Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macri torna alla politica del Boca: si attacca a Brickelme e a quello che ha detto su Tevez

L’ex capo della nazione ha fatto riferimento al presente istituzionale di Xeneize e ha lanciato: “Non mi piace quando tutto ruota intorno a una persona”, di Juan Roman Riquelme.

Maurizio Macri Juan Roman è stato accusato di nuovo Riquelme Quando si esprime un’opinione su una politica Boca, come confermato dall’ex presidente di Xeneize e dalla nazione argentina “Il club è un’istituzione e deve avere un gruppo di Persone responsabili che hanno agito in maniera coordinata e non sono state viste”.

In un’intervista a Radio Mitre Córdoba, Macri ha sottolineato che ci sono molte persone che la pensano così “Le cose sono cambiate al Boca e non funziona più come una volta”. Ha nuovamente criticato la leadership di Jorge Amor Amel, pur concentrandosi su Riquelme: “Ci sono cose che sento con cui non mi sento identificata. Non mi piace quando si tratta di una sola persona”, Petto.

Contrariamente a quanto sostiene Roman, Macri è uscito allo scoperto Grazie a Carlos Tevez, Forte amicizia con Daniel Angelici, uomo vicino allo stesso Macri. “Lo immagino partecipare al prossimo futuro della politica del Boca, senza dubbio, lo vedo in pericolo”, Indiano. Anche se ha avvertito che prima lo immagina nella fase di apprendimento, “unirsi a un gruppo”.

Quando Macri ha paragonato Emile e Riquelme al Boca ad Alberto e Cristina

Circa due mesi fa, Macri ha rilasciato un’intervista in cui ha parlato delle differenze che sembravano esistere tra il presidente e il deputato del Boca, quando si parlava del disaccordo tra i leader di Brandsen e i leader di Eziza, ed è stato rilasciato : “Ameal sembra Alberto Fernández e Riquelme, Cristina Kirchner”.

READ  Battaglia è ancora al Boca: dettagli sul contratto

Cosa dice Tevez della sua possibilità di diventare il leader del Boca?

“È un’idea che hanno altre persone e me la tirano addosso, e fa molto rumore. Rido perché non so nemmeno cosa farò. Ho finito il mio primo anno di corso d’arte e il prossimo anno in cui ho iniziato il corso per allenatori”. Tutti conoscono l’amicizia che ho con Mauricio (Macri) e Danielle (Angelici) e la precedente dirigenza, ma ho sempre lasciato una cosa alle spalle. Se ci metti il ​​mio nome, sarò io a guidare la mia macchina, non sarà Macri o Daniel Angelisi. Se non fossi sicuro di come portare il Boca in vetta e sentissi di non essere pronto, non sarei un leader. Non cambierà la mia amicizia con Daniel e Mauricio. È una decisione che devo prendere con la mia famiglia e ho tempo fino al 2023 per avere un mandato e dobbiamo rispettarlo e augurargli il meglio. Voglio sempre il meglio per il Boca”.Apache è stato recentemente menzionato su TyC Sports.

Potrebbe interessarti