Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’unico annuncio del Presidente: come funzionerà il Fondo di stabilizzazione dei prezzi del pane

Il fondo cercherà di contenere il prezzo del pane (NA)

Nel suo discorso di stasera, il presidente Alberto Fernandez ha fatto riferimento all’aumento dei prezzi internazionali del grano, a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, e all’impatto di questa situazione sul mercato interno.

A questo proposito, ha dichiarato che i relativi prezzi alimentari dovrebbero essere abbordabili. E nel caso del pane, ha promesso di creare una scatola di stabilizzazione. Questa è stata quasi l’unica misura che ha annunciato, sebbene non abbia fornito dettagli.

“Ho preso la decisione di proteggere gli argentini da questo fenomeno inaspettato e spero che sia temporaneo”, ha detto il capo dell’esecutivo nazionale.

“Non rimarrò passivo in questa situazione”, ha detto della guerra. “Non fare nulla avrà conseguenze molto chiare: un aumento del grano aumenterà i costi di produzione di pane, pasta e farina che vengono consumati da milioni di argentini e argentini. Non si tratta degli incrementi che purtroppo stiamo vivendo a causa della macroeconomia disagi con cui abbiamo dovuto fare i conti, ma sull’effetto che riguarderà le famiglie More con gli insoliti incrementi del canestro di base. Ho preso la decisione di proteggere gli argentini da questo fenomeno inaspettato e spero che sia temporaneo”.

“L’aumento del grano aumenterà i costi di produzione del pane, della pasta e della farina che consumano milioni di argentini e argentini”

E non molto. Ha sottolineato: “Ho indirizzato i miei ministri a prendere le misure necessarie e loro avranno il compito di comunicare con loro a partire da domani”, sottolineando la sospensione dell’inizio della guerra all’inflazione che ha annunciato poche ore fa.

Il ministro dell’Agricoltura, Julian Dominguez, ha promesso domani di fornire dettagli su come saranno le misure. Sarà dalle 11 in una conferenza stampa presso la sede del portafoglio agricolo. In primo luogo, si procederà ad aumentare il divieto di olio e farina di soia, spostandoli dal 31 al 33%. La destinazione che riceverà ulteriori fondi dall’aumento dei suddetti tagli ai sottoprodotti di soia, che secondo il Buenos Aires Grain Exchange è stimato in 425 milioni di dollari, creerà un’agenzia governativa per gestire i fondi e sovvenzionerà un sacco di farina in arrivo nei panifici il cui prezzo è salito nelle ultime settimane e da lì si trasforma nel prezzo del pane.

Presidente Alberto Fernandez
Presidente Alberto Fernandez

Mentre il governo ha annunciato il nuovo fondo anti-inflazione, sono stati pubblicati diversi studi che dimostrano che il settore produttivo ha una bassa percentuale nel prezzo finale del cibo. Nel caso del pane, secondo le ultime statistiche della Società argentina per lo sviluppo agricolo (FADA), Il grano rappresenta il 12,9% del valore finale del pane, il macinato il 5,2%, i prodotti da forno il 60,4%, le tasse il 21,5%.. D’altra parte, il prezzo indicato è costituito dal 67% di costi, dal 21,5% di tasse e dall’11,5% di profitti. Inoltre, il prezzo del grano viene moltiplicato per 7 del campo fino a quando il pane non raggiunge la gondola.

READ  La Lituania ha chiesto all'Unione europea di contribuire a contenere l'ondata migratoria causata dalle tensioni con il regime bielorusso

Capo del Bakers Center 27 aprile Avellaneda, Gaston Mora, e qualche giorno fa ha commentato che un sacco di farina per affari è stato ottenuto tra 1050 e 1100 pesos per poi arrivare a 1800 pesos. A Santa Cruz, per esempio, lo vendono a 2.000 pesos. “Siamo assolutamente obbligati a convertirlo al prezzo del pane, perché non è un aumento di 50 pesos, ma era di 400-600 pesos a sacco. Per meno di 200 pesos al chilo, ci sarebbero pochissime panetterie che potrebbero vendono pane con pane. Con chi sto parlando. In realtà lo vendono a 270, 280 o anche 300 pesos al chilo “, ha detto a questo punto vendita.

Come hanno appreso questi media, domani il ministro Julian Dominguez può affermare che l’aumento delle riserve sui sottoprodotti della soia non avrà un impatto negativo sul prodotto, perché l’abolizione della differenziazione è un requisito del settore. Tuttavia, gli analisti del mercato agricolo hanno sottolineato che l’impatto negativo sui produttori sarà che poiché le industrie dovranno pagare più tasse per esportare i sottoprodotti, ci sarà meno margine per pagare i produttori per i loro beni. Lo indica il capo economista della Agricultural Development Corporation of Argentina (FADA), David Mizochi l’ha sostenuto La diminuzione del potere d’acquisto è stimata in $ 15 per tonnellata.

macinazione di piccole e medie imprese

Prima dell’annuncio, i membri dell’Associazione delle piccole e medie industrie molitorie della Repubblica Argentina (APYMIMRA) hanno inviato una lettera al governo presentando possibili misure e rilevando che “non siamo produttori di prezzi e queste politiche ci mettono a rischio”. La sala rappresenta 30 mulini con sede a Buenos Aires, Cordoba, Entre Rios, La Pampa e Santa Fe.

READ  Ha messo il suo conto in banca sull'avviso funebre

Nella lettera si accennava che il settore deve far fronte a strutture di costo in dollari, dove il prezzo della farina ha storicamente seguito l’evoluzione del prezzo del frumento e ciò avviene a circa l’80% del costo totale della molitura. Per il settore delle PMI, “la produzione industriale di farina non mostra margini di profitto elevati, con la necessità di evitare forniture spesso convertite in dollari”.

È anche chiaro che la farina rappresenta tra il 15 e il 20% del costo della cottura, secondo i dati FADA. Ad esempio, nel caso del pane, la composizione del prezzo è concentrata nel panificio e nella componente fiscale, mentre il prodotto di frumento mostra solo il 13% e i molini il 5%; Questo è solo il 18% del prodotto totale.

“Tuttavia, riconosciamo che facciamo parte del settore della produzione alimentare e che ci sono settori della società che soffrono di debolezze che richiedono politiche statali e di ‘mercato’ che garantiscano loro l’accesso ad alcuni prodotti alimentari a prezzi ragionevoli”, hanno affermato dal ente, i cui membri stanno promuovendo un’immissione di fondi direttamente nelle carte alimentari esistenti delle popolazioni più vulnerabili (o in una nuova specifica carta creata a tal fine), tenendo conto di ciò con ragionevole sforzo da parte del settore produttivo.

Continuare a leggere: