Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medicina riproduttiva e desiderio di raggiungere la genitorialità

Il dottor Moriente è in tournée, presentando i risultati della medicina riproduttiva a donne e uomini chiedendo di soddisfare il desiderio di genitorialità. & Nbsp.

In questo promemoria, il professionista dimostra il percorso che la ricerca scientifica e la pratica della medicina riproduttiva hanno raggiunto per rispondere a questa richiesta.

“Ci sono questioni in medicina che hanno impronte diverse da sole, ad esempio l’ostetricia, che è una combinazione di medicina e attività sociale, perché quando le persone assistono alla nascita dei nostri figli, siamo pronti a ricevere buone notizie; e il dottore , per assistere al processo che è soprattutto naturale che Carlos Morente ha iniziato dicendo; Aggiunge: “Quando parliamo di medicina riproduttiva, i medici che la praticano, non affrontiamo una specifica malattia, ma stiamo curando un desiderio; in altre parole, gli specialisti in medicina riproduttiva sono interessati a una coppia, o una donna o un uomo, che ha il desiderio di dare vita a un nuovo essere e prolungare la loro vita nel bambino. Il più delle volte questo desiderio è naturale, ma altre volte incontriamo ostacoli che rendono difficile o addirittura impossibile realizzare questo desiderio in modo naturale. “

Carlos Moriente fece una pausa e continuò: “Quindi l’umanità e le scienze mediche hanno cercato le risorse per realizzarle e soddisfare quel desiderio”. Completa rapidamente questa affermazione, affermando che “la medicina riproduttiva fa fronte a diverse condizioni umane e sociali. In termini di questo c’è un continuo scambio tra progresso medico e assistenza sociale”.

Utilizzando una sintesi storica, Moriente afferma che, agli albori della specializzazione, ha iniziato la fecondazione in vitro nei centri più avanzati del mondo. Quindi continuiamo l’ICSI, che è l’iniezione di sperma nell’uovo. Negli anni abbiamo potuto ricorrere alla donazione volontaria e solidale dei nostri ovuli ad un’altra persona, e quindi con la possibilità che ci fossero progressi nel congelamento dei tessuti, si praticava nel congelare l’ovulo per la stessa o per la persona. altro ; Lo stesso si potrebbe fare, dopo pochi anni, con lo sperma. Il medico ha concluso: “Tutto ciò che è stato menzionato sono pietre miliari che hanno influenzato il nostro progresso scientifico e tecnico nella natura della medicina riproduttiva”, aggiungendo: “D’altra parte, abbiamo le richieste della società che cercano di soddisfare questo desiderio. Composizione , possiamo confermare che iniziamo a produrre un evento diverso da Preceduto: rimuovere l’ovulo dal corpo umano, farlo fecondare e impiantare l’embrione in quel grembo in modo che la gravidanza continui.È stata una cosa nuova che ha impressionato e generato paura e è diventato oggi un argomento comune. Oggi questa pratica è pienamente compresa e accettata dalla società

READ  Rapporto globale dell'indagine sull'area di mercato dei radioisotopi della medicina nucleare degli isotopi per la crescita esplosiva globale (2021-2026)

Ma negli anni la società ha prodotto aperture che ne derivavano altre esigenze convergenti con nuovi desideri: siamo partiti dalla donna e dal suo desiderio di gravidanza e dall’ostacolo che lo ha impedito; Per superare ampiamente questo ostacolo, continuiamo a fare progressi; L’umanità, poi, superando i pregiudizi, ci ha permesso di aiutare l’uomo, i cui spermatozoi, per il loro numero debole o esiguo, richiedono l’attenzione delle scienze mediche. Tutto ciò potrebbe essere fatto grazie ai progressi nel congelamento dei tessuti.

È di grande importanza che il ciclo riproduttivo di una donna, che ha circa 40 anni, sia rispettato; La morte biologica di una donna le rende difficile concepire. Il congelamento ci ha aiutato a dare risposte soddisfacenti a queste situazioni: una donna può preservare i suoi ovuli congelandoli e usandoli in tempo per lei e le circostanze che la circondano, poiché ha un partner o da sola che può provare a identificarli. Desiderio di praticare la genitorialità utilizzando il tuo materiale genetico.

