Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mettono in guardia contro l’eccessiva umanizzazione degli animali domestici, che potrebbe influire sul loro benessere

Mettono in guardia contro l’eccessiva umanizzazione degli animali domestici, che potrebbe influire sul loro benessere

L’eccessiva umanizzazione degli animali domestici in una società che li tratta sempre più come membri della famiglia può portare a “pratiche che non rispettano la loro integrità fisica e psicologica” a causa della tendenza a “dimenticare i loro bisogni e comportamenti naturali”, come tutti gli animali sono diventati. Su questo mette in guardia Andrea Milla, portavoce della piattaforma francese Prestami il tuo cucciolo, Che conta già 70.000 utenti in Spagna e “facilita un sistema di cura condiviso tra proprietari che hanno bisogno di aiuto con il proprio cane e persone che desiderano incontrare cani”, in modo che chiunque non abbia un animale domestico possa “sperimentare la responsabilità di possedere un animale domestico” prima di impegnarsi a tempo pieno…

In questo modo i volontari potranno conoscere in prima persona come gestire correttamente l'animale prima di lasciarsi trasportare dall'“adozione impulsiva” di quello che spesso viene erroneamente percepito come un oggetto, quando “il cane è un organismo con bisogni ed emozioni, non un organismo con bisogni ed emozioni.” “E non un essere vivente.” Un oggetto che può essere regalato. Questa fretta all'inizio dell'anno, anche in una data come quella in cui si celebra il giorno di San Anton, il santo patrono degli animali, si traduce nel regalare animali domestici regalati a Natale, secondo l'ultimo studio condotto dalla Fondazione Affinity, su oltre 288.000 cani e gatti presenti nei rifugi in Spagna nel 2022.




Eva Orten, responsabile marketing e comunicazione dell'assicuratore sanitario per animali domestici Santivit, ha dichiarato a EFE che la disponibilità di cure per gli animali è uno dei motivi del loro abbandono, ma anche il suo costo economico.

READ  Francis non presiederà un gruppo ufficiale durante il suo viaggio in Scozia per il Summit sul clima

Anche se ufficialmente in Spagna ci sono 31 milioni di animali da compagnia, Ortin ha sottolineato che “la percentuale di animali coperti da assicurazione è ancora molto bassa”, quindi chi vuole adottare un animale domestico deve tenere conto della necessità di investire in questo senso. Inoltre, è necessario raccogliere informazioni su tutti gli aspetti legati alla loro cura e salute, non solo alloggio o cibo, ma anche “esigenze specifiche come la loro routine o le malattie”.

In questo senso, Milla ha affermato che “rafforzare l’assicurazione sanitaria pubblica per gli animali domestici sarebbe vantaggioso e faciliterebbe le spese veterinarie per i proprietari e aumenterebbe la responsabilità nella cura degli animali domestici”, motivo per cui ha sostenuto la creazione di un programma governativo che renda “questi servizi più accessibile.” Per quanto riguarda l’impatto dell’attuazione della nuova legge sul benessere degli animali, lo considera “un passo importante verso la loro protezione”, perché sebbene la società spagnola “abbia fatto grandi progressi nel rispetto degli animali, dobbiamo ancora affrontare grandi sfide”.

Ortin ha anche sottolineato che questa nuova normativa è un “progresso” e, sebbene “lo scopo più ampio della legge sia combattere l'abuso e l'abbandono degli animali”, ha generato altri benefici come “ad esempio la scomparsa della categoria degli animali”. Cane potenzialmente pericoloso” che ha danneggiato alcune razze di cani.