Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea ha iniziato ad agire dopo due decenni per fermare il crollo degli alveari

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2021 – 07:40

Marta Porras

Bruxelles, 4 luglio (EFE). L’Unione Europea questa settimana ha iniziato a muoversi per fermare il pericoloso declino delle api dovuto all’esposizione ai pesticidi, muovendosi verso un obiettivo comune di proteggere gli alveari, dopo anni di inazione a causa di discrepanze tra i paesi.

La convergenza degli Stati membri, raggiunta lunedì scorso nel Consiglio europeo dei ministri dell’agricoltura, consentirà di aggiornare la valutazione del rischio per le api dovuto all’esposizione ai pesticidi, secondo la Commissione europea.

In particolare, la maggior parte dei paesi dell’UE (inclusa la Spagna) ha sostenuto che il limite massimo consentito per la dimensione delle colonie di api dovrebbe essere del 10%, un requisito ben al di sopra degli standard attuali.

Nella discussione che ha avuto luogo durante la riunione dei ministri, è apparso chiaro che alcuni paesi, come Francia, Italia o Paesi Bassi, volevano andare oltre e raccomandavano di limitare la perdita di colonie al 7%.

Altri hanno sostenuto di consentire tagli superiori al 12% (Finlandia, Grecia o Polonia) e la Lettonia si è persino opposta a un obiettivo di protezione coordinato in tutta l’UE.

Secondo Bruxelles, “un chiaro sostegno a un obiettivo ambizioso” per proteggere questi impollinatori consentirebbe “di uscire dallo stallo nelle discussioni” e concentrare gli sforzi sul “raggiungimento dei risultati”.

“È un impegno positivo ma moderato”, sottolineano da parte loro dell’ONG BeeLife, che considera la possibilità di una perdita del 10% del volume degli alveari “in contrasto con una valutazione del rischio scientificamente valida”.

Noah Simon, di quell’organizzazione, ha detto in una conversazione telefonica con Effie che la reazione si traduce in un “gusto agrodolce” e che mentre il 10% è “meglio di niente”, è un livello non molto ambizioso considerando gli obiettivi europei per migliorare la sostenibilità.

READ  Vacanze: Spagna, Francia, Italia e Turchia Turisti britannici 2021 | Regno Unito

Questa organizzazione chiede agli stati di riconsiderare la loro posizione e di prendersi cura del 7% delle perdite nelle colonie.

Secondo i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), le api impollinano 71 specie di 100 colture che forniscono il 90% del cibo mondiale.

La popolazione di questo impollinatore è diminuita drasticamente negli ultimi due decenni e l’uso di pesticidi è stato identificato come una delle ragioni di questo declino.

La legislazione europea

Secondo le norme dell’UE, i pesticidi possono essere utilizzati in agricoltura solo se una valutazione completa del rischio mostra che il loro uso non danneggerà la salute umana o animale o causerà un impatto inaccettabile sull’ambiente.

Gli attuali livelli di rischio si basano sul Documento di orientamento sulla tossicità ambientale terrestre, elaborato dalla Commissione europea nel 2002.

Nel 2013, l’Autorità di vigilanza finanziaria egiziana ha adottato e pubblicato un documento di orientamento sulla valutazione del rischio dei prodotti fitosanitari nelle api.

Sebbene le linee guida del 2013 siano state utilizzate in alcuni casi, come la valutazione degli insetticidi neonicotinoidi – ora vietati nell’Unione Europea – non sono state pienamente implementate nel processo di approvazione normativa a causa della mancanza di un supporto sufficiente per loro tra gli Stati membri.

Nel marzo 2019, Bruxelles ha chiesto all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) di condurre una revisione del suo documento di orientamento sulle api, con l’obiettivo di presentare una proposta di protezione che tenga conto delle nuove conoscenze sulle api. impollinatori;

Tuttavia, la determinazione dei livelli esatti di protezione è una decisione politica e spetta ai gestori del rischio.

READ  Il russo Igor chiama il futuro della questione "fantascienza" e "propaganda mediatica".

“Il ruolo dell’EFSA in questo fascicolo è quello di fornire la migliore scienza possibile per garantire che i livelli di protezione richiesti siano soddisfatti”, affermano fonti dell’EFSA.

Prossimi passi

La Commissione europea ha affermato che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare sarà ora in grado di completare una revisione del documento di orientamento per le api.

Successivamente, una bozza di regolamento per l’attuazione di questo documento sarà presentata al Comitato permanente su piante, animali, alimenti e mangimi, dove la Commissione presume che andrà avanti perché l’approvazione non richiede il consenso dei paesi ma piuttosto un’approvazione qualificata. La maggioranza di.

Infine, il progetto di regolamento sarà esaminato dal Parlamento e dal Consiglio prima di essere adottato dalla Commissione. EFE

MB / lpc / rml

(Risorse di archivio su www.lafototeca.com codice: 13534216, 9782739 e altri).

(Maggiori informazioni sull’Unione Europea sono disponibili su euroefe.euractiv.es)

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA