Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I viaggi spagnoli all’estero continueranno ad aumentare nel 2023

I viaggi dei turisti spagnoli all’estero hanno iniziato a riprendersi la scorsa estate, dopo due anni di restrizioni dovute alla pandemia, e questa tendenza continuerà per tutto il 2023, secondo un rapporto pubblicato dalla Federazione degli uffici nazionali del turismo straniero in Spagna. ONETE.

In questo modo, ONE prevede che “il 2023 sarà un buon anno per il turismo spagnolo in uscita, nonostante Molteplici sfide affrontato dal settore che non teme più la diffusione del virus Corona.

L’organizzazione pubblicherà presto i risultati di un sondaggio condotto tra i suoi membri “che rivela che nel 2022 gli spagnoli hanno già riacquistato il gusto per i viaggi all’estero”.

Nell’ultimo anno, infatti, i viaggi, i pernottamenti e la spesa dei turisti spagnoli sono “aumentati in modo significativo in quasi tutte le destinazioni che fanno parte di ONETE, con Fatta eccezione per le regioni adiacenti al conflitto dell’Ucraina.

“Il significativo aumento del numero di turisti spagnoli nei nostri paesi durante il 2022 è motivo di ottimismo e Buon auspicio per l’anno 2023 Perché stimiamo, con cautela, che questa tendenza sarà confermata». Domenico MolinoPresidente di ONETE, un’organizzazione di 21 uffici nazionali del turismo con una presenza in Spagna.

Immagine: AdobeStock

Il fattore prezzo sarà ancora più importante nel 2023

Secondo la prima anteprima del rapporto ONETE, “il COVID-19 non è più un motivo convincente per gli spagnoli di rinunciare a viaggiare all’estero. Questa malattia è molto grave. sotto per motivi economici, che ora domina l’elenco delle barriere al turismo spagnolo in uscita.

“Siamo pienamente consapevoli della sfida che il 2023 presenta al settore turistico, con un quadro di incertezza che continua a risentire della pandemia e a causa complessità geopoliticacon le conseguenze Aumento generale dei prezzi, ricorda il responsabile di ONETE. “In tutta saggezza”, aggiunge, “vediamo che ci sono molte ragioni per sperare”.

READ  Più della metà degli spagnoli esclude una ripresa a breve termine

In questo senso, la stragrande maggioranza degli uffici nazionali del turismo membri dell’organizzazione la pensa così Tra il 2023 e il 2024 verranno recuperati i numeri pre-pandemia.

Attualmente, ONETE ha 21 soci, che insieme accolgono l’85% dei viaggiatori spagnoli che si recano all’estero: Germania; Andorra. Austria ; Belgio: Fiandre e Bruxelles; Repubblica Ceca; Finlandia; Francia; Gran Bretagna ; Ungheria; Iran; Irlanda; Israele; Italia; Marocco, Ovest, tramonto; Norvegia; Polonia; Portogallo; Repubblica Dominicana; Seychelles. Svizzera e Tunisia.

Notizie correlate:
– Gli uffici del turismo estero in Spagna hanno un nuovo capo
Esportatore spagnolo: le prevendite iniziano a tornare entro il 2023

Anche l’indagine INE Familitur conferma la ripresa dei viaggi all’estero

Secondo l’INE Family Survey pubblicato lo scorso dicembre, il Spesa spagnola su Pacchetti turistici Uscite nei mesi di luglio, agosto e settembre per complessivi 984 milioni di euro, pari a a Aumento del 324%. Rispetto alla stagione estiva 2021, l’epidemia è ancora gravemente colpita.