Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Messico: Lopez Obrador ha annunciato la nazionalizzazione di 13 centrali elettriche |  Il Presidente celebra “il ritorno del privato al pubblico”

Messico: Lopez Obrador ha annunciato la nazionalizzazione di 13 centrali elettriche | Il Presidente celebra “il ritorno del privato al pubblico”

presidente del Messico, Andrés Manuel Lopez ObradorFesteggia quel martedì “Restituire il privato al pubblico” Dopo essere stato deciso dal governo Acquisto di 13 stazioni dalla compagnia energetica spagnola Iberdrola per 6,2 miliardi di dollari. Lopez Obrador ha visitato l'impianto a ciclo combinato di Tamazunchal, nello stato centrale di San Luis Potosi, e ha sottolineato che questa misura permetterà “a tutti i consumatori di continuare a fornire loro elettricità a basso costo e senza alcun profitto”.

La luce è arrivata

“Il privato è stato restituito al pubblico e sono 13 gli impianti che sono stati acquistati e acquistati Ciò significa che la Federal Electricity Commission (CFE) e il governoViene dalla città, Produce già più del 50% della produzione di elettricitàLo ha detto il presidente nella sua conferenza mattutina. Il presidente messicano ha fatto riferimento all'annuncio di lunedì di Iberdrola, quando ha confermato in un comunicato che, dopo le approvazioni normative, l'accordo d'intenti firmato dal presidente della compagnia energetica è stato concluso. Ignacio Sánchez Galán e López Obrador nell'aprile 2023.

La capacità installata delle centrali coinvolte nel processo è di 8.539 megawatt, di cui il 99% è costituita da cicli combinati a gas, mentre una di queste è costituita da energia eolica. López Obrador, che per anni ha criticato Iberdrola come simbolo della privatizzazione del settore energetico durante il “periodo neoliberista”, ora ha giustificato che l’acquisto mira a “consentire a tutti gli utenti, a tutti i consumatori, di continuare ad avere accesso all’energia a basso costo”. ha vinto”.

Nei casi in cui viene privatizzato solo il servizio elettrico, i prezzi sono molto alti“Ecco perché hanno sofferto così tanto in Spagna”, ha detto il presidente messicano, che non ha fornito dettagli sul funzionamento delle nuove fabbriche, perché la Commissione federale per la concorrenza economica (Cofece) questo mese ha condizionato l'acquisizione a operare indipendentemente dalla CFE, la stato. Azienda elettrica.

READ  Uruguay: clamoroso sciopero contro la politica di emendamento di Luis Lacalle Poe | Un milione di persone ha chiesto salari migliori e un budget maggiore per l'alloggio e l'istruzione

López Obrador ha insistito sul fatto che l’acquisto faceva parte della sua politica di “salvare” Petroleos Mexicanos (Pemex) e CFE “perché lo scopo dei neoliberisti era quello di porre fine alle corporazioni statali e privatizzare tutto”. Ha detto: “Se avessimo continuato su questa strada, oggi la Federal Electricity Commission produrrebbe almeno il 10% dell’energia elettrica consumata dal paese, e i prezzi sarebbero saliti ai livelli più alti perché non ci sarebbe alcun controllo sui prezzi .” .

Martedì pomeriggio, López Obrador ha visitato uno degli impianti a ciclo combinato acquistati da Iberdrola a Tamazunchal, nello stato centrale di San Luis Potosi. “Questa fabbrica è molto importante perché è stata una delle prime fabbriche avviate nel periodo di privatizzazione dell'industria elettrica, quindi è molto simbolico recarsi in quella fabbrica, che ora è un'azienda pubblica”, ha commentato. .

“Le elezioni più pulite e libere”

A due giorni dall'inizio delle campagne missionarie in vista delle elezioni del 2 giugno, il presidente messicano ha sottolineato che non ci sono rischi economici o politici per il periodo elettorale di quest'anno. Ha aggiunto: “In questi tre mesi di campagna non succederà nulla, nulla a livello economico, non c'è rischio di crisi”. L’unica cosa che mi preoccupa è che l’inflazione andrà fuori controllo.Poiché ciò danneggia l’economia popolare e danneggia maggiormente i poveri, Ma per fortuna sta già andando giù“, ha considerato López Obrador.

Il presidente di sinistra ha affermato che non ci sarà alcuna polarizzazione durante la campagna elettorale, perché la maggioranza dei messicani vuole che il partito Morena, attualmente al governo, rimanga al potere. “Politicamente non sta accadendo nulla. Non esiste alcuna forza politica che cerchi di destabilizzare il Paese. Inoltre, c'è sufficiente unità tra la gente. La polarizzazione avviene quando metà è a favore e l'altra metà è contraria, ma non è così.” Al giornale la ragione.

READ  È la città australiana dove le persone vivono sottoterra per rifugiarsi dal caldo torrido

“Non interferiremo in questo – ha affermato Lopez Obrador – Saranno i cittadini a decidere liberamente in elezioni giuste e libere, come mai prima nella storia del Paese, come mai prima nella storia del Messico”. Il presidente ha detto che rispetterà il divieto elettorale e non organizzerà eventi pubblici che riuniscano i cittadini, ma continuerà a spostarsi nel Paese per supervisionare i lavori pubblici.

La candidata presidenziale ufficiale, Claudia Sheinbaum, è la candidata più probabile alle elezioni presidenziali previste per il prossimo 2 giugno, con il 59% delle intenzioni di voto, molto davanti al suo principale concorrente, Xochitl Galvez, che riceverà il 36% delle intenzioni di voto, secondo Secondo quanto riportato da Reuters. Secondo l'indagine realizzata da Buendia e Márquez per il quotidiano Globalismo.