Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia sta affrontando un’imminente siccità per il secondo anno consecutivo per ridurre la produzione di riso

L’Italia sta affrontando un’imminente siccità per il secondo anno consecutivo per ridurre la produzione di riso

FOTO D’ARCHIVIO: Una vista mostra il letto asciutto del fiume Gesso mentre i principali bacini idrici d’acqua dolce italiani si sono prosciugati a causa della peggiore siccità degli ultimi 70 anni a Cuneo, Italia, 22 marzo 2023. REUTERS/Claudia Greco

Di Carlo Giovanni Boffa

24 marzo (Reuters) – La produzione di riso in Italia potrebbe diminuire nel 2023 poiché gli agricoltori affrontano un secondo anno di siccità, riducendo l’area coltivata al livello più basso in oltre due decenni.

L’Italia coltiva circa il 50% del riso prodotto nell’Unione Europea ed è l’unico paese al mondo che produce le varietà più adatte per il risotto, come l’arborio e il cornaroli.

Il 94% della produzione è concentrato nelle regioni settentrionali della Lombardia (Milano) e del Piemonte (Torino).

Non più di 211.000 ettari saranno coltivati ​​a riso nel 2023, la superficie più piccola in 23 anni, ha detto a Reuters Roberto Magnaghi, direttore generale dell’organizzazione pubblica di ricerca sul riso Ente Nacional Risi.

“Scarsità d’acqua. Stiamo tutti guardando il cielo”, ha detto.

La stima per il 2023 è una diminuzione di 7.400 ettari rispetto al 2022 e di 16.000 ettari rispetto al 2021.

Una valutazione simile è stata fatta dalla Coldreddy Agricultural Society.

Le prospettive in Lombardia e Piemonte sono più fosche rispetto al 2022, ha detto Magnaghi, quando i raccolti soffriranno di siccità e la produzione calerà del 17%. Nella provincia lombarda di Pavia, famosa per il suo riso da risotto, la produzione è diminuita del 16%.

Secondo Andrea Toretti, esperto di agricoltura presso il Centro comune di ricerca della Commissione europea, l’umidità del suolo non si è ancora ripresa dalla siccità dello scorso anno e le attuali nevicate nelle Alpi italiane sono inferiori a quelle del 2022.

READ  Vita tremante in cima alla grande caldera vulcanica italiana

Ha detto che sarebbe difficile colmare il deficit a causa delle piogge in corso.

Scienziati e gruppi ambientalisti hanno avvertito della scarsità d’acqua in Italia a gennaio dopo un forte calo delle nevicate invernali.

Il primo ministro Georgia Meloni ha dichiarato martedì al parlamento che sta lavorando con le autorità regionali e municipali su un “piano idrico nazionale” per aggiornare le infrastrutture con nuove tecnologie e aumentare la consapevolezza della necessità di risparmiare acqua.

(Segnalazione aggiuntiva di Antonella Cinelli, Montaggio in spagnolo di Flora Gomez)