Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lettera ad Alberto Fernandez per la libertà di Milagro Sala | L’International Network for Social Leader Freedom ha parlato dei giorni del settimo anniversario del suo arresto

Mercoledì la Rete Internazionale per Milagro Sala Freedom ha inviato una lettera al Presidente Alberto FernandezE hanno ribadito la loro richiesta di porre fine alla persecuzione del leader sociale. Il 16 gennaio segnerà il settimo anniversario del suo arresto a Jujuy.

nel messaggio che appare “Rifletti sul tuo impegno a utilizzare i meccanismi legali disponibili per facilitare il tuo rilascio immediato.” Ricordano al capo dello Stato che la richiesta “Ha un grande sostegno internazionale” da leader come Justin Trudeau (Canada), Luiz Inacio Lula da Silva (Brasile) Nicolás Maduro (Venezuela); e gli ex presidenti Evo Morales (Bolivia) e Rafael Correa (Ecuador). Settimane fa, una sentenza del tribunale ha respinto la denuncia presentata dai suoi avvocati, confermando così la condanna a 13 anni di reclusione nel caso “Peps Fileros”.

La lettera include deputati e senatori di 14 paesi, come Grecia, Spagna, Germania, Regno Unito e Belgio, che si uniscono. Hanno confermato che “una delegazione internazionale di avvocati ha visitato Milagro Sala e altri detenuti dell’Organizzazione di quartiere Tupac Amaru nel giugno 2018” e che i suoi membri Hanno concluso che la continua detenzione di Milagro-Sala e degli altri prigionieri violava i principi legali fondamentali e ne hanno chiesto il rilascio.

Conferma anche il fatto che la Corte Suprema “Ha ricevuto richieste di intervento come amico della Corea nella vicenda nota come pibes villeros” da personaggi come il leader francese Jean-Luc Mélenchon. E a maggio 2021 si è tenuto il Festival Internazionale “Canto per un Miracolo”, con la partecipazione di artisti come Susana Rinaldi, Ariel Prat, Sudor Marica, Miguel Angel Estrella, Teresa Parodi e musicisti internazionali.

Come parte della campagna, è stato ricordato che 200 giorni dopo l’arresto di Sale, è stata rilasciata una videocassetta che chiedeva il suo rilascio. “Signor Presidente, è giunto il momento di agire. Respingendo la sentenza della Corte che danneggia le province argentine e avviando il processo politico ai membri della Corte, inizia questo percorso”.. La libertà di Milagro-Sala è un altro passo per porre fine alle “cantine della democrazia”, ​​che è l’obiettivo da lei formulato nel suo discorso inaugurale”, afferma la lettera a questo proposito.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Mosca ha dichiarato un cessate il fuoco a Mariupol per evacuare i civili

“In Argentina e nel mondo non vediamo l’ora di mantenere la tua promessa alle organizzazioni per i diritti umani e Milagro è stato rilasciato prima del 16 gennaio 2023”, chiude il testo

“molestie sempre più profonde”

Da parte sua, poche settimane fa, il Centro di studi giuridici e sociali (CELS) avvisato In merito all'”aggravarsi delle vessazioni” nei confronti di Milagro-Sala, ha sottolineato che la sentenza della Suprema Corte di Giustizia che ha affermato un pronunciamento nei suoi confronti “non modifica l’obbligo dello Stato di tutelare la salute fisica e psichica del leader sociale, come richiesto dalla Corte interamericana dei diritti umani”. L’organizzazione che ha denunciato con gli avvocati del nord-ovest argentino per i diritti umani (ANDHES) davanti al regime interamericano la sistematica persecuzione del governatore Gerardo Morales contro Sala e l’organizzazione di quartiere di Túpac Amaru è stato pronunciato Ha accolto le richieste degli operatori giudiziari del leader radicale affinché il leader Tupac potesse essere riportato in una prigione comune.

Il nuovo attacco a Sala, che il 16 gennaio sarà privato della libertà per sette anni, fa seguito alla sentenza del tribunale. Il CELS ha presentato un avviso amicus curiae di irregolarità nel processo, ma non è stato in grado di ottenere un tribunale superiore per adattare la sua analisi. Tra l’altro, rileva le barriere per poter esercitare un’adeguata difesa, i problemi costituzionali derivanti da un’accusa inesatta basata sulla figura dell'”associazione illecita”, e sottolinea i limiti che la Camera aveva sperimentato nel poter presentare prove a discarico. E anche per essere presente in tribunale, discussione dalla quale è stata esclusa per più di due mesi, durante i quali si sono svolte 19 udienze e 70 testimoni hanno testimoniato. La conferma significa che la Corte interamericana potrà ora esaminare fatti e prove che la corte argentina ha preferito non analizzare.

READ  Il regime nordcoreano ha minacciato una risposta più forte alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti.