Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

6 Putin chiede di porre fine alla guerra

Vladimir Putin incontra il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan a Sochi, in Russia. La Turchia potrebbe essere il mediatore di un accordo di pace tra i due paesi in guerra. Foto: Alexander Zmlyanchenko/Reuters.

Un mediatore accidentale appare nella guerra in Ucraina: Recep Tayyip Erdogan, presidente turco. Ha la fiducia di Vladimir Putin. Entrambi hanno lo stesso stile di governo autoritario. Hanno avuto uno stretto contatto quando i due eserciti sono intervenuti nella guerra civile siriana.

La Turchia è stata molto ben posizionata per essere il mediatore con Russia e Ucraina, e la mossa sembra dare i suoi frutti. La Turchia è un membro della NATO e ha anche un dialogo diretto con i membri dell’Organizzazione per la difesa militare occidentale. Negli Stati Uniti e in Europa lo vedono con grande sospetto, ma è il canale aperto che hanno con Mosca e sono disposti ad approfittarne..

Giovedì pomeriggio, Putin ha chiamato Erdogan e gli ha specificamente parlato delle richieste della Russia un trattato di pace con l’Ucraina. Da parte turca, l’hadith è stato ascoltato Consigliere e Portavoce della Presidenza della Repubblica Ibrahim Kalinche in seguito ha fornito dettagli alla stampa a Istanbul e in un’intervista al corrispondente della BBC John Simpson.

Secondo Kalin, un illustre accademico specializzato in questioni islamiche, le richieste russe rientrano in categorie e “I primi quattro non sono molto difficili da incontrare per l’Ucraina”.

Secondo le richieste di Putin, Zelensky dovrebbe accettare l'annessione russa della Crimea e di gran parte dell'Ucraina orientale.  (Foto: Presidenza dell'Ucraina)
Secondo le richieste di Putin, Zelensky dovrebbe accettare l’annessione russa della Crimea e di gran parte dell’Ucraina orientale. (Foto: Presidenza dell’Ucraina)

La principale richiesta di Putin riguarda la “spina dorsale”: che l’Ucraina sta lontana dalla NATO e si impegna a non candidarsi mai per entrare a far parte dell’organizzazione. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto questa settimana che il suo paese Non aspira più a far parte della Western Military Alliance. È stata una risposta diretta a Putin mentre i suoi delegati hanno continuato a negoziare con i loro colleghi russi.

READ  Ancora problemi per Jair Bolsonaro: un membro della delegazione brasiliana è risultato positivo al virus Covid | Il viaggio del presidente di estrema destra a New York

Le altre tre richieste russe in questa prima “categoria” mirano a “pulire la faccia” di Putin. Questi sono i punti che il leader russo può presentare ai suoi seguaci come una vittoria schiacciante in questa guerra: l’Ucraina dovrà sottomettersi processo di disarmo Per assicurarsi che non rappresenti una minaccia per la Russia. dovrò Protezione della lingua russa Nelle regioni ucraine dove si parla ancora. E deve impegnarsi a fare qualcosa che Putin lo chiama “De-nazificazione”, Ma nessuno capisce esattamente di cosa si tratta.

Questo è un attacco particolarmente profondo per Zelensky, che Un ebreo e alcuni dei suoi parenti morirono nell’Olocausto. Anche perché il suo governo ha caratteristiche liberali e non ha nulla a che vedere con l’estrema destra nazista. Perché l’Ucraina ha sofferto molto per l’invasione nazista dal 1941 al 1945. I mediatori turchi lo credono Forse basterà che l’Ucraina condanni ogni forma di neonazismo e prometta di sopprimerlo.

Il corpo di un civile ucciso dai bombardamenti russi a Mariupol.  Dopo lo spargimento di sangue e la distruzione delle città ucraine, sarà ancora più difficile raggiungere un accordo.  Fotografia: Alexander Ermoshenko/Reuters
Il corpo di un civile ucciso dai bombardamenti russi a Mariupol. Dopo lo spargimento di sangue e la distruzione delle città ucraine, sarà ancora più difficile raggiungere un accordo. Fotografia: Alexander Ermoshenko/Reuters

La seconda categoria di richieste russe di fermare la sua sanguinosa offensiva Per quanto riguarda le terre già occupate e annesse nel 2014, Crimea e le enclavi separatiste di Luhansk e Donetsk.

