Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La MotoGP torna alla normalità per mettere fuori gioco Valentino Rossi

Speciale 2021: Un anno per tornare

Il nostro turno ha accelerato nel 2021 dopo l’impatto del Covid-19. L’azienda spagnola, direttrice e organizzatrice del Campionato del Mondo MotoGP, ha lanciato a fine marzo un nuovo campionato del mondo con tante novità.

La competizione motociclistica ha ripreso il suo consueto calendario dopo che più della metà dei Gran Premi è stata tagliata nel 2020 a causa del Covid-19, ha raggiunto accordi per garantire la presenza a lungo termine dei grandi team di prima classe come Ducati, Yamaha o Repsol e ha firmato nuovi accordi audiovisivi per espandere la propria presenza in tutto il mondo In un momento in cui le piattaforme erano l’unico modo per tenere traccia della concorrenza.

Inoltre, durante l’evento, la MotoGP è riuscita a ripristinare la presenza del pubblico sugli spalti. Ciò ha portato a due importanti risultati: il contributo a Dorna Sports per la ripresa della propria attività (che in circostanze normali i conti ammontano a 400 milioni) e, dall’altro, la presenza all’ultima gara del percorso (che si è svolta a Valencia) per lanciare una delle icone di questo sport, Valentino Rossi, che ha annunciato a inizio stagione che avrebbe parcheggiato la moto in garage dopo vent’anni di gare in prima divisione.

Un Mondiale “solito” e più sicuro

“La nostra idea per il prossimo anno è seguire il normale programma e programma”, ha commentato l’amministratore delegato di Dorna Carmelo Ezpeleta dopo la fine del Campionato del Mondo MotoGP 2020.

Dorna ha rispettato e ripreso il suo consueto programma pre-pandemia dopo aver tagliato il calendario in più della metà delle gare della stagione precedente, tenendo conto dell’evoluzione del Covid-19 in alcuni dei paesi in cui si svolge la competizione.

READ  Gianluca Lapadula si è recato in Italia per allenarsi con il Benevento | Video | La raccolta del Perù | RMMD | Sport totali

Prima che il Qatar iniziasse il campionato di 18 gare, il paese ha collaborato con Dorna per fornire vaccini contro il coronavirus a tutti i dipendenti del centro. l’anello Presenti in gara con l’obiettivo di “assicurare la salute e la sicurezza della MotoGP nei suoi continui viaggi intorno al mondo della stagione”.

Nel corso dell’anno, varie varianti e ondate di Covid-19 hanno fatto sì che Dorna cancellasse fino a sei Gran Premi, la maggior parte dei quali dislocati in paesi asiatici come, ad esempio, Giappone, Thailandia o Malesia.

Il pubblico torna al Gran Premio di Catalogna

La competizione non ha deciso di ripristinare gli spettatori sugli spalti fino alla settima tappa del calendario motociclistico, a patto che i rispettivi governi acconsentissero al provvedimento in base alla situazione della diffusione del coronavirus nei propri territori.

A differenza del 2020, quando si correva a porte chiuse per motivi di sicurezza a causa del Covid-19, la pista catalana ha potuto ospitare nelle sue tribune 20.000 tifosi, ovvero il 20% della sua capienza totale, che supera di poco i 100.000 spettatori.

Da allora, paesi come il Regno Unito, il Portogallo, l’Italia e gli Stati Uniti sono stati in grado di consentire ai fan di accedere alle proprie piste, sebbene ci siano anche limitazioni di capacità.

Dorna aumenta i suoi contratti audiovisivi

I Campionati del Mondo MotoGP hanno entusiasmato i fan durante l’anno della pandemia, poiché era l’unico elemento in cui potevano seguire la competizione attraverso le diverse piattaforme disponibili.

READ  Commemorazione della morte del grande poeta italiano Dante Alighieri ad Hanoi | cultura e sport

Di conseguenza, le reti televisive di tutto il mondo hanno negoziato e raggiunto accordi con Dorna per trasmettere le trasmissioni a lungo termine di MotoGP, Moto2 e Moto3, il Campionato Mondiale FIM Enel MotoE, le moto elettriche e il Campionato Mondiale Superbike.

La britannica Sky ha aderito alla competizione per trasmettere la MotoGP in Italia, mentre Nova Sport ha fatto lo stesso nella Repubblica Ceca, Voyo in Slovacchia, Sport TV in Portogallo e Ziggo Sport nei Paesi Bassi.

Inoltre, si è legata a una serie di documentari sulla Formula 1 e Netflix chiamata campagna per sopravvivereLa società spagnola ha raggiunto un accordo con Amazon per la distribuzione di un film documentario sui Mondiali 2021 prodotto da Mediapro.

La serie, che includerà fino a otto episodi di circa un’ora ciascuno, verrà mostrata esclusivamente su Prime Video e attirerà gli spettatori nel contenuto. dietro le quinte. In esso, il consumatore sarà in grado di vedere dalle sessioni di allenamento, dalle riunioni di squadra e dall’aspetto sportivo l’ambiente personale dei piloti.

L’attività di Dorna soffre del virus Covid-19

L’organizzatore della Coppa del Mondo ha perso 94 milioni di euro nel 2020, poiché le sue vendite sono diminuite di circa il 30%, a 209 milioni di euro a causa della ristrutturazione del calendario e dello svolgimento di gare a porte chiuse, un’area rilevante all’interno del campo annuale. Affari della MotoGP.

La maggior parte del fatturato della società, il 78% (162 milioni di euro) corrisponde alla prestazione di servizi fuori dal territorio nazionale.

Dei ricavi totali, il 66% (137 milioni di euro) è derivato dalla commercializzazione dei diritti audiovisivi.

READ  ◉ Il fiume del giorno: cosa ha detto Julian Alvarez sull'elogio di Guardiola, sul prossimo contendente alla Coppa d'Argentina e sulle ultime notizie

I servizi pubblicitari, invece, hanno contribuito nel 2020 a ricavi per 42 milioni (14% in meno), i servizi televisivi 28 milioni (-15%) e i servizi logistici per 1 milione di euro (68%). Nel 2021, le entrate recuperano; saranno superiori al 2020 ma inferiori al 2019, ha affermato la società.

“Il Dotore” sblocca la bici

Dopo vent’anni di gare in Prima Divisione, il pilota italiano Valentino Rossi, sette volte campione della MotoGP e difensore di top team della competizione come Honda, Yamaha e Ducati, ha annunciato che a 42, il 2021 sarà la sua ultima stagione al timone di una motocicletta.

L’italiano si è classificato tra i più grandi in gara dopo aver costantemente gareggiato per il campionato con concorrenti che hanno corso in tempi diversi, come Sete Gibernau, Max Biaggi, Casey Stoner, Jorge Lorenzo e Marc Márquez.

Rossi si è affermato come una vera leggenda del motociclismo.

L’arrivo di Valentino Rossi ha trasformato il motociclismo, poiché ha professionalizzato il Campionato del Mondo per un pubblico puramente motociclistico per trasformarlo in qualcosa di affascinante e ambizioso, ma senza perdere la sua essenza. Vent’anni dopo, bambini, adolescenti e anziani di 46 anni si salutarono per l’ultima volta