Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia conferma il passaggio a destra: Giorgia Meloni passa il controllo del Congresso a due ultras

L’apertura formale della XIX Assemblea Legislativa italiana, a seguito delle elezioni del 25 settembre, conferma una svolta a destra strizzando l’occhio all’estrema destra e alle fazioni cattoliche più conservatrici, rappresentate dalla vittoria elettorale dei Fratelli d’Italia (FdI, acronimo in italiano ), il partito postfascista guidato da Giorgia Meloni, presidente del Consiglio “In pector”, il presidente Sergio Mattarella presenterà un governo nei prossimi giorni, e poi, se non ci sono imprevisti. , il Congresso guadagnerà fiducia.

Tuttavia, i timori di rumore e cortocircuiti tra gli alleati di centrodestra stanno già cominciando a emergere.

Sarà un parlamento presieduto dalla vera destra, senza moderazione, dibattiti e posizioni irriducibili (vedi riquadro), che sarà davanti alla Camera dei Deputati.

«Una è la nostalgia di Mussolini e l’altra è la nostalgia dell’Inquisizione», ha definito Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia al sud, che ha sottolineato l’ossessione di Fontana per la tutela dell’«autonomia» delle regioni, che ha ribadito al suo insediamento. Indirizzato come Presidente della Camera. Questa volontà di garantire l’autonomia fu un’evoluzione dell’originario separatismo che ispirò la Lega quando venne chiamata Lega Nord. Cioè, ora non si propongono di dividere le regioni prospere del nord, ma di renderle “quasi” indipendenti con un’autorità centrale molto limitata, con grande autonomia, cercando di ridurre le disparità storiche con il sud. . “Il discorso di Fontana è stato una dichiarazione di guerra al Sud”, ha drammatizzato Emiliano.

Contraddizione. L’ironia di questo spostamento a destra in Italia è stata che Silvio Berlusconi, Il Cavaliere e la sua Forza Italia (FI) erano gli elementi moderati della coalizione vincente, a cui si sono aggiunti Fratelli d’Italia e Lega. Consapevoli delle tensioni che senza dubbio sarebbero sorte al momento della formazione del governo, Meloni, Salvini e Berlusconi hanno convenuto prima delle elezioni che chi avesse ottenuto più voti sarebbe stato presidente del Consiglio e avrebbe diviso i 14 ministeri. Non è lui, ma lei: il sondaggio ha dato un risultato chiaro, poiché Maloney ha superato il 26 percento e quadruplicato il suo voto di partito nel 2018 e ha superato i voti combinati dei suoi due alleati. La Liga ha ricevuto 8,77 e Forza Italia 8,11, ma tutto indica che la “distribuzione” dei voti non è uguale tra loro. In linea di principio, la FI aveva già lasciato la presidenza del parlamento e Berlusconi Meloni ha dovuto resistere al veto di una delle sue più strette collaboratrici, Licia Ronzulli, che voleva un ministero.

READ  Giro d'Italia 2021: Tornato da Elia Viviani, Ineos con fiducia: "Posso tornare da QuickStep"

La rabbia dell’ex presidente del Consiglio era già evidente giovedì, quando i suoi senatori non hanno appoggiato il voto per eleggere La Russa, che ha ottenuto il sostegno dell’opposizione di centrosinistra, un “tradimento” dell’attuale leader del Pd, Enrico Letta , che ha promesso di indagare.

Appunti. Il Cavaliere, che conosceva i media come nessun altro e sapeva sfruttarli, ha creato un modo per esprimere il suo disagio copiando un episodio vissuto una volta da Joe Biden. ha detto in un comunicato stampa in una conferenza dopo aver parlato con Vladimir Putin. Giovedì, dopo un difficile incontro con La Russa, ha lasciato un cartellino di appunti, ben visibile sul banco del suo senatore, in cui aveva scritto in prima pagina, dedicando agli storici il più vivido ‘vafunculo’. Qualche idea. Diceva: “Georgia Meloney. Comportamento: testardo, invadente, arrogante, aggressivo. Nessuna opzione per cambiare. Era qualcuno con cui non potevi essere d’accordo.” Un fotografo de La Reppublica è stato il “mano gestore” e la foto si è diffusa in tutta Italia e nel mondo.

Nella notte Meloni ha risposto attraverso i media: “Mi sembra che in quelle note manchi un punto, che è “incontrollabile”, ha detto uscendo dal Congresso, dove sta conducendo le trattative per formare un governo. .

La Russa ha anche intervenuto: “Penso che il presidente Berlusconi dovrebbe annunciare ciò in cui credo, la foto è falsa”.

La conclusione degli appunti di Berluasconi suggerisce che ci saranno nuove nuvole sulla formazione del prossimo governo: “La Georgia non è pronta a cambiare, è una persona che non puoi accettare”. La nomina di due veri radicali, La Russa e Fontana, suggerisce anche che sarà più difficile per Meloni ottenere voti di centrosinistra. Stanno arrivando giorni seri per la politica italiana.