Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles chiede un ritiro graduale delle misure di sostegno alle imprese durante la pandemia | Economia

Il Ministro dell’Economia spagnolo, Nadia Calvino, parlando con il suo omologo sloveno Andrej Cerseli; Il commissario alle finanze Paolo Gentiloni e il ministro delle finanze estone Kate Bentos Ruzimanos.Giovanni Theiss (AFP)

La Commissione europea lunedì ha chiesto un ritiro graduale delle misure di sostegno adottate durante la pandemia per evitare una serie di fallimenti aziendali. L’organismo sociale ritiene che sia giunto il momento di allentare lo stimolo e consentire l’inizio di una ritrasformazione economica verde e digitale che sembra giustificare un’accelerazione a causa del virus COVID-19. Il comitato raccomanda, tuttavia, di prestare molta attenzione per evitare che il previsto aumento dei fallimenti si diffonda tra le aziende redditizie o finisca per colpire il settore finanziario. La proposta è stata avanzata nel corso della riunione a Bruxelles dei ministri dell’Economia dell’Eurozona (Eurogruppo), che hanno discusso anche di riformare il Patto di stabilità per adeguarlo all’era post-pandemia.

“Il sostegno dovrebbe essere sospeso gradualmente tenendo conto dell’evoluzione dell’epidemia e della situazione economica”, afferma A Documento di riflessione presentato dalla Commissione durante la riunione mensile dell’Eurogruppo), che si è tenuta lunedì a Bruxelles. Lo spirito di questo ritiro graduale si rifletterà martedì in Echofin (ministri dell’economia dell’UE) che accetterà una raccomandazione sulla politica economica per il 2022, che chiede di “mantenere una posizione fiscale di sostegno moderato nell’intera zona euro. Il testo chiede inoltre che il l’assistenza che rimane in essere essere focalizzata “Sugli investimenti che promuovono una ripresa sostenibile e inclusiva e sono in linea con le trasformazioni verdi e digitali”.

Bruxelles calcola, sulla base delle bozze di bilancio nazionali esaminate alla fine dello scorso anno, che lo stimolo fiscale nel 2022 scenderà a una cifra pari all’1% del PIL dell’eurozona, quasi la metà di quella del 2021 (1,75%). L’impatto delle misure fiscali discrezionali passerà dal 5,4% dello scorso anno al 2,8% di quest’anno.

READ  Invasione russa in diretta: gli Stati Uniti confermano il terzo cittadino americano scomparso in Ucraina

Il comitato è del parere che queste risorse in diminuzione dovrebbero essere messe a disposizione di aziende che erano vitali prima della pandemia, ma che operano in settori fortemente colpiti dalla pandemia, come il commercio, il turismo, la cultura o lo sport. Il documento presentato all’Eurogruppo auspica la creazione di meccanismi che consentano la “selezione di imprese redditizie” verso cui indirizzare gli aiuti.

Questi criteri potrebbero basarsi su criteri che valutano la condizione pre-pandemia di un’azienda, come il suo reddito rispetto ad altre società dello stesso settore, i ritardi nel pagamento delle tasse o la ristrutturazione del debito fino ad allora intrapresa. Un’altra alternativa, secondo la Commissione, potrebbe essere quella di vincolare l’aiuto a una condizione di cofinanziamento che di per sé assicuri che solo le imprese redditizie possano richiederlo.

L’UNHCR sostiene, tuttavia, che la cancellazione degli aiuti avviene con estrema cautela. Secondo il documento della Commissione, il ritiro dovrebbe essere concepito in modo tale che non sia né improvviso né generalizzato per evitare fallimenti che, se raggiungono dimensioni e dimensioni tali da mettere in pericolo una ripresa sostenibile, potrebbero avere ripercussioni per il settore bancario. settore e il settore pubblico.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Partecipare

Il vicepremier e ministro dell’Economia, Nadia Calvino, ha convenuto di mantenere la cautela. “Riteniamo sia estremamente importante evitare un ritiro anticipato dello stimolo e della politica monetaria e fiscale che abbiamo sviluppato per rispondere alla pandemia”, ha dichiarato Calvino all’arrivo alla riunione dell’Eurogruppo.