Ci capita nelle cliniche che ci prendiamo cura di donne che, anche in età fertile, mancano o mancano di ovociti; In questo caso, quella donna può ricorrere all’uovo donato. Donare gameti che consentono a qualcuno che ne ha bisogno di avere un bambino è un atto d’amore. Oggi nella medicina riproduttiva, queste procedure rappresentano tra un quarto o un terzo delle procedure di fecondazione assistita altamente complesse che vengono eseguite utilizzando materiale genetico che è stato donato, almeno da un lato.

Recentemente, un’altra richiesta è sorta da persone, siano esse donne o uomini che vogliono avere un figlio per creare una famiglia con un solo genitore. D’altra parte, la medicina riproduttiva ascolta e si prende cura di coppie uguali che, prive di potenziale riproduttivo, devono ricorrere ad alcune delle tecniche sopra menzionate.

READ  Ostacoli alla guarigione

Spesso troviamo che qualcosa è assente, potrebbe essere l’utero o lo sperma. Ancora oggi l’aspetto legale ci ha permesso di ricorrere alla maternità surrogata. Ciò che si chiama maternità surrogata. Questa pratica è indicata per le donne che non hanno un utero; Oppure in quelli che sono fermi, la presenza della stessa persona non può sopportare una gravidanza e avere un figlio; Oppure affrontiamo l’assenza biologica che si verifica nel caso delle coppie maschili.

Va sottolineato che il progresso interpretativo delle scienze giuridiche ha permesso, nel caso del nostro Paese, di superare il vuoto giuridico: “Ciò che non è espressamente vietato, è permesso”, consente di dare inclusione giuridica e un quadro di protezione alle donne e uomini che hanno fatto ricorso a questa forma giuridica, e noi già svolgiamo diverse pratiche. La attuiamo in modo appropriato ed efficace. La donna che “presta” il suo utero interviene, e invece abbiamo l’origine dei gameti, cioè l’ovulo può essere donato oppure può essere di entrambi i coniugi; La stessa cosa accade con lo sperma, che può essere della banca o del coniuge principale; In questo modo l’embrione formato verrà impiantato nell’utero della donna che lo sostituisce e dopo nove mesi partorirà e partorirà una coppia di genitori.

Come si vede, ci troviamo di fronte a questioni molto delicate che meritano l’attenzione di tutti coloro che intervengono per garantire ciò, attraverso valutazioni che includono importanti questioni psicologiche, mediche e legali; E l’accordo di tutte le parti per garantire che i termini delle soluzioni siano rispettati

Carlos, hai viaggiato per il maggiore quasi sin dal suo inizio, cosa diresti di tutte queste fasi che il maggiore sta attraversando finora?

READ  La Cina ha effettuato nuove esercitazioni militari vicino a Taiwan dopo l'arrivo di un aereo militare statunitense sull'isola

Continuo a credere che la riproduzione umana abbia più risonanza a causa di qualunque cosa sia in gioco e per le emozioni che sta mobilitando. Nella riproduzione ci sono molti aspetti che generano paura. Ma nella mia esperienza quello che sta succedendo è conoscere tutte le persone coinvolte: coloro che mettono alla prova il loro corpo, i loro sogni, i loro desideri e le loro paure e coloro che lavorano per aiutare le persone che vengono a fare causa, spero di non poterlo fare. essere ancora incoronato.

Ricordiamoci che originariamente ai medici pionieri non era permesso condurre queste indagini negli ospedali pubblici convenzionati con le università, era loro proibito farlo; Quindi hanno dovuto rivolgersi alla sfera privata. In origine, queste pratiche generavano paura e indecisione. Questo è stato il caso nel corso degli anni in cui ogni progresso ha suscitato opinioni e risentimento. Ma coloro che lo hanno fatto sono stati convinti e hanno sostenuto ogni nuovo passo con prove e rigore scientifico.

Insomma, è stato un miglioramento dell’umanità capace di dare risposte biologiche al desiderio che, altrimenti, sarebbero state impossibili da soddisfare; Che rappresentava il contenimento emotivo di coloro che innalzavano contro di noi i loro desideri e sogni di concedere amore e prolungare la vita al di là di loro.

* Dr. Carlos Moriente, ginecologo, specialista in medicina della riproduzione Registrazione: 6709 – Direttore medico del Brwar Medical Center – Programma di assistenza alla riproduzione Rosario