Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea approva il divieto dei motori a combustione nel 2035 dopo che la Germania ha revocato il veto |  economia nazionale e internazionale

L’Unione Europea approva il divieto dei motori a combustione nel 2035 dopo che la Germania ha revocato il veto | economia nazionale e internazionale

Lunedì le 27 nazioni hanno ratificato l’accordo che vieta la vendita di motori a combustione, inclusi diesel, benzina e ibridi, dal 2035 dopo che la Germania ha accettato di revocare il veto dopo aver forzato un accordo con la Commissione europea per chiarire un divieto sui carburanti sintetici. A partire da quella data.

L’accordo si è concretizzato in una riunione a livello di ambasciatori a Bruxelles e dovrebbe essere approvato martedì dai ministri dell’Energia, durante la riunione ordinaria del consiglio di marzo, settimane dopo che la Germania ha aggiunto riserve a quelle dell’Italia (che aveva chiesto un’eccezione per i biocarburanti) e ha imposto un rinvio del voto.Senza una nuova data, solo sabato il vicepresidente del Patto verde europeo, Frans Timmermans, ha annunciato un accordo con Berlino per togliere il veto.

I dubbi dell’ultima ora di entrambe le delegazioni hanno preoccupato le istituzioni perché potrebbero pregiudicare l’adozione di un regolamento che fa parte del pacchetto sul clima che l’UE vuole rafforzare questo organo legislativo per ridurre le emissioni inquinanti di almeno il 55% del blocco entro il orizzonte del 2030 rispetto al 1990.

Il provvedimento era già stato approvato nella plenaria del Parlamento europeo del 14 febbraio, ma è stato nei negoziati a livello di Stati membri che la Germania ha mostrato la sua riluttanza per un accordo interistituzionale già concordato lo scorso autunno. Hanno difeso dalla Commissione europea che questo carburante sintetico non intaccherà l’accordo già chiuso tra il Parlamento europeo e i 27 sul divieto di commercializzazione dei veicoli a combustione nell’Unione europea dal 2035, mentre fonti diplomatiche sottolineano che l’importante ora è prevenire questo tipo di manovra da “indebolire” l’operato delle istituzioni europee, perché questa è la “vera preoccupazione”.

READ  Il Gruppo Marittimo e Logistico Italiano sostiene la permanenza in carica del Presidente del Consiglio

Repsol critica il fallimento del governo spagnolo nel sostenere la Germania

Il CEO di Repsol Josu Jon Imaz ha salutato l’accordo raggiunto a Bruxelles per revocare il veto sul divieto dei motori a combustione dal 2035, anche se si rammarica che il governo spagnolo non abbia difeso la posizione. “Sono lieto che il governo tedesco e il governo italiano stiano rafforzando questo impegno. Mi sarebbe piaciuto anche che il governo spagnolo sostenesse il non divieto, soprattutto per il settore automobilistico spagnolo. Siamo la seconda casa automobilistica europea e questo sarebbe sono stati un grave problema per il Paese”, ha detto il manager alla sua partecipazione alla conferenza. La Spagna si è svegliata! organizzato da spagnolo.

Pertanto, Imaze ha ritenuto che questa decisione, che è anche un “importante supporto” per l’impegno industriale di Repsol, possa essere interpretata solo come “l’Europa era consapevole del grave errore di vietare la vendita del motore a combustione nel 2035”. In questo senso, ha argomentato, la strada sta nel difendere la neutralità tecnologica e “fare sforzi” affinché i carburanti che saranno inclusi in futuro abbiano “le più basse emissioni possibili, cioè zero emissioni”.

Inoltre, l’amministratore delegato di “Repsol” ha stimato che le “misure di divieto” generano “incertezza” nei consumatori. “La gente non sa quale macchina sta comprando. Stiamo facendo mobilità solo per i ricchi”, ha detto il manager, che ha sottolineato che il parco spagnolo sta diventando “sempre più vecchio”, il che ha portato a una mancanza di emissioni riduzione.

Ha notato che questi messaggi sono anche riusciti a porre fine all’incentivo per le case automobilistiche a investire nell’efficienza del motore. “Non investiranno più nell’efficienza del motore, poiché le emissioni delle auto non diminuiranno. Il che è molto negativo per il settore industriale spagnolo, molto negativo per i consumatori e molto negativo per l’ambiente”.

READ  Il ritardo minaccia il piano di ripresa economica dell'Italia

D’altra parte, ha insistito Imazes, la politica energetica europea ha “fallito”, avendo puntato solo sulla sostenibilità, prescindendo dalla sicurezza dell’approvvigionamento e ottenendo un prezzo ragionevole. “Imbrogliamo in solitario. Nel mondo continuiamo ad aumentare le emissioni di anidride carbonica. Cosa sta succedendo in Europa? In Europa diciamo, no, qui stiamo scivolando, sì, perché le nascondiamo sotto il tappeto “, ha sottolineato. Nel caso della Spagna, ha indicato che esiste una legge in vigore che impedisce l’esplorazione e la produzione di gas naturale. Non suona come un grande esercizio di ipocrisia?Quando portiamo il gas naturale dagli Stati Uniti, la cosa da fare è “cercare di utilizzare tutte le fonti che abbiamo a portata di mano”, ha sottolineato.

Segui tutte le informazioni per cinque giorni In FacebookE Cinguettio E linkedino dentro Il nostro bollettino Agenda di cinque giorni