Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I ricercatori dell’Unne hanno aperto la strada agli studi di fisica nucleare in Italia

I membri di uno dei gruppi di ricerca dell’Istituto di Modellistica e Innovazione Tecnologica (Imit) e membri del Gruppo di Fisica Atomica e Molecolare della Facoltà di Scienze Esatte hanno partecipato ad un importante convegno in Italia.

Tra il 26 e il 30 settembre il 13° Convegno Internazionale; “Effetti relativistici nella chimica e nella fisica degli elementi pesanti” (Rehe).

medici; Facena era rappresentato da Gustavo Aucar, Agustin Aucar e Alejandro Maldonado e dai dottorandi Juan José Aucar e Mariano Colombo all’evento, che ha riunito relatori di varie istituzioni in Europa, Asia, Oceania e Americhe.

Lo hanno fatto essendo ospiti e presentando quattro poster in una delle conferenze del Congresso.

Le conferenze Rehe si tengono ogni due o tre anni, a partire dal 1993 in una città del Belgio. La sua decima edizione si è tenuta a Corrientes nel 2012, la prima volta al di fuori dell’Europa e dell’Asia (Pechino).

In questa serie di conferenze vengono presentati gli ultimi sviluppi globali nella fisica e nella chimica dei sistemi contenenti atomi pesanti e scienziati di fama mondiale sono invitati a presentare i loro ultimi sviluppi.

Dott. Il gruppo guidato da Gustavo Acar è uno dei gruppi invitati a partecipare stabilmente a queste conferenze, indicando che la conoscenza prodotta a Facena/Imit è la più alta in quest’area della scienza mondiale.

Hanno evidenziato da Facena che questo è un buon evento per coloro che vogliono contribuire allo sviluppo scientifico-tecnologico locale facendo scienza a livello internazionale dalla NEA argentina. Va notato che la conferenza Rehe – 2020/2022 doveva svolgersi nel 2020 e ha dovuto essere prorogata a causa della pandemia.

Al gruppo di ricercatori Facena-Unne si sono aggiunti alcuni dei gruppi che rappresentano gli Stati Uniti al Congresso, poiché nel continente hanno partecipato solo ricercatori provenienti dagli Stati Uniti e dall’Argentina.

READ  La disperazione in Italia approva la fusione di Nexi e SIA con i termini di EFE