Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’effetto della barriera dunale di Barinatxe Beach sulle rocce è stato dimostrato da uno studio

L’effetto della barriera dunale di Barinatxe Beach sulle rocce è stato dimostrato da uno studio

L’effetto della barriera dunale di Barinatxe Beach sulle rocce è stato dimostrato da uno studioTerry Ormazabal

Per due anni, dal 2020 al 2022, in piena pandemia, eJohn Ander Clemente è il ricercatore UPV/EHU Ha studiato a fondo il reticolo delle rocce e le scogliere che le compongono Barinatx BeachE meglio conosciuto come La Salvaje, Che si trova tra Getxo e Sopela, ed è circondato da imponenti scogliere. Questa è un’indagine, preparata come parte della sua tesi di dottorato e È appena stato pubblicato sulla prestigiosa rivista “Engineering Geology”.chi ha permesso Sviluppare una metodologia che cerchi soluzioni naturali alle frane sulla spiaggia. Tuttavia, il progetto è iniziato prima, nel 2019, nel Geopark Basque Coast, sulla spiaggia di Itzurun, a Zumaia, e ha ottenuto risultati soddisfacenti, quindi in seguito hanno deciso di testarlo sulla costa di Biscaglia.

Lo studio è stato condotto nell’arco di due anni a Barinatxe de Sopela Beach.

UN La metodologia che consente di anticipare problemi come le rocce sulle scogliere della costa bascaSi tratta di un fenomeno molto diffuso, nonché di un vero e proprio pericolo per le persone che visitano le spiagge situate ai suoi piedi. In effetti, dobbiamo ricordarlo Tre anni fa una frana nel parco che conduce al Parinatx ha costretto il pubblico a tagliarlo.Anche. Pertanto, con questo studio, il gruppo per le operazioni idrologiche ambientali dell’UPV/EHU ha studiato l’effetto barriera esercitato dalle dune di sabbia presenti in natura su questo banco di sabbia di Bizkaian. I risultati dimostrano che “la protezione è completa, oltre al valore ecologico apportato all’ecosistema costiero”, spiega Clemente. “Questa spiaggia ha una particolarità, ovvero che le dune creano una sorta di trincea naturale tra la scogliera e quella che è la duna.”dettagli.

READ  La suite di vaccini COVID-19: le tre domande a cui la scienza cerca di rispondere

Una sorta di trincea profonda circa tre metri che permetteva di fermare il massiccio. “È un buco dove cadono tutte le rocce e puoi vedere esattamente come tutti i blocchi all’interno non raggiungono la riva”, continua. «Il nostro modello 3D ci mostra che se questa barriera naturale dovesse disintegrarsi e scomparire, le rocce raggiungerebbero la spiaggia dove normalmente si recano le persone e ci sarebbero rischi significativi».. Attualmente la protezione esercitata dal sistema dunale è del 100%”. Inoltre ha studiato l’ambiente anche dal punto di vista della biodiversità e verificato che le specie che vi crescono sono importanti e, inoltre, che la vegetazione conserva le dune.

proteggere le persone

In particolare, poiché le spiagge sono aree ricreative ad alta frequenza, soprattutto in estate, la protezione delle persone è una priorità. Per questo, come fa notare Clemente, RTradizionalmente, a questo scopo sono stati utilizzati argini, grigliati e barriere, soprattutto “nelle aree di accesso più complesse”.qualificate, e che oltre all’elevato costo di costruzione e manutenzione, hanno un notevole impatto visivo e ambientale. Cerchiamo di rendere queste precauzioni il più naturali possibile. Studiamo come la natura ci protegge e allo stesso tempo proteggiamo la natura “, osserva questo ricercatore della Facoltà di Scienze e Tecnologia dell’UPV / EHU. Inoltre, sostiene che ci sono aree protette a causa del loro alto livello ecologico e / o valore geomorfologico, come il Basque Coast Geopark, dove non è possibile realizzare questo tipo di intervento convenzionale.

Tuttavia, ha spiegato, il fatto che le dighe di dune si siano dimostrate efficaci non significa che promuoveranno l’installazione di sistemi di dune su tutte le spiagge. “Devi sempre studiare la specificità di ogni sito perché è un sistema che dipende molto dall’ambiente naturale. E dovresti adattare le soluzioni alla morfologia di ciascun locus, Così come ognuno è diverso, ogni spiaggia è diversa. Sì, ci possono essere alcuni luoghi in cui è possibile creare sistemi di dune, ma in altri saranno necessari interventi di maggiore impatto. In questi casi, il nostro modello 3D ci consente di determinare le esatte esigenze di ogni luogo e, ad esempio, può essere utilizzato per determinare l’altezza della barriera da costruire “, aggiunge. A questo proposito, cita le riprese del serie Game of Thrones a Zuma come esempio. Lo hanno fatto, gli attori non avrebbero potuto essere incollati alla scogliera perché nessuno poteva dire loro che non sarebbe caduta una pietra su di loro “, spiega.

READ  Javiera Gomez si è qualificata troppo, il suo punteggio elevato le rende difficile giocare in Cile

Modelli 3D

Proprio qui nasce l’impulso per la metodologia applicata dai ricercatori che hanno cercato di anticipare il problema senza intaccare l’ambiente naturale. Hanno trovato la soluzione creando modelli 3D di aree rocciose utilizzando droni o scanner laser. Una volta che l’area è stata studiata, le tracce, le dimensioni, la progressione e altri parametri delle rocce che cadono nelle aree di studio vengono tracciate e monitorate. Questo glielo permette Valutare la vulnerabilità delle spiagge alla caduta massi dalle falesie adiacenti e proporre una serie di azioni e azioni più coerenti Con la natura per proteggere le spiagge e allo stesso tempo rispettare l’ambiente naturale”, sottolinea.

Il modello 3D attira l’attenzione della comunità scientifica ed è citato in vari studis, e che stanno già sperimentando in altri luoghi, come il Parco Naturale di Portofino, uno dei più importanti d’Italia, applicato alle sue baie.

In questo senso, il gruppo di ricercatori ha condotto in precedenza uno studio sulla spiaggia di Sopiloztara ataxapiripilin quanto propongono un nuovo progetto che potrebbe includerlo Codici QR nell’area delle scogliere che consentono alle persone di accedere alle informazioni 3D per studiarle per vedere da che parte è probabile che cadano le rocce O anche alcune mappe che includevano un pericoloso semaforo con la giusta distanza da ogni parte della spiaggia.

Infine, sebbene sia attualmente utilizzato per scoprire le previsioni di frane sulle spiagge, il ricercatore sostiene che questa metodologia potrebbe essere utilizzata in qualsiasi ambiente in cui vi sia un rischio di frane per le persone. Nel caso specifico dell’impatto con le dune, conclude, “simili studi potrebbero essere fatti nei sistemi desertici”.

READ  Alpi italiane: in che modo il cambiamento climatico influisce sulla nascita dei ghiacciai? | Secondo gli specialisti, "è il più tragico disastro montano del secolo in Europa"