68° Festival Internazionale del Teatro Classico di Merida.

in qualcosa contaserie di interviste di Agustina Kämpfer in notizie IP, Wons ha fornito dettagli sullo spiacevole episodio vissuto durante il suo viaggio di ritorno nel paese. Ha anche fatto riferimento a un atto violento simile di un produttore argentino.

Quando il giornalista le ha chiesto informazioni su un prodotto, le ha detto che serviva solo se era sovrappeso e l’ha attaccata per “averle chiesto” se lei come attrice addebitasse ogni chilogrammo, Mirta Wons ha ricordato il suo recente brutto momento: “Posso essere paffuto e carino, ma non sono stupido, e questo costa molto. Una cosa in particolare è che le persone paffute devono essere più pazze delle altre. E la persona grassa sente che tutti dovrebbero amarlo, quindi fa un vantaggio in più. E questo è stato naturalizzato per tutta la vita, perché mi hanno trattato male”, ha esordito.

Ha continuato: “L’ultima volta è stato sul volo di ritorno dal Festival di Merida, della compagnia aerea. Avevo un certo posto, perché sono grande. La produzione del Teatro San Martin gli ha lasciato una scelta. Ho bisogno di spazio per le gambe e i sedili sono molto piccoli. La compagnia aerea ha cambiato il mio posto e mi ha reso le cose molto difficili, perché avevo anche bisogno della scrivania. Più tardi, mi hanno controllato per esplosivi! Sono stato punito per questo, perché ho chiesto il sedile che la produzione aveva già pagato. Mi hanno mandato in un posto dove non era nemmeno nato!

Mirta Wons si è detta vittima di una fobia grassa in aereo: “Sarei gentile, ma non sono stupida” (Foto: Mario Sarr)

“La cintura di sicurezza non mi ha allacciato, ho dovuto chiedere una prolunga. È umiliante chiedere di allungare la cintura di sicurezza! Ovviamente non mi hanno portato. Sono stato punito perché ho chiesto un posto per me, che ha delle caratteristiche particolari. Fortunatamente è possibile parlarne, ma è comunque visibile. Ha aggiunto che abusi e bullismo non significano necessariamente che sei “grasso”, rivelando lo stato di abuso che ha ricevuto.

READ  L'Italia revoca le restrizioni sul virus Corona nella maggior parte del paese | Società

Terminata l’intervista, Kämpfer ha fatto un commento sul suo account Instagram dove ha parlato dei problemi che hanno le persone obese, sottolineando la testimonianza resa da Mirta Wons nel suo show. “Ha dovuto soffrire che nel suo ambiente di lavoro facessero delle osservazioni sul suo corpo che lei non ha mai richiesto, dicendole di rimanere entro certi parametri, come se la qualità della sua performance fosse subordinata alle misure della sua vita. Tiene per sé il nome di il produttore che l’ha aggredita. È comprensibile, non dovresti voler affrontare problemi, poiché nessuno vuole affrontarli “, Libri Agostino.

“Il rifiuto dei corpi grassi è più profondo contro le donne che contro gli uomini (Le statistiche di bulimia e anoressia sono nettamente diverse per ogni sesso), ma sono comunque allarmanti. Mi chiedo perché così tanti stiano ancora cercando di imporre la scienza del presunto stato di salute della salute fisica a una salute mentale urgente. “Questo modo di guardarci ci spezza la testa”, ha concluso il giornalista.

Continuare a leggere: