Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia lancia il più grande piano di stimoli della sua storia Economia

La scorsa settimana il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha avvertito: dobbiamo uscire da questa crisi, ma dobbiamo farlo il più rapidamente possibile. Lunedì sera ha annunciato il decreto secondo cui l’Italia metterà in pratica tutto ciò che ha e attiverà la circolazione di prestiti fino a 400 miliardi di dollari alle imprese, di cui fino al 90% sarà garantito dallo Stato. Questa misura si aggiunge alla mobilitazione già effettuata a marzo di altri 350 miliardi di euro. Si tratta di un intervento pubblico “senza precedenti”, secondo il Primo Ministro. “Non riesco a ricordare misure così forti nella storia di…

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

La scorsa settimana il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha avvertito: dobbiamo uscire da questa crisi, ma dobbiamo farlo il più rapidamente possibile. Lunedì sera ha annunciato il decreto secondo cui l’Italia metterà in pratica tutto ciò che ha e attiverà la circolazione di prestiti fino a 400 miliardi di dollari alle imprese, di cui fino al 90% sarà garantito dallo Stato. Questa misura si aggiunge alla mobilitazione già effettuata a marzo di altri 350 miliardi di euro. Si tratta di un intervento pubblico “senza precedenti”, secondo il Primo Ministro. Ha aggiunto: “Non riesco a ricordare misure così forti nella storia della nostra repubblica”.

“Stiamo parlando di 750mila milioni di euro. Quasi la metà del nostro Pil c’è e mette subito il suo potere nel motore dell’economia. Quando si rialza, l’Italia corre”.

L’Italia è impegnata in una battaglia aperta con i paesi del Nord Europa per concordare strumenti di mutuo debito, i cosiddetti Eurobond – un’idea che sta suscitando indignazione in Germania e Paesi Bassi – ed evitare così di ricorrere al Fondo europeo di salvataggio, o MEDI. . Ma Roma comincia a fare la guerra da sola. Il debito del Paese transalpino ammonta a circa il 135% del suo Pil. Nonostante questo onere, Conte cerca di aprire completamente il rubinetto della liquidità nel settore imprenditoriale, che è rimasto completamente dormiente a causa del virus Corona. Gli imprenditori hanno già avvertito che se tali misure non verranno raggiunte, il PIL nel secondo semestre diminuirà di circa il 7%.

READ  Questi sono i conti e i depositi meglio pagati per il mese di novembre

Conte ha dettagliato il piano dopo la riunione del gabinetto ed è apparso accanto al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. “Con questo decreto realizziamo un intervento senza precedenti a sostegno della liquidità del sistema produttivo: mettiamo in campo 400 miliardi di euro di garanzie per prestiti fino al 90% garantiti dallo Stato ad imprese di ogni tipo, senza alcun limite il loro fatturato”, ha detto il capo dell’economia. Conte ha spiegato che la somma sarà distribuita equamente per “rafforzare i mercati locali e quelli di esportazione”. Ha sottolineato: “Quando tutto questo finirà, inizierà una nuova primavera e presto raccoglieremo i frutti di questo sacrificio”.

Il limite delle garanzie fornite dal governo alle banche raggiunge il 90%. Ciò è stato fatto affinché tali soggetti partecipino al controllo della necessaria solvibilità finanziaria delle società beneficiarie. Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha affermato che l’approvazione statale, invece, sarebbe completa nel caso dei lavoratori autonomi come artigiani o idraulici. Questo gruppo potrà richiedere prestiti veloci da 25.000 euro che verranno erogati immediatamente e non richiederanno alcun tipo di valutazione. Inoltre, le piccole e medie imprese potranno richiedere prestiti fino a cinque milioni di euro.

Ottenere il credito e posticipare i termini della sua richiesta è la prima tappa del percorso di sostegno alle imprese, che avrà una seconda parte con il cosiddetto decreto aprile. Un nuovo movimento porterà misure per imprese, lavoratori e famiglie. “Conterrà strumenti di protezione sociale e sostegno alle famiglie e ai lavoratori. “Ma soprattutto per chi si trova in difficoltà”, ha detto Conte.

Il decreto mira anche a proteggere le società quotate considerate strategiche da attacchi o speculazioni straniere, e costituisce un potere detenuto dallo Stato per prevenire interferenze nei settori e nelle società chiave del Paese. Alle società straniere sarà ora vietato aumentare la propria presenza in queste società oltre il 10% del loro capitale.

READ  Il marchio di salsicce scelto da Louis Vuitton, Pasteleria Mallorca e Joel Robuchon