Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo spagnolo e le società elettriche stanno cercando di guidare la riforma del mercato dell’energia in Europa

KPMG conferma che c’è il desiderio di investire nel settore elettrico spagnolo

Madrid, 24 gennaio (Europe Press) –

Il governo e le società energetiche spagnole intendono continuare a guidare la riforma del mercato energetico europeo, approfittando del ruolo “essenziale” che ritengono la Spagna svolga nel campo delle energie rinnovabili e della sua capacità di immagazzinare ed esportare gas nel resto del mondo Paesi. continente.

In una conferenza organizzata da KPMG e “El País” sul futuro del settore energetico, il segretario di Stato per gli affari energetici, Sara Agsin, ha espresso il desiderio del governo che la Spagna continui a “svolgere un ruolo molto attivo” nella riforma del settore energetico . che la Commissione europea affronterà questa primavera.

Il governo ha già inviato a Bruxelles la sua proposta, che prevede come novità l’approvvigionamento di energia a lungo termine per ridurre la volatilità dei prezzi per i consumatori, e confida che se ne terrà conto per il disegno del futuro sistema europeo, sulla base dell’eventuale diffusione di fonti energetiche rinnovabili e in un modello “più equo”.

Al tavolo di confronto che è seguito, la presidente di Redeia – capogruppo del gestore del sistema elettrico Red Eléctrica – Beatriz Corredor ha sottolineato come la Spagna sia il Paese europeo con il sistema “più equilibrato” in termini di fonti di approvvigionamento elettrico, “il più flessibili” dal punto di vista del sistema operativo e i “meglio posizionati” per garantirlo in Europa.

“La Spagna è già leader nel dibattito energetico in Europa. Il meccanismo iberico fa abbassare i prezzi in Spagna del 26% rispetto alla Francia, del 41% rispetto all’Italia e del 35% rispetto alla Germania. Siamo la forza trainante per le energie rinnovabili in Europa e questa è una cosa di cui dobbiamo approfittare da parte sua”.

READ  Draghi raduna i ministri dell'Ambiente e dell'Economia per la bolletta elettrica

Anche l’amministratore delegato di Enagás, Arturo Gonzalo, è stato ottimista e ha motivato: la Spagna ha il 33% della capacità di rigassificazione di GNL in Europa e il 44% della capacità di stoccaggio, ragioni che obbligano la Spagna ad aiutare i Paesi partner.

Gonzalo ha anche spiegato che dei 500.000 milioni di metri cubi di gas consumati in Europa, 125.000 milioni provenivano dalla Russia prima dell’invasione dell’Ucraina, e Bruxelles ha dato una risposta “rapida” per ridurre questa dipendenza, che è un’opportunità per la Spagna di guidare questo trasformazione.

appetito degli investitori

Carlos Sole, partner responsabile per l’energia di KPMG in Spagna, ha anche notato la “fantastica” opportunità che questa transizione ha aperto per la Spagna grazie alla sua posizione “privilegiata” e alle sue “indiscutibili” risorse naturali rinnovabili.

Sebbene si aspetti due o tre anni mentre i prezzi dell’energia continueranno a salire, Soule ha sottolineato che c’è il desiderio di investire nel paese e ha fornito come esempio che il 20% di tutti i progetti di idrogeno nel mondo provengono dalla Spagna.

In questo senso, Andres Guevara, capo spagnolo della compagnia petrolifera britannica BP, ha rivelato che il Paese è uno degli otto mercati strategici della compagnia a livello mondiale. “La sostenibilità è essenziale, ma anche l’accessibilità e la sicurezza dell’approvvigionamento sono essenziali, il che apre una finestra di opportunità per la Spagna”, ha osservato.

Da parte sua, il direttore esecutivo di EDP Spagna, Ana Paola Marquez, ha fatto riferimento a queste opportunità per il settore energetico spagnolo, affermando che il paese è il mercato primario per l’azienda. Ha inoltre confermato il rispetto del proprio percorso verso il 2030, quando il 100% dell’energia EDP proverrà da fonti rinnovabili, rispetto all’attuale 75%.

READ  Papa firma patto con i giovani per "economia di pace"

Infine, l’amministratore delegato di Exolum — società dedicata alla logistica dei combustibili liquidi — Jorge Lanza ha evidenziato la capacità del regime di adattarsi alle sanzioni russe e si è concentrato sulla decarbonizzazione dell’economia e sulla promozione della transizione energetica.