Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Organizzazione mondiale della sanità ha denunciato che le statistiche ufficiali della Cina non riflettono il vero impatto dell’epidemia di coronavirus

Trasferimento di un paziente a Pechino (Reuters)

Organizzazione mondiale della Sanità (Chi è il) questo ha criticato la nuova definizione di Cina sui decessi da Malattia di coronavirusDescrivendolo come “molto insignificante”, ha sottolineato che le statistiche ufficiali non si adattano al reale impatto della pandemia nel Paese.

“Noi ci crediamo I numeri attuali rilasciati dalla Cina non rappresentano il vero impatto della malattia In termini di ricovero ospedaliero, ricovero in terapia intensiva e Soprattutto in termini di mortiMichael Ryan, responsabile della gestione delle emergenze sanitarie presso l’OMS, ha annunciato in una conferenza stampa.

Il colosso asiatico sta affrontando un’ondata di contagi dopo aver revocato le restrizioni della politica “zero Covid”, che ha iniziato a generare proteste senza precedenti nel Paese. In molte città sono stati segnalati crolli di ospedali e persino cremazioni.

Ma, La Cina ha registrato solo 22 morti per COVID Da dicembre, i criteri per classificare questi decessi sono stati significativamente abbassati, il che significa che le statistiche di Pechino per questo aumento senza precedenti non riflettono la realtà.

Pensiamo che questa definizione sia troppo ristretta.Ryan ha detto, osservando che la definizione che Pechino usa “richiede insufficienza respiratoria” associata a un’infezione da COVID per registrare una morte come morte per malattia.

Pazienti in un ospedale affollato a Pechino (China Daily/Reuters)
Pazienti in un ospedale affollato a Pechino (China Daily/Reuters)

Ha sottolineato che informazioni accurate su come il virus si sta diffondendo e sul suo vero impatto sono vitali e ha suggerito che gli operatori sanitari potrebbero aiutare a fornire un quadro più accurato. Non scoraggiamo medici e infermieri dal denunciare questi decessi e questi casi. Abbiamo un approccio aperto per poter registrare il reale impatto della malattia sulla società”.

READ  L'Australia ha dichiarato Hezbollah un'organizzazione terroristica

Ha riconosciuto che la Cina ha intensificato il suo impegno con l’Organizzazione mondiale della sanità nelle ultime settimane, dicendo:Speriamo di ottenere dati più completi“.

In questo contesto, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che i funzionari sanitari cinesi hanno finalmente inviato i dati sui casi COVID al gruppo di esperti dell’organizzazione, in particolare il sequenziamento del genoma, e ha sottolineato che Al momento, in essi non sono state identificate mutazioni virali, il che rimane una delle maggiori preoccupazioni per quanto riguarda l’epidemia.Oltre ai suoi effetti economici sull’economia globale.

“Nessuna nuova variante o mutazione significativa è stata identificata nei dati di sequenza disponibili al pubblico”, ha affermato l’OMS in una dichiarazione dopo una riunione del suo gruppo di esperti sull’evoluzione del virus con i rappresentanti del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE).

All’incontro, che si è svolto martedì dopo diverse richieste dell’Organizzazione mondiale della sanità alla Cina di condividere maggiori informazioni sulla situazione, sono stati presentati i dati su oltre 2.000 genomi di positivi raccolti e sequenziati dal 1° dicembre 2022.

Il Paese asiatico ha annunciato a fine dicembre che avrebbe riaperto i confini l’8 gennaio, per la prima volta da marzo 2020, il che ha spinto molti Paesi a decidere nei giorni scorsi di richiedere ai viaggiatori provenienti dal Paese asiatico di risultare negativi al COVID. viaggiare nelle loro terre.

Martedì Pechino ha definito le restrizioni “sproporzionate” imposte da diversi Paesi ai viaggiatori provenienti dalla Cina, come la richiesta di test negativi per i passeggeri in arrivo dal Paese asiatico.

READ  Le tempeste non si fermano in California: l'ottava tempesta consecutiva causerà "inondazioni catastrofiche"

Da domenica il COVID cesserà di essere una malattia di Categoria A in Cina, livello di massima pericolosità e per il cui contenimento richiede le misure più severe, per diventare una Categoria B, che contempla un controllo più lassista, segnalando, in pratica, la fine “Zero Covid”, che le autorità hanno smantellato dopo le proteste.

(con informazioni da AFP ed EFE)

Continuare a leggere: