Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Meloni considera il Corno d’Africa una “zona importante” per l’Italia

Meloni considera il Corno d’Africa una “zona importante” per l’Italia

Addis Abeba, 15 apr. Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, di estrema destra, ha considerato la regione del Corno d’Africa una “zona importante” per l’Italia durante una visita in Etiopia iniziata venerdì scorso per rafforzare i legami bilaterali con il Paese africano.

Dopo aver incontrato i Primi Ministri di Etiopia e Somalia, Abiy Ahmed Ali e Hassan Sheikh Mohamud, il Primo Ministro ha annunciato sul suo account Twitter ufficiale che “l’Italia considera il Corno d’Africa una regione di alta priorità”. , in una riunione tripartita ad Addis Abeba.

“Crediamo di poter contribuire molto allo sviluppo, alla sicurezza e alla stabilità di questo Paese”, ha detto Meloni alla stampa italiana dopo aver visitato la scuola italiana “Galileo Galilei” nella capitale etiope e aver assicurato che il 100% dei bambini lasci la scuola. Cercare lavoro.

“Penso che sia la cosa più preziosa che i paesi che stanno intraprendendo importanti sforzi di stabilizzazione e modernizzazione possano fare, ed è fondamentale per la stabilità dell’intera regione”, ha affermato.

Meloni ha sottolineato che l’Italia vuole cooperare “in modo non strumentale per lasciare qualcosa qui”, e ha indicato i settori delle infrastrutture, dell’agricoltura e del turismo.

Da parte sua, il primo ministro etiopico ha definito “fruttuoso” l’incontro trilaterale di oggi.

Abi ha spiegato sul suo account Twitter ufficiale di essersi impegnata a “rafforzare le partnership, gli investimenti nello sviluppo delle infrastrutture e specifici investimenti settoriali da parte del settore privato italiano” sia in Etiopia che in Somalia.

Il premier italiano ha sottolineato che l’Africa è “un continente che, contrariamente alla percezione che ne hanno le persone, non è veramente povero” ma piuttosto “non ha i mezzi per estrarre la propria ricchezza”.

READ  Un'altra Italia: 6 borghi più belli di cui non hai mai sentito parlare

La Meloni ha sottolineato la necessità di sostenere questi Paesi perché “ovviamente tutto ciò che accade in Africa ci sta andando bene in un modo o nell’altro” e ha rilevato il “problema dei flussi migratori”.

Durante le sue dichiarazioni ai media nella capitale etiope, il presidente del Consiglio italiano ha anche confermato di voler togliere “la protezione speciale per i richiedenti asilo” dopo la Lega, creata dal suo alleato e vice capo del governo, Matteo Salvini. Bisognerebbe proporre una rettifica.

Nel corso della sua visita in Etiopia, iniziata venerdì scorso e che si conclude oggi, Meloni ha incontrato anche Moussa Faki Mahamat, il capo della Commissione dell’Unione Africana con sede nella capitale etiope.

Due mesi dopo la visita del leader italiano, Abi si è recato a Roma all’inizio di febbraio nell’ambito di un tour europeo che lo ha portato in Francia e Malta ed è stato visto come un tentativo di riparare l’immagine internazionale del loro paese. La guerra attira aiuti e investimenti.

Durante la visita del premier etiope in Italia, i due Paesi hanno siglato un accordo quadro di cooperazione biennale fino al 2025, che prevede un impegno finanziario di circa 180 milioni di euro in contributi a fondo perduto e prestiti agevolati per Addis Abeba.

Le relazioni dell’Etiopia con i suoi partner internazionali, come l’Unione Europea (UE) o gli Stati Uniti, sono state gravemente danneggiate dal conflitto nel Tigra, dove tutte le parti sono state accusate di gravi violazioni dei diritti umani.

Dopo che il governo fascista di Benito Mussolini occupò parzialmente il paese africano per cinque anni tra il 1936 e il 1941, in seguito alla seconda guerra italo-etiope, l’Italia e l’Etiopia condividono importanti legami commerciali e legami storici.

READ  Attenzione, fiume: in Italia promettono che il Milan arriva come titolare principale per Demichelis

Sebbene si ritenga che l’Etiopia non sia mai stata colonizzata perché l’Etiopia non è riuscita a stabilire un’amministrazione coloniale, si possono ancora vedere tracce della presenza italiana nelle strade di Addis Abeba. EFE

ya-mrgz/mah