Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia europea avanza tra i timori per la debolezza dell’Italia  Economia

L’economia europea avanza tra i timori per la debolezza dell’Italia Economia

Nessun Paese dell’Eurozona ha visto la propria economia contrarsi nel secondo trimestre. Ma questa realtà, che l’Europa si sta riprendendo dopo gli anni difficili della Grande Recessione, è ancora solo mezza pagina scritta con dubbi persistenti capaci di cancellarla. Se la Germania ha ancora una volta sorpreso positivamente grazie alla forza delle sue esportazioni, Francia e Italia, le due maggiori economie della zona euro dopo la Germania, hanno registrato una crescita zero tra aprile e giugno. Lo Stato francese attribuisce questo a questioni temporanee come…

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

Nessun Paese dell’Eurozona ha visto la propria economia contrarsi nel secondo trimestre. Ma questa realtà, che l’Europa si sta riprendendo dopo gli anni difficili della Grande Recessione, è ancora solo mezza pagina scritta con dubbi persistenti capaci di cancellarla. Se la Germania ha ancora una volta sorpreso positivamente grazie alla forza delle sue esportazioni, Francia e Italia, le due maggiori economie della zona euro dopo la Germania, hanno registrato una crescita zero tra aprile e giugno. Lo Stato francese dà la colpa a questioni temporanee come lo sciopero nelle raffinerie francesi, mentre l’Italia accusa il rallentamento del settore.

maggiori informazioni

I disordini incombono più forti a Roma. Oltre alla mancanza di progressi nella sua economia, l’Italia combina la sua posizione di secondo paese più indebitato in Europa dopo la Grecia – oltre il 132% del PIL – e un settore bancario in crisi a causa dell’accumulo di crediti in sofferenza. del valore di 360mila milioni di euro. Come se ciò non bastasse, queste circostanze si aggiungono alla possibilità di una nuova crisi politica questo autunno: Matteo Renzi ha già annunciato che si dimetterà da primo ministro se gli italiani si rifiuteranno di approvare le sue riforme costituzionali in un referendum il prossimo ottobre.

READ  Inditex sta già vendendo più di prima della pandemia | Economia

“I maggiori rischi a breve termine sono in Italia. La combinazione di crisi bancaria e politica potrebbe rappresentare una seria minaccia per la debole ripresa europea. La crescita dell’economia transalpina rispetto allo scorso anno è debole allo 0,7%, e l’Italia lo era l’unico paese tra le grandi economie dell’eurozona”. Lo scorso luglio il Fondo monetario internazionale ha abbassato le sue previsioni di crescita per quest’anno, che ammontavano allo 0,9%.

La pausa in Francia è stata ancora più sorprendente dopo un primo trimestre incoraggiante, e le stesse autorità francesi hanno definito deludenti i dati del secondo trimestre, ma l'allarme non desta ancora preoccupazione visti i forti progressi nella prima parte dell'anno. Anche le previsioni della Banca di Francia giocano a suo favore: l'istituto prevede una ripresa dello 0,3% nel terzo trimestre e il governo di François Hollande mantiene le sue previsioni di crescita all'1,5% per l'anno.

La velocità con cui si sta muovendo il blocco europeo è tutt’altro che uniforme. La storia scorre nelle vicinanze e il partito guidato da Angela Merkel ha superato le aspettative con un vantaggio dello 0,4% grazie ai consumi e, soprattutto, al settore delle esportazioni. Lui Fatto in Germania Ciò resta una garanzia di crescita per la Germania, che ogni mese invia all’estero beni e servizi per un valore di oltre 100 miliardi di euro. Finora, il Paese ha ignorato tutte le richieste delle organizzazioni internazionali di destinare parte di questo enorme surplus commerciale, costruito su una potente industria che fornisce automobili, macchinari o prodotti chimici a gran parte del pianeta per investimenti pubblici. Commerzbank ha alzato le sue previsioni per un miglioramento del PIL quest'anno all'1,8%, un decimo in più rispetto a quanto previsto dalle autorità tedesche.

READ  Quanti soldi europei riceveranno Germania, Francia e Italia?

Tra le molte ombre che ancora la circondano, ci sono anche timide luci nell’economia che è stata quella più colpita negli ultimi anni nell’Eurozona. La maggior parte delle aspettative indicano che la Grecia tornerà a crescere l'anno prossimo, ma nel frattempo è stata sorpresa da due dichiarazioni incoraggianti che hanno ridotto il calo della sua economia nel primo trimestre dell'anno e migliorato dello 0,3% nel secondo trimestre.

Il Pil spagnolo è il secondo più alto in termini di crescita nell'Eurozona con un miglioramento dello 0,7% già annunciato a fine luglio dall'Istituto Nazionale di Statistica, un decimo in meno rispetto ai tre trimestri precedenti e un progresso del 3,2% rispetto allo scorso anno . Un lieve rallentamento che al momento non metta in discussione la forza della ripresa, che rimane una questione in sospeso per ridurre la disoccupazione, è molto lontano dai livelli europei.

Al di fuori dell’Eurozona, la crescita economica britannica è accelerata allo 0,6%. Le consultazioni sulla sua continuazione nell'UE si sono svolte quando il secondo trimestre stava per finire, quindi l'impatto maggiore o minore dell'accordo è stato chiarito. L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea Nella sua economia e in quella del blocco sociale ciò comincerà a farsi sentire nei dati seguenti.