Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mauricio Macri e Alberto Fernandez, da entrambi i lati del Cellobag | marca agrogarcas

“Che grande invenzione, silobbag, vero?” Lo ha detto sarcasticamente Mauricio Macri mercoledì dopo aver pubblicato una lettera in cui si chiedeva di “tornare sulla strada degli anni ’90”. Invece, Alberto Fernandez ha fatto riferimento a “coloro che tengono i 20 miliardi di dollari in campo (in Cellobag) nella speranza di realizzare un profitto maggiore quando il Paese ne avrà bisogno”. Il silobag è al centro dei problemi, almeno è lì che lo mettono gli attuali ed ex presidenti. Questo gadget, che costa appena diecimila pesos e può contenere fino a 200 tonnellate di grano, non era uno scherzo argentino, ma è stato utilizzato dagli anni ’70 negli Stati Uniti e in Europa per conservare il foraggio. Ciò che è un’invenzione argentina è il suo uso del ricatto e della speculazione.

Mentre per gli imprenditori rurali negli Stati Uniti e in Europa si trattava di fornire cibo per gli animali durante l’inverno, la nazionale argentina “rurale” lo utilizzava per aumentare la propria ricchezza a spese delle tasche di lavoratori e pensionati. Mantenendo il silobag e non ottenendo i 20 miliardi di dollari che avrebbero dovuto essere venduti in questo periodo dell’anno, stanno prosciugando il mercato del dollaro e spingendo per una svalutazione.

Mauricio Macri disse che bisognava tornare sulla pista degli anni Novanta, quando il campo era peggio. Chiunque può acquistare 200.000 ettari al sud al costo di un appartamento a Palermo. Con un dollaro equivalente a un peso, era molto difficile esportare. Le economie rurali regionali furono devastate, centinaia di piccoli e medi produttori persero i loro campi a causa dei debiti assunti e il valore della terra era minimo.

La campagna si salvò quando l’economia emerse dall’economia individuale imposta da Domingo Cavallo con Carlos Menem e Fernando de la Rua. Questa produzione ha coinciso con il boom della soia. Grazie alle tragedie dell’epidemia e della guerra tra Russia e Ucraina, il prezzo del cibo ha superato il suo picco e i produttori rurali hanno beneficiato di queste tragedie. Ciò è stato accompagnato dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari. La svalutazione del 20 o 30 per cento che stanno cercando ora significherà un aumento dei loro profitti questa volta non provenienti da acquirenti internazionali, ma dal 20 o 30 per cento che riceveranno dai salari di lavoratori e pensionati.

READ  New York e New England in allerta per uragano e alluvione

È stato affermato che ci sono diversi fattori che determinano l’aumento del dollaro parallelo che ha ostacolato gran parte dell’attività economica. Ma c’è chiaramente un motivo e che se il campo dà il suo raccolto in modo naturale, i dollari in grano possono fermare questo innesco che travolge gli argentini.

La strategia dell’azienda agricola non è quella di cercare più profitti nel mercato a cui stanno vendendo, ma di far aumentare i finanziamenti di lavoratori e pensionati. È chiaro che il piccolo produttore – quando non affitta e non lavora la sua terra – ha una mentalità diversa. Ma gli interessi del mediatore e del proprietario terriero sono gli stessi del collezionista e dell’esportatore perché vanno a provvigione sui valori di vendita.

In Argentina, i cui vantaggi comparati risiedono nella ricchezza delle sue terre, l’oligarchia e le varie forme di sfruttamento rurale che le hanno sempre eguagliato si sono espresse in politica come forze conservatrici. L’attuale forte rapporto tra la comunità rurale e le altre associazioni con il PRO, o con Insieme per il cambiamento, non è nuovo. Né è nuovo che si comportino senza scrupoli nei confronti del resto del Paese. La forma capitalista di sfruttamento rurale che ha disegnato il progetto liberale del rokismo alla fine dell’Ottocento non è stata progressista ma è iniziata nelle mani di pochi ed è attualmente in poche mani perché tende ad essere una concentrazione sfrenata. Il campo “nazionale” va ricercato a ritroso nella storia o in roccaforti diverse da una comunità rurale o da un CRA o da quel tipo di entità, come il cosiddetto “auto-incontro” direttamente manipolato dal macrismo.

READ  La visita del Presidente a Russia e Cina suma incertidumbre y confusión en politica external y hasta en la interna

Vestiti con impeccabili gauchos quattro per quattro, si avvolgono nella bandiera argentina. Ma non sono solidali con il resto degli argentini e facevano parte di un governo disposto a dimenticare la pretesa alle Isole Malvinas che aveva lasciato in eredità al re di Spagna per dichiarare l’indipendenza. E per molti anni quegli oligarchi, proprietari terrieri, collezionisti ed esportatori hanno messo dentro e fuori i capi come meglio credevano.

Nel mezzo del caos che hanno contribuito a creare in gran parte approfittando delle circostanze eccezionali di una pandemia globale e della guerra tra due paesi produttori di cibo ed energia, i “patrioti” emergono cercando di pescare in un fiume turbolento.

La Carpentada Aldo Rico ha pubblicato un video in cui invitava i militari in pensione e attivi a organizzarsi per rovesciare il governo. Senza rendersene conto, il colonnello Rico ha reincarnato il settore delle vecchie forze armate che mangiavano dalle mani dell’oligarchia e delle corporazioni transnazionali, come quelle che agivano nella tragica Patagonia o nelle dittature.

Contemporaneamente al difensore della dittatura di Carpentada e ai torturatori e stupratori che vi hanno lavorato, il legislatore Francisco Sanchez, di Together for Change, ha pubblicamente chiesto le dimissioni di Alberto Fernandez. Sanchez combatte l’ala intransigente del PRO ed è un fan riconosciuto del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che è anche un sostenitore delle dittature militari in quel paese.

Nei corridoi della politica si ipotizza fino a che punto questo attacco sia mirato all’uscita anticipata del governo o sia semplicemente dovuto alla gola speculativa di capitali concentrati ed esportatori. C’è chi afferma che un’uscita anticipata dal governo non fa comodo a nessuno perché non ci sarà nessuno che vorrà sostituirlo in mezzo alla crisi e preferirà che il partito al governo si esaurisca prima, fino a quando non arriva un po’. O non c’è possibilità nelle elezioni.

Altri pensano al fenomeno suscitato dal kirchnerismo nel peronismo e alla necessità di porre fine a una proposta che è emersa come un grosso ostacolo al modello statale pianificato dal neoliberismo, paese di capitali concentrati con milioni di esclusi. Vedono una partenza già come quella di Raúl Alfonsín, e ancor più di quella di Fernando de la Rua, come certificato di morte del movimento popolare. Non sarà solo una sconfitta elettorale, ma una sconfitta a tutti i livelli.

READ  L'Ucraina ha confermato di aver distrutto sette aerei, un elicottero, tre droni e tre missili russi

Dopo De la Ra, i radicali progressisti si sono allontanati o si sono alleati con il kirchnerismo e l’apparato del partito era destinato a essere un incubo per i professionisti. Non ha nemmeno avuto la possibilità di insediare i suoi candidati nelle varie coalizioni, pur collocando la più ampia diffusione regionale nella coalizione di destra. La fantasia è che la stessa cosa stia accadendo ora con Kirchneriya.

I prezzi dei generi alimentari hanno cominciato a diminuire sui mercati internazionali. Ma questi agrogarca credono che beneficeranno maggiormente della svalutazione e manterranno la loro produzione in silos. Russia e Ucraina hanno concordato questa settimana in Turchia di rilasciare il grano che producono, il che porterà a un ulteriore calo dei prezzi.

Il governo ha visto il conflitto come una partita di braccio di ferro che è stata decisa dal tempo, perché in realtà non ha intrapreso alcuna azione. Il problema è che l’imprenditore rurale può perdere qualche peso, ma il governo perde di più a causa dell’usura.

Dal recupero delle campagne dopo de la Rua, questo conflitto si è ripetuto con i governi dell’epoca, compreso quello di Mauricio Macri. È diventato un problema cronico che deve essere preso in considerazione allo stesso modo della natura monetaria binaria dell’economia. Lo spettacolo infinito dei granai pieni di grano è l’immagine più chiara del disprezzo degli argentini. Ognuno ha diritto al proprio guadagno, ma questo settore non può prendere in ostaggio l’intero Paese ogni volta che ne ha voglia.