Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Italia sosterrà Vestager alla presidenza della Banca europea per gli investimenti, il che complicherà la carriera di Calviño

L'Italia sosterrà Vestager alla presidenza della Banca europea per gli investimenti, il che complicherà la carriera di Calviño

Le ambizioni del primo vicepresidente e ministro degli Affari economici, Nadia Calviño, di guidare la BEI sono complesse. Nel conto alla rovescia per l'assunzione della carica dell'attuale presidente, Werner Hoyer, all'inizio del 2024, sembra che l'Italia sceglierà l'ex vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, se il suo candidato, Daniele Franco, non sarà eletto .

Se l'ex ministro italiano dell'Economia dovesse fallire nel suo tentativo di prendere in mano le redini della Banca europea per gli investimenti, Roma sosterrà il candidato danese, secondo Bloomberg. Ciò conferisce alla Francia un grande potere in questa decisione, perché è tra i principali contribuenti dello strumento di investimento dell’Unione europea ed è l’unico che non ha ancora preso posizione per l’uno o per l’altro candidato. Una risorsa che l’esecutivo francese può utilizzare per promuovere altri interessi.


In tali calcoli, vale la pena notare che il Consiglio direttivo della Banca europea per gli investimenti, composto dai ministri dell'Economia e delle Finanze dell'UE, è invitato a prendere una decisione nella riunione che si terrà a Bruxelles l'8 dicembre durante la Conferenza Ecofin. Si cercherà di arrivare in tempo per prendere il posto di Hoyer all'inizio dell'anno.


L'11 novembre, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato a Malaga l'intenzione di sostenere Calviño come nuovo capo del braccio investimenti dell'UE. Era un dato di fatto che l’Italia avrebbe sostenuto il suo candidato, tuttavia, la corsa sarebbe sempre stata divisa tra Calviño e Vestager, quindi la Roma ha molte possibilità di dover eventualmente scegliere l’uno o l’altro.


La competizione per la guida della Bei è ancora una volta serrata, tra Calviño e Vestager. Le limitate possibilità di Franco di vincere le elezioni alimentano il processo di selezione a tal punto che fonti diplomatiche aprono la strada a posticipare il termine per prendere la decisione al prossimo luglio, dopo le elezioni europee. I calcoli per la scelta del capo della Banca europea per gli investimenti sono chiari. Il nuovo leader deve riunire il 68% del capitale della BEI e 18 Stati membri sostenitori, con una maggioranza di poco più del 50%.

READ  Gli economisti alzano le loro previsioni per la crescita del PIL e la riduzione dell'inflazione per il 2023


Per questo motivo è particolarmente importante scegliere Parigi, Berlino e Roma. I tre sono i principali azionisti del braccio investimenti dell’UE e deterranno la chiave per il prossimo presidente della BEI. Poiché ciascuno riceverà il 18% del capitale, il loro sostegno determinerà la selezione finale, dato che la Spagna è già molto indietro con l'11,3% seguita da poco più del 5% da Belgio, Paesi Bassi e Polonia.


In lizza per prendere le redini della BEI sono anche l’attuale vicepresidente della BEI, Teresa Czerwinska della Polonia, e l’ex ministro delle finanze, dell’istruzione e del commercio nel governo svedese all’inizio degli anni 2000, Thomas Ostros. .


All'Ecovin di novembre, il ministro delle Finanze belga Vincent Van Petegem, che sta conducendo i negoziati per scegliere un candidato, ha esortato Francia e Germania a rivelare chi sosterrebbe ciascuna. Ma il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire non ha voluto rivelare la sua posizione, limitandosi a elogiare la qualità dei candidati, facendo intendere che Parigi non ha ancora preso una decisione.