Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Maurizio Ferrares, filosofo italiano: alla ricerca della verità

Nel corso degli anni ’80, centinaia di migliaia di radioascoltatori cileni, la maggior parte dei quali contrari al regime di Augusto Pinochet, hanno seguito ogni mattina le alternative di Diario de Coprativa. Naturalmente, prima che apparisse la voce musicale e la stella distintiva di Sergio Campos, una voce radiofonica molto solenne ha avvertito: “Hai il diritto di conoscere la verità … e la verità sta nei fatti”.

A quel tempo, l’affermazione aveva tutto il significato e tutta la coerenza che si poteva immaginare: c’è un fatto che può essere osservato e ci sono metodi di verifica per determinare se ciò che è stato confermato su questo fatto è vero o falso, il che è una domanda valida a livello strada e in campus, altrimenti Garibola e il curriculum tutelano Scientifico.

Eppure, allo stesso tempo, in alcuni nuclei accademici negli Stati Uniti e in Europa, sono nate questioni di conoscenza per come la conoscevamo. Alcuni di questi intervistati si definivano – o altri li chiamavano – postmodernità: dissero che ciò che sappiamo della realtà non è altro che storie e niente è più vero di altri; Che nella conoscenza non esistono cose come l’autorità o l’obiettività; Questa lingua crea letteralmente la realtà (uno dei suoi slogan più popolari fino ad oggi); La scienza è una pratica sociale come molte altre, e poiché non possiamo accedere alla realtà, non ci sono fatti, solo spiegazioni, e ciò che chiamiamo “verità” è una questione di prospettiva.

Decenni dopo, un po ‘di buon senso sembra aver abbracciato l’idea che ognuno abbia la propria “verità”. E ciò che in precedenza era noto come menzogna politica è stato assolto e ribattezzato dall’amministrazione Trump. Li hanno chiamati sfacciatamente “fatti alternativi”. O i fatti, per asciugarlo, anche se poco importa.

Parte di quanto sopra fa parte delle ricerche e delle riflessioni di Maurizio Ferraris (Torino, 1956). Allievo “ribelle” di Gianni Fatimo e allievo di Jacques Derrida, direttore del LabOnt (Laboratorio di Ontologia) dell’Università di Torino, e autore di una cinquantina di libri, tra cui Un’introduzione al nuovo realismo (2014) e Il mistero è una cosa pericolosa (2018). Hanno partecipato alla loro ultima produzione editoriale Metafisica del web (2020) e Post-verità e altri misteri (2019), l’ultimo libro in cui si afferma che “è difficile non vedere la post-verità come risultato di una linea conservatrice che ha trovato la sua legittimità filosofica nel postmodernismo e nel populismo, e la sua diffusione politica”. Ora, da remoto e per iscritto, Ferraris risponde alle domande di La Tercera.

Qual è lo stato della verità oggi?

All’Accademia, questa era una domanda comprensibile, e sembrava giusto dire che coloro che sono chiamati pazzi una volta sono considerati ispirati dagli dei in un altro momento. O che la verità non è altro che una vecchia bugia che ha finito per dimenticare la sua origine, o che non ci sono fatti, solo spiegazioni. Ma gli stessi accademici che offrono questi avvertimenti critici contro una concezione ingenua della verità sanno molto bene che esistono standard di oggettività. E chi dice che non ci sono fatti ma piuttosto spiegazioni non esiterà a citare in giudizio un collega che vince una posizione accademica competendo con un libro di plagio.

READ  Raphael in Technopolis: Com'è la mostra che restituisce lo spirito del genio del Rinascimento

Il mondo extracurricolare è diverso. Da un lato, ci sono standard di verità più sciolti, proprio perché non si è realmente un professionista, quindi è più facile, ad esempio, assumere errori di ragionamento. Pensiamo all’idea che circolava all’inizio della diffusione del virus: che questo fosse il risultato della globalizzazione, come se non ci fossero molte epidemie mortali prima della globalizzazione, e soprattutto come se fosse per prevenire la globalizzazione, la trasformazione, per per il bene, ad esempio, della Terra da tondo a piatto, può essere una corretta prevenzione contro Covid-19.

Ora, è vero che queste idee stanno circolando anche nei circoli accademici, ma ci sarà sempre qualcuno che obietterà “Cosa stai dicendo? Pensi che basti pensare?” D’altra parte, nel più grande del web, è più facile creare una camera d’eco che riunisca tutti coloro che sono convinti che il virus abbia avuto origine a causa della globalizzazione e che nessuno li smentirà.

D’altra parte, aggiunge Ferraris, “sono in gioco interessi più forti. Anche se fortunatamente l’Italia non ha avuto un regime autoritario come il regime di Pinochet sin dal fascismo, abbiamo avuto un primo ministro, Berlusconi, per scacciare i sospetti di sfruttamento della prostituzione e dei bambini. abuso, affermando che la ragazza che praticava Con il suo sesso il mestiere doveva essere rilasciata dalla polizia perché era la nipote dell’allora presidente egiziano [Hosni] Benedizione. Questa versione è stata supportata da un voto parlamentare che ha chiamato in sostanza a giudicare se questa ragazza fosse la nipote di Mubarak. Dal momento che Berlusconi aveva la maggioranza, si è scoperto che era la nipote di Mubarak, e poi si è data un esempio dell’affermazione consensuale della verità che sarebbe piaciuta al postmodernismo “.

L’idea che non possiamo arrivare alla verità è molto vecchia. Cosa ne pensate del contributo dei filosofi del Novecento in questo senso?

Da un punto di vista teorico, i filosofi del Novecento hanno aggiunto molto poco, se non per l’idea che la difficoltà o l’impossibilità di raggiungere la verità non è un vincolo cognitivo, ma piuttosto una possibilità politica di emancipazione. Ma qualcosa del genere c’era davvero a Nietzsche. Le novità non vengono dalla filosofia, ma dalla tecnologia e dalla società.

Nell’Ottocento le idee che nacquero nell’università rimasero all’università, che peraltro era frequentata da pochissime persone, in un mondo composto per lo più da analfabeti. Il fatto encomiabile in sé è che il mondo oggi sa leggere e scrivere ampiamente, che l’accesso all’università e alla conoscenza è stato ampliato e che ci sono sistemi tecnici per diffondere opinioni alla portata di chiunque, hanno prodotto le idee delle élite , una minoranza e non dannosa, che sono diventati la maggioranza e il dannoso.

Killian Conway, il consigliere Trump che è meglio conosciuto per i suoi “fatti alternativi”, aveva sicuramente sentito qualche discorso foco-Nietzsche al college. Il problema nasce quando questa diventa un’arma, non nelle mani di un professore impotente e socialmente irrilevante, ma del Presidente degli Stati Uniti, che ha twittato e ritwittato i suoi seguaci fino a convincerli della verità alternativa, secondo la quale hanno rubato la loro rielezione. È chiaro che a questo livello sorgono seri problemi.

Sopra Post-verità e altri misteri Lei afferma: “Una democrazia in cui la teoria secondo cui i vaccini causano l’autismo è riconosciuta valida, nel rispetto delle convinzioni individuali, non sarà democratica”. Qual è il legame che stabilisci tra democrazia, scienza e verità?

La monarchia assoluta è ciò che conferma che il re governa per diritto divino, e il primo passo per la democrazia è dire che non c’è verità divina, perché non ci sono prove che Dio si sia espresso negli affari temporali e nel sangue del re. È rosso, come tutti gli altri. Questo primo passo, quindi, consiste nel dire che c’è qualcosa di reale (tutti gli esseri umani hanno il sangue rosso) e qualcosa di sbagliato (la verità divina non esiste). E la minaccia alla democrazia, che è sempre possibile, è dire, ad esempio, che un conoscente di Berlusconi è la nipote di Mubarak, anche se è un falso.

L’idea di minimizzare la verità in un evento sembra interessante (cosa c’entra 2 + 2 = 4 con la democrazia?), Ma non ci porta troppo lontano, perché se 2 + 2 non è necessariamente 4, ma, se lo desideri, 3 o 5, puoi concludere che Trump non aveva torto nel sostenere che la sua vittoria era stata rubata. Dice Ivan Karamazov [en Los hermanos Karamazov, de Dostoievski]: “Se Dio muore, tutto è possibile”. Questa è un’affermazione palesemente falsa: le alleanze vengono stipulate in un paese prevalentemente ateo, come il Regno Unito, e in un paese prevalentemente religioso, come gli Stati Uniti. Ma se la verità muore, allora tutto sarà possibile, e per esempio, posso facilmente dire che la Polonia ha invaso la Germania nel 1939 e nessuno può obiettare.

Come valuta l’andamento dei “fatti alternativi” e le conseguenze dopo l’inizio delle vaccinazioni contro il Covid-19?

Mi sembra un fenomeno secondario che deriva, come sempre, dalla cospirazione e dal desiderio, umano ma distruttivo, di avere ragione e di sapere più degli altri, di conoscere il retroscena delle cose, ecc. Personalmente, penso che sia della massima importanza che una volta apparso il virus, sia iniziata la ricerca del vaccino (un vaccino efficace non un vaccino alternativo), e almeno in Italia, le persone non fittizie hanno smesso di vaccinarsi, anche se so cose erano diversi altrove.

In una parafrasi ironica di una sostenitrice della post-verità, scrive: “Dobbiamo dire addio all’adorazione, che è comunque un credente superstizioso, alla verità, e la vediamo come un orpello inutile, come una pacca sulla spalla data a una presentazione e per cercare di promuovere il dialogo e l’accordo sociale. “..

Il confronto tra la scommessa sulla schiena e la verità apparentemente ridicola è preso non in modo cinico, ma solo per generare un’immagine espressiva, [Richard] Rorty en su diálogo con Pascal Egel (Qual è l’uso della verità, 2005).

Qual è la compatibilità o l’incompatibilità che vedi tra verità e giustizia sociale?

Ho già detto qualcosa sulla discrepanza tra relativismo e giustizia sociale, ma il punto merita di essere ripreso. Supponiamo di progettare un sistema di assistenza, con interventi a sostegno di coloro che ne hanno più bisogno. Ma se intervieni a nome dei ricchi, dato che non ci sono fatti, ma solo spiegazioni, allora il mio lavoro politico non può essere caratterizzato dalla giustizia.

Anche le iniziative che intenzionalmente e giustamente si sono impegnate per la coesistenza e la riconciliazione, come la Commissione per la verità e la riconciliazione istituita in Sud Africa, non potevano fare a meno della verità per ottenere la riconciliazione. Per fare un esempio ipotetico, è possibile immaginare che una riconciliazione tra Germania e Israele realizzerebbe qualcosa del genere: “Il modo migliore per riconciliarsi con gli israeliani è ignorare l’Olocausto, in modo che non abbiano nulla da rimproverarci”?

Non si può essere solidali o semplicemente senza la verità, tenendo presente che la storia e la geografia sono piene di società di solidarietà, ma non solo: solidarietà tra aristocratici per preservare la schiavitù (la storia americana ne sa qualcosa), solidarietà tra gangster (la storia italiana lo sa qualcosa su Quello, ma sa qualcosa anche sugli Stati Uniti, perché la mafia è una merce che si esporta). O che il Tribunale del popolo abbia chiesto un verdetto, non in nome della verità, ma in nome della solidarietà nazionale, i responsabili, i veri e soprattutto i cosiddetti (cosa importerebbe, se non ci fossero i fatti, solo spiegazioni?) Hitler, nel luglio 1944.