Il ministro spagnolo ha sfruttato la sua giornata nella Capitale della Comunità per raddoppiare i contatti con l’obiettivo di riformare il Patto di stabilità che è stato annunciato come una delle più grandi battaglie all’interno dell’Unione europea nel 2022. Calvino, insieme ai rappresentanti, si è riunito. Per il comitato con il nuovo ministro olandese Sigrid Kass e il nuovo ministro tedesco Christian Lindner. Entrambi sarebbero pezzi chiave di un dibattito che, in linea di principio, contrappone coloro che sono favorevoli a rendere l’accordo più flessibile – come Francia, Italia e Spagna – contro coloro che sostengono un ritorno ai vecchi costumi. Tuttavia, i nuovi governi di Germania e Olanda, che sono strenui sostenitori dell’accordo, non hanno chiuso il dibattito.

READ  Le ONG tunisine riescono con l'Italia nella lotta di Davide contro Golia contro i rifiuti tossici

Bruxelles vuole soprattutto evitare gli errori commessi durante la crisi finanziaria, quando l’imposizione anticipata delle misure di austerità ha provocato una seconda recessione, ha ristagnato gli investimenti nei paesi del sud e condannato l’eurozona a perdere più terreno di altri. Concorrenti economici, soprattutto per quanto riguarda gli Stati Uniti:

Un secondo documento tecnico Dalla Commissione, che è stata presentata anche alla riunione dell’Eurogruppo, come l’economia dell’Eurozona sia andata alla pari con quella statunitense e britannica (in termini di investimenti fissi) fino al 2012. Poi gli investimenti dell’Eurozona sono crollati per effetto delle prescrizioni dettate da Berlino e Bruxelles. Il divario con gli Stati Uniti, che aveva iniziato a colmare nel 2019, si è riaperto, con il diffondersi della pandemia che ha evidenziato ancora una volta la capacità di ripresa dell’economia statunitense.

“Nell’area dell’euro, gli investimenti fissi hanno impiegato quasi 10 anni per tornare al livello pre-crisi finanziaria. [de 2008]Nella crisi pandemica, la ripresa è stata molto più rapida (si prevede di raggiungere il livello pre-crisi quest’anno) ma ancora più lenta che negli Stati Uniti (che era equivalente al livello precedente alla fine del 2020).

Lo sviluppo dell’Eurozona è stato più positivo in termini di occupazione. Le misure adottate (unitamente alla regolamentazione del lavoro interinale) hanno mitigato gli elevati tassi di disoccupazione. E nel secondo trimestre del 2021, secondo la commissione, il tasso di attività era già di mezzo punto superiore al tasso del 2019, l’anno prima che il virus colpisse.

Bruxelles ritiene ora necessario orientare le politiche occupazionali verso l’adeguamento e l’adeguamento della formazione dei lavoratori in vista del previsto trasferimento della domanda di lavoro da alcuni settori ad altri.

READ  Gli Stati Uniti e la Spagna sono le principali fonti di rimesse in arrivo nei paesi dell'Africa centrale | Economia | notizia

“La crisi del COVID-19 ha accelerato i cambiamenti strutturali nel mondo del lavoro e si prevede che i mercati del lavoro subiranno adeguamenti strutturali, alcuni dei quali potrebbero essere a lungo termine”, avverte. documento di lavoro Dalla Commissione su cui si basa la Raccomandazione di politica economica 2022, che sarà approvata martedì.

Lo stesso documento consiglia di rafforzare i sistemi di protezione sociale dato che “l’epidemia potrebbe avere effetti distributivi persistenti, incidendo negativamente sui lavoratori salariati con redditi più bassi”. Tra le azioni raccomandate, c’è “rafforzare un salario minimo adeguato, mantenendo la competitività e creando occupazione”.