Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le società spagnole perdono 773 milioni, sei mesi dopo che l’Algeria ha posto il veto a Sanchez

L’improvviso cambiamento di posizione del governo sul Sahara occidentale Fu disastroso per gli interessi commerciali delle compagnie spagnole. Lo dimostrano gli ultimi dati pubblicati dal Ministro di Stato per il Commercio Le esportazioni spagnole in Algeria sono diminuite dell’82%, sei mesi dopo l’entrata in vigore del divieto alle società spagnole. L’assedio iniziò Dopo Pedro Sanchez ruppe la storica neutralità spagnola e sostenne la tesi del Marocco sull’integrazione di questa regione.

Dati controllati da Obbiettivo rifletterlo Quasi 600 aziende con interessi commerciali in Algeria hanno perso almeno 773 milioni di euro tra giugno e novembre. Negli ultimi sei mesi, che hanno coinciso con l’inizio del blocco, la Spagna ha esportato solo beni e servizi per un valore di 165,1 milioni di euro, rispetto ai 938 milioni esportati nello stesso periodo dello scorso anno.

Il 16 marzo Pedro Sanchez ha annunciato l’inizio di una “nuova fase” con il Marocco Ha approvato, tra l’altro, la posizione di questo paese nei confronti del Sahara occidentale. Un nuovo accordo in cui ottiene l’ex colonia spagnola Indipendenza amministrativa, economica, finanziaria e infrastrutturale, in cambio della giurisdizione esclusiva del Marocco su questioni di sovranità come bandiera, valuta, sicurezza nazionale e magistratura. Ad oggi, la posizione ufficiale della Spagna è stata quella di rispettare il diritto all’autodeterminazione del popolo saharawi, che anche l’Algeria difende.

Sei mesi di divieto

Questo si trasforma nel deserto È stato ratificato dal Presidente del Consiglio davanti alla Camera dei Deputati l’8 giugno E lo stesso giorno, L’Algeria ha annunciato la sospensione del trattato di amicizia, buon vicinato e cooperazione con la Spagna firmato nell’ottobre 2002. In questo modo il Paese africano ha minacciato di imporre sanzioni alle aziende locali che acquistano prodotti dalla Spagna. Sono stati congelati anche gli addebiti diretti delle operazioni di commercio estero di prodotti e servizi originari e destinati al nostro territorio.

READ  L'88% degli albergatori afferma di avere carenza di personale qualificato

Il 28 luglio, l’Associazione delle banche e delle istituzioni finanziarie algerine (ABIF) ha notificato alle banche algerine con una circolare la revoca del blocco, ma due giorni dopo l’agenzia di stampa statale algerina ha smentito questa informazione, affermando che tutto era com’era. Questa entità non è competente a presentare alcun tipo di veto senza l’espressa autorizzazione del governo algerino. Cosa che finora non è accaduta dopo sei mesi di embargo commerciale.

In ogni caso, il calo delle esportazioni spagnole verso l’Algeria è evidente dall’inizio del veto ei dati confermano che, lungi dal migliorare, la situazione nel corso dei mesi è peggiorata. A maggio, le esportazioni spagnole verso l’Algeria sono cresciute dell’8,2%.ovvero l’equivalente di 64,1 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2021. Tuttavia, a giugno è iniziata una netta flessione che ha portato a un saldo negativo ea un calo cumulato dell’82%.

diminuzione delle esportazioni

Si tratta di un declino graduale e continuo fino al raggiungimento dei livelli più bassi nel mese di novembre. A giugno sono state registrate esportazioni per 66,6 milioni, recidiva 61,7%; A luglio erano meno della metà: 28,5 milioni, -81,6%; Ad agosto sono rimasti a 26,4 milioni, in calo del 79,8%, mentre A settembre e ottobre era di circa 16,7 milioni, con diminuzioni dell’89,3 e dell’89,6%, rispettivamente. Nel complesso, il crollo maggiore si è verificato a novembre, con il 93,2% dopo aver chiuso il mese a soli 10,3 milioni di euro dalle spedizioni in Algeria.

Situazione critica per le imprese spagnole che commerciano con l’Algeria. All’inizio di quest’anno, decine di uomini d’affari interessati nel Paese hanno incontrato il Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo, il secondo incontro dal loro primo contatto in ottobre. l’incontro che ha ospitato L’indipendente E questo giornale ha confermato che è finita di nuovo senza un accordo e senza l’impegno del governo spagnolo a migliorare la situazione. Le aziende interessate cercano assistenza che possa mitigare la perdita di affariSebbene non abbiano ricevuto alcuna risposta dopo sei mesi.

READ  Il G7 chiuderà i finanziamenti del FMI e della Banca mondiale alla Russia e li eliminerà dall'Organizzazione mondiale del commercio

I prodotti più esportati dalla Spagna all’Algeria sono pasta di legno e carta, grassi e altri oli vegetali. Materie prime e semilavorate di materie plastiche, ferrite e ceramica, apparecchiature per telecomunicazioni, materiale elettrico, carburanti e lubrificanti. Ciò significa che le aziende più colpite ed esposte all’assedio eSono aziende agroalimentari come Vicky Foods, società tecnologiche come Indra o società di infrastrutture come Técnicas Reunidas, Abengoa o Sacyr.

Le importazioni sono mantenute

I dati delle dogane algerine collocano la Spagna come quinto fornitore dell’Algeria nel 2020, dopo Cina, Francia, Italia e Germania. Anche se, alla luce degli ultimi dati, Tutto sembra indicare che la posizione privilegiata di partner privilegiato del Paese nordafricano andrà persa. Lo stesso lunedì, infatti, l’Algeria ha annunciato una nuova era di cooperazione con l’Italia, Paese che ha riconosciuto le sue rivendicazioni sul Sahara occidentale.

Una situazione che può complicare le importazioni che al momento non sono interessate dal calcolo annuale. Tra gennaio e novembre, le importazioni algerine sono aumentate del 68,3% a 7.105,3 milioni di euro, anche se sono diminuite del 4% in ottobre e del 20% in novembre. Nello stesso periodo, le esportazioni verso il Paese sono diminuite del 41% a 1010 milioni. Le spedizioni in tutto il mondo nello stesso periodo sono aumentate del 23,6%, mentre gli acquisti sono cresciuti del 35%, il che significa che l’Algeria ha beneficiato di un veto: le esportazioni sono diminuite e le importazioni sono aumentate vertiginosamente.

La Spagna importa principalmente gas dall’Algeria e si capisce che la crisi energetica l’ha costretta a lanciare questi acquisti, sebbene provengano dal settore pubblico, non da quello privato. Nel 2020, le importazioni di carburante dall’Algeria hanno rappresentato il 92% delle importazioni totali. Con i dati del 2020, la Spagna è il terzo cliente dell’Algeria per lo stesso anno, dopo Italia e Francia. Qui le aziende principali sono di proprietà di Naturgy, Cepsa o Repsol. Naturgy ha finalizzato un nuovo accordo di revisione dei prezzi con l’Algeria alla fine dello scorso anno.

READ  L'Italia prevede di riaprire le porte ai turisti vaccinati a metà maggio