Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia considera il Paraguay un alleato strategico nella lotta alla criminalità organizzata – Nationals

Il ministro della Giustizia Cecilia Perez Rivas ha incontrato i principali funzionari del governo in Italia, evidenziando la lotta del governo paraguaiano contro la criminalità organizzata e annunciando la loro cooperazione, sollevando sospetti che potrebbero esserci criminali nella regione. Gli investigatori e loro hanno annunciato che avrebbero firmato un contratto per trasferire i delinquenti. Il Segretario di Stato ha affermato che al Presidente è stato chiesto di non compiere alcuno sforzo affinché la cooperazione tra i due Paesi sia vantaggiosa.

Puoi parlarci delle tue attività in Italia?

– Abbiamo avuto un programma bilaterale con il governo italiano e abbiamo anche partecipato al completamento della prima fase del progetto Falcon Porcelino. Abbiamo incontrato il Ministro dell’Interno, il Ministro della Giustizia, la Procura Nazionale Antimafia e la Direzione della Pubblica Sicurezza, il Servizio Coordinamento e Pianificazione e Relazioni Internazionali delle Forze di Polizia. In questo modo il Paraguay aderirà all’iniziativa I-CAN del governo italiano nei paesi a rischio di essere colpiti dalla mafia italiana.

Quindi la mafia italiana è sospettata di operare in Paraguay?

– Questo è tutto. Il nome del Paraguay è stato citato più volte nelle inchieste contro gruppi criminali organizzati in Brasile, principalmente la BCCI, con possibili legami con la mafia italiana conosciuta come “Ndrangheta”.

Perché dovremmo preoccuparci della possibile esistenza della ndrangheta nel nostro paese?

– A causa delle organizzazioni internazionali per la lotta alla criminalità organizzata, questo gruppo criminale domina il 40% del traffico di droga nel mondo. Questo è chiamato un “crimine organizzato multinazionale” e si sospetta che abbia più di 20.000 membri. Uno dei suoi leader è stato recentemente arrestato in Brasile. Il governo italiano vede questa come una minaccia urgente e, in questo senso, apprezza gli sforzi del governo nazionale nella lotta alla criminalità organizzata. Per questo siamo stati chiamati: perché l’Italia ci vede come un partner strategico nella lotta alla criminalità organizzata e vuole offrirci ogni tipo di cooperazione.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Come sarà condotta questa collaborazione?

– Ora stiamo iniziando a scambiare informazioni su tutto ciò che abbiamo al riguardo. Ovviamente saranno coinvolti la Polizia di Stato, il Ministero dell’Interno, l’Interpol e avremo un colloquio permanente con i nostri colleghi in Italia del Ministero della Giustizia. D’altra parte, presto si uniranno a noi nell’iniziativa I-CAN, un sistema globale di allarme rapido contro la criminalità organizzata. Durerà tre anni (dal 2020 al 2023) e unirà molti paesi, di cui saremo inclusi, con l’obiettivo di raggiungere un nuovo livello di cooperazione multilaterale di polizia nella lotta alla ndrangheta.

Qual è stata la reazione del Presidente all’annuncio della cooperazione italiana?

– Il Presidente considera molto prezioso il contributo che le imprese italiane possono dare alla lotta del governo contro la criminalità organizzata. Ha sottolineato che non dovrebbe essere fatto alcun tentativo di creare uno scambio dinamico di informazioni tra le due parti, che ci consentirebbe di approfondire la nostra conoscenza di questi gruppi al fine di sviluppare nuove strategie contro la criminalità organizzata transnazionale.

Quali sono stati i risultati di altri incontri che hai tenuto in Italia?

– Stiamo gettando le basi per un’efficace cooperazione internazionale. Abbiamo incontrato la Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Federico Caffiero de Raho, Ha promesso di sostenere le indagini e gli scambi di intelligence relativi alla criminalità organizzata transnazionale e alle sue implicazioni con la Ndrangheta in Paraguay. Il presidente della Commissione nazionale anticorruzione Giuseppe Fucsia, Ha sottolineato che ci aiuteranno a prevenire l’aumento del riciclaggio di denaro a livello pubblico, a prevenire e combattere la corruzione pubblica ea stabilire meccanismi per prevenire l’intrusione nei sistemi di appalti pubblici delle società con licenza pubblica. Progresso della criminalità organizzata.

READ  Gli Stati Uniti hanno sconfitto 3-0 la Repubblica Dominicana in Italia

L’accordo internazionale sarà firmato?

– Abbiamo avuto un incontro con Nicola Russo, Direttore del Dipartimento Affari Legali del Ministero della Giustizia, e nelle prossime settimane firmeremo un accordo internazionale tra Paraguay e Italia sul trasferimento dei condannati, nonché una legge italiana in vigore sulla base dell’azione legislativa del nostro Paese in materia di criminalità organizzata e antimafia.

Come vede questa collaborazione con l’Italia?

– Molto importante. Il governo italiano si occupa di crimini che sono già organizzati prima di noi, quindi abbiamo una vasta conoscenza in materia. Ci invieranno conoscenze e informazioni nel campo della conduzione di lotte in materia di sicurezza, misure per prevenire le infiltrazioni mafiose nella corruzione pubblica e negli appalti pubblici e tutto ciò che non raggiunge politicamente. Alto livello.

Era anche in Vaticano

– Ho partecipato all’incontro pubblico di Papa Francesco e ho avuto l’opportunità di parlare con lui per alcuni minuti. Abbiamo parlato della lettera che gli ho inviato ricordando la testimonianza dei miracoli della madre del Galletto durante le epidemie, e lei ha risposto che prega sempre per i funzionari del ministero e i prigionieri, e ha ribadito di averne uno. Profondo affetto per il Paraguay, e ha colto l’occasione per inviare affettuosi saluti alla gente del Paraguay che ha sempre portato nel cuore.