Putin ne è convinto I 2,4 milioni di residenti della Crimea sono russi E che questa regione dovrebbe tornare alla Patria della Grande Russia, com’era durante l’Impero russo e i 70 anni dell’Unione Sovietica. Secondo la legislazione di quel paese, La Crimea fa parte della Russia dal 18 marzo 2014 Quando le forze del Cremlino lo occuparono. Successivamente si è trasformato il referendum di quella regione Una federazione sotto la tutela russa. Questa situazione non è riconosciuta dalla comunità internazionale, ma il fatto è che l’Ucraina ha perso la sovranità su quella parte del suo territorio. È un dato di fatto, anche se la Russia non ha alcun diritto legale Possedere la Crimea e firmare un trattato internazionale, dopo la caduta del comunismo ma prima che Vladimir Putin salisse al potere, e accettare che la Crimea faccia parte dell’Ucraina.

READ  Referendum Uruguay: risultati in tempo reale | Le elezioni politiche sono il futuro economico di Louis Lacalle Poe

nella stessa situazione regione del Donbass, in particolare le due enclavi filo-russe di Luhansk e Donetsk. I separatisti ucraini furono armati e addestrati dall’esercito russo, che a sua volta aveva lì forze di difesa da otto anni per prendere parte ai combattimenti. In quella guerra morirono 14.000 ucraini. E ancora, queste due enclavi sono già state riconosciute come repubbliche indipendenti dal Cremlino.

Secondo Kalin, Putin non chiede di mantenere tutte le terre dell’Ucraina orientale e meridionale che afferma di possedere. Nelle aree in cui le forze russe fecero la loro più grande avanzata, conquistarono la città di Kherson, alla foce del fiume Dnepr nel Mar Nero, e assediarono Mariupol. Se possono prenderlo Avranno completato il ciclo della Crimea per unire la Crimea alle enclavi separatiste Possono persino controllare Kharkiv, la seconda città ucraina. Questa è la regione dove i russofoni sono la maggioranza, ma in queste tre settimane di guerra molti di loro lo hanno espresso Il suo rifiuto categorico di invadere E lo hanno mostrato di fronte alle forze russe.

Il secondo incontro in Bielorussia per le delegazioni di Russia e Ucraina.  Ci sono già stati diversi round di negoziati senza risultati tangibili (Presidenza ucraina)
Il secondo incontro in Bielorussia per le delegazioni di Russia e Ucraina. Ci sono già stati diversi round di negoziati senza risultati tangibili (Presidenza ucraina)

Per discutere i dettagli della sovranità su queste terre, secondo il mediatore turco, Putin intende tenere un incontro faccia a faccia con Zelensky. Qualcosa che il presidente ucraino ha detto di aver accettato ed era disposto a viaggiare in un territorio neutrale per finalizzarlo. Potrebbe essere Istanbul o Ankara. Tuttavia, la firma di un accordo di pace richiederà più colloqui e tempo. Nel frattempo si potrebbe raggiungere un cessate il fuoco e la cessazione dei bombardamenti fino all’incontro dei due presidenti. Ma in questo caso, Qualsiasi disaccordo sarebbe fatale.

READ  La Casa Bianca ha confermato che sanzionerà la Russia per l'invasione dell'Ucraina e ne parlerà con Joe Biden questo pomeriggio

E mentre Putin può presentare la sua accettazione di questi punti come La clamorosa e indiscutibile vittoria dell’Ucraina sarebbe una capitolazione de facto. Zelensky potrebbe dire che in questo modo ha salvato molte vite, ma Sarebbe troppo debole o disabile per continuare a guidare il governo di Kiev. La guerra riguardava esattamente il rifiuto dell’Ucraina di soddisfare le richieste di Putin che ora sta ripetendo al presidente turco Erdogan. Accettarli dopo 20.000 morti e una distruzione molto significativa delle infrastrutture sociali ed economiche non avrebbe molto senso.. Gli ucraini lo stanno già avvertendo attraverso i social network. Dissero a Zelensky che anche se avesse firmato per arrendersi, l’avrebbero fatto La resistenza continuerà nella guerriglia Il che renderà impossibile ai russi il controllo del paese.

Lo spargimento di sangue e la distruzione operati dalle forze russe in Ucraina significano che ciò che avrebbe potuto essere concordato prima della guerra è ora Diventa molto difficile da digerire. È anche vero che il governo ucraino non può continuare a combattere ad oltranza perché le vittime saranno pesanti. Ma non è ancora arrivato a quel punto. Le forze ucraine mantengono ancora una resistenza risoluta E il progresso russo sembra essere almeno rallentato.

Tutto indica che le trattative hanno ancora bisogno di tempo e, soprattutto, Si trovano alcuni punti che consentono all’Ucraina di “tenere su i vestiti” e di poter cantare una vittoria – costosa, ovviamente – gloriosa come Putin.

Continuare a leggere: