Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macri ha portato Bullrich a ottenere il sostegno della destra regionale  Incontro della Fondazione Libertad nella legislatura di Buenos Aires

Macri ha portato Bullrich a ottenere il sostegno della destra regionale Incontro della Fondazione Libertad nella legislatura di Buenos Aires

In una presunta campagna elettorale di fronte ad una battuta d’arresto, l’organizzazione Together for Change nei sondaggi sulle intenzioni di voto, Mauricio Macri ha portato Patricia Bullrich sul palco del principale forum della destra regionaleLi trovo dalla Fondazione Libertad.

La candidata ha quindi sottolineato che la coalizione alla quale appartiene è come “sbarcare in Normandia” per condurre una “battaglia finale” contro il kirchnerismo. Javier Miley ha accusato di “non avere la forza, il coraggio e il temperamento” per governare il Paese.

“Non ci candideremo finché un nuovo gruppo non avrà diritti ma non otterrà sostegnoL’ex ministro della Sicurezza ha detto davanti ai leader e ai presidenti di destra: “Il coraggio, il temperamento, la forza e la decisione di dire basta sono sufficienti. Non ci impediranno di governare. Stanno cercando di raggiungere il governo”. Hanno terminato le loro posizioni in mezzo a scandali ed eventi di conflitto sociale.

Alcuni degli ospiti erano ex presidenti Sebastian Pinera (Cile), Mario Abdo (Paraguay), Vicente Fox (Messico), Iván Duque e Andres Pastrana (Colombia), José María Aznar e Mariano Rajoy (Spagna).

A differenza di altre opportunità, Questa volta l’evento della Fondazione Libertad si è svolto in un edificio pubblico, la Legislatura di Buenos Aires. Questa volta il forum si chiama “Secondo incontro del Gruppo Libertà e Democrazia”.

Ci sono andati anche loro Juan Guaidoil deputato che per un certo periodo si è autoproclamato presidente del Venezuela, e senatore ed ex giudice brasiliano Sergio Moro, Promotore della condanna contro Lula da Silva, respinta quest’anno dal tribunale di quel paese a causa di gravissimi errori commessi nel processo.

READ  La Corte Costituzionale di Capo Verde ha rifiutato di sospendere l'estradizione di Alex Saab negli Stati Uniti

Bullrich contro Miley

Patricia Bullrich è stata una dei primi relatori a quell’incontro È uno sforzo di Mauricio Macri collocarlo in uno degli scenari più famosi della destra iberoamericana Oltre al tentativo di sfatare le voci su un riavvicinamento sempre più netto tra lui e il candidato di estrema destra Javier Miley.

con precisione, Il leader de La Libertad Avanza è stato uno dei due bersagli scelti da Bullrich per il suo discorso dai toni militariIn cui parlava di “combattere battaglie” e non di evitare “battaglie” e di “sbarcare in Normandia” come fecero le forze alleate nella seconda guerra mondiale.

Anche rivisto con spiegazioni uniche su Le “battaglie” combattute da “Insieme per il Cambiamento” contro i governi peronisti negli ultimi vent’anniCome “l’omicidio del procuratore Nisman”, “la legge anti-stampa” e “l’uso dei vaccini per vaccinarsi”.

L’aspetto più importante di questa sintesi è stata l’accusa di kirchnerismo “Hanno cercato di rovesciare il nostro governo (tra il 2015 e il 2019)”Perché “la loro logica è che o governiamo noi o non governa nessuno”.

Macri e la tecnologia

Ad aprire la partita è stato il cileno Sebastian Pinera, che ha tenuto un breve discorso in cui ha dato il passaggio a Mauricio Macri. Davanti al podio, l’ex presidente argentino ha dato la sua interpretazione di questo momento storico in cui ci sono “sempre più cittadini insoddisfatti e frustrati nonostante gli enormi progressi tecnologici”.

È come se la soddisfazione della società fosse legata alla tecnologia e non alla distribuzione della ricchezza. Macri ritiene che le fonti di conflitto sociale espresse in diversi paesi siano legate alla “quantità di informazioni che consumiamo”.

“Siamo nell’era della rivoluzione delle aspettative, perché parte di questa rivoluzione tecnologica è la quantità di informazioni a cui accediamo (…) e “Queste aspettative incontrollate ci hanno portato a crisi molto grandi come quella subita da Sebastian durante gli incendi di Santiago, dove non c’era alcuna domanda comune”.Lo ha detto riferendosi alle massicce proteste per la riforma costituzionale in Cile e per la caduta dello Stato neoliberista instaurato dalla dittatura di Augusto Pinochet.

READ  Perché si festeggia ogni 20 febbraio?

“La stessa cosa che hanno subito i francesi con i gilet gialli”.Ha mostrato il cellulare e ha aggiunto: “Tutto per questo dispositivo satanico che ci ha riempito di libertà”.