Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È così che hanno scoperto gli effetti di violente eruzioni nella Via Lattea

“Immagine” dell’idrogeno atomico nella galassia esterna.

Foto: Per gentile concessione dell’INAF

Pochi giorni dopo che la Colombia aveva votato a favore del referendum che ha cambiato il corso degli accordi di pace firmati con le FARC nel 2016, c’è stato un annuncio che ha sorpreso più di un mondo. Mentre una parte del paese stava ancora cercando di chiarire i risultati durante gli ultimi giorni di ottobre di quell’anno, coloro che si dedicavano allo studio dell’universo hanno accolto con favore una “mappa” dettagliata che ha aperto una nuova porta alla comprensione della Via Lattea. (Leggi The Columbian’s Another Great Step in Quantum Computing)

Poi la notizia è stata recensita dai media più prestigiosi del mondo. In primo piano con un articolo pubblicato sulla rivista Astronomia e astrofisicaQuella mappa ha rivelato l’immagine più accurata delle nubi di idrogeno nella nostra galassia. Questo gas sta funzionando L’elemento più abbondante nell’universo Componente fondamentale degli astri, questo sforzo simboleggia un grande passo avanti nello studio del “quartiere” in cui si trova la Terra.

Dietro questo lavoro c’era, come spiegano gli autori un permessopiù di una Milioni di note singole E sofisticati algoritmi informatici hanno permesso loro di “ripulire” i dati acquisiti grazie a due potenti radiotelescopi: il Max Planck, 100 m a Eifelsberg (Germania), e il CSIRO, radiotelescopio da 64 m, situato a Parkes, una cittadina nel sud-est dell’Australia . Hanno dato a quel corpo enorme di informazioni un nome che non era facile da ricordare: “Sondaggio HI4PI”.

“I dati dell’indagine HI4PI – che erano anche disponibili gratuitamente per un uso futuro da parte di scienziati di tutto il mondo – ci consentono di ripulire la finestra attraverso la quale stiamo osservando”, ha affermato Benjamin Winkle, uno degli autori e ricercatori del Max Planck Institute per la Radioastronomia, sintetizzando l’utilità La prima mappa dell’idrogeno dalla Via Lattea.

READ  Mortalità dei pazienti ospedalizzati con livelli infiammatori

Avere una nuova finestra ha permesso a più ricercatori di dettagliare la nostra galassia e capire meglio cosa sta succedendo lì. Inoltre, dice l’astrofisico colombiano Juan Diego Soler, Li aiuta a ottenere indizi più chiari su come si è formata la Terra o il Sole (costituito da idrogeno ed elio). Dopotutto, aggiunge, proprio come la farina di mais è la principale materia prima per fare le arepas, l’idrogeno è la principale materia prima per la formazione di nuove stelle, nuovi sistemi solari e nuovi mondi.

Soler, fisico dell’Università di Los Andes e dottore di ricerca in astronomia e astrofisica presso l’Università di Toronto (Canada), parla da Roma, in Italia, dove ha vissuto per due anni. Lì fa parte del team dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), dove ha condotto uno studio appena pubblicato sulla rivista Astronomia e astrofisicaS.

Lui e il suo gruppo hanno anche utilizzato i dati dell'”HI4PI Survey” e hanno applicato tecniche di intelligenza artificiale per studiare con precisione il gas più abbondante della galassia: l’idrogeno. Il titolo della dichiarazione che hanno rilasciato riassume ciò che hanno trovato: “La Via Lattea brilla come un bicchiere di champagne”.

Ciò che intendono, spiega Soler, è che “osservando” questo gas sotto forma di nuvole che si diffondono in tutta la galassia, scoprono che contiene tracce di eruzioni avvenute molto tempo fa nella nostra. In altre parole, hanno trovato tracce di esplosioni di supernova, stelle più grandi del Sole che hanno terminato il loro ciclo vitale in esplosioni termonucleari ed hanno espulso il materiale che “tenevano” all’interno.

In termini leggermente più semplici, ha spiegato il team dell’INAF in una nota, il lavoro è un ulteriore passo “per chiarire il ciclo di vita dell’idrogeno, la materia prima per la formazione stellare”.

READ  L'insufficienza cardiaca non peggiora con RBD.

Questo video può aiutarti a farti un’idea di come appare l’idrogeno in una “galassia a bolle”:

La ricerca è stata condotta dall’astrofisico colombiano Juan Diego Soler dell’Istituto Nazionale di Astrofisica in Italia.

Per raggiungere questo obiettivo, dice Soler, hanno dovuto applicare un algoritmo matematico che i computer usano spesso per dare un senso alle immagini digitali. Indipendentemente dalla complessità dei dettagli tecnici, ha permesso loro di scoprire una specie di filamento nella galassia che “punta” lontano dalla Via Lattea.

“È probabile che i resti di molteplici esplosioni di supernova inghiottono il gas e formino bolle che scoppiano come bolle che salgono in superficie in un bicchiere di spumante”, ha spiegato Ralph Klissen, autore del documento di ricerca, nella dichiarazione. investigatore Ecogalun progetto finanziato dall’Unione Europea che ha reclutato diversi gruppi scientifici con l’obiettivo di comprendere, tra l’altro, la formazione di stelle e pianeti.

Che beneficio potrebbe avere questo sforzo? Patrick Henbell, che coordina il lavoro teorico sul progetto ECOGAL, ha un buon modo per riassumerlo: “Trovare queste strutture nell’idrogeno atomico è un passo importante nella comprensione del processo responsabile della formazione stellare su scala galattica”.

Soler ha due risposte quando gli viene posta questa domanda. Il primo riguarda l’ipotesi che hanno costruito sull’indagine HI4PI nel 2016: una migliore comprensione del ciclo di vita dell’idrogeno aiuta a capire “come si sono formate una stella come il Sole o un pianeta come la Terra. E conferma che sapere da dove veniamo è fondamentale .” In altre parole, costituisce un altro tassello dell’enorme puzzle della storia della Terra e dell’universo.

Il secondo modo per rispondere a questa domanda è un po’ più semplice: “È magico capire di più sul mondo in cui viviamo. Non è bello sapere che viviamo in una galassia che scorre violentemente mentre scriviamo questo articolo in un posto così tranquillo? “

READ  Formazione e reclutamento nella pratica della rabbia

leggere Ultime notizie di scienza nelle scene.