Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le Nazioni Unite hanno avvertito di un’imminente “catastrofe umanitaria” in Afghanistan prima che i talebani prendessero il potere

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid parla con l’unità militare Badri 313 all’aeroporto di Kabul (Foto: Reuters)

Il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha avvertito martedì di un’imminente “catastrofe umanitaria” in Afghanistan. Ha esortato i paesi a fornire fondi di emergenza dopo la partenza delle forze statunitensi.

“Esorto tutti gli Stati membri a condurre un’indagine approfondita sul popolo afghano nel momento più buio del bisogno.. “Vi esorto a fornire finanziamenti flessibili, completi e tempestivi”, ha affermato il Segretario generale in una nota.

“Ora più che mai, i bambini, le donne e gli uomini afgani hanno bisogno del sostegno e della solidarietà della comunità internazionale”, ha affermato in una nota.

Guterres ha annunciato che L’ONU pubblica i dettagli dell’appello urgente per l’Afghanistan la prossima settimana.

Ha detto che le informazioni dettagliano “i bisogni umanitari immediati e i requisiti di finanziamento” richiesti nei prossimi quattro mesi.

Sottosegretario generale per gli affari umanitari e coordinatore dei soccorsi di emergenza Martin Griffiths, Coordinamento dell’intero Sistema ONU nella preparazione dell’appelloAggiunse Guterres.

Ha detto che quasi la metà della popolazione dell’Afghanistan, 18 milioni di persone, ha bisogno di assistenza umanitaria urgente per sopravvivere.

Un afghano su tre non sa da dove verrà il prossimo pasto. Si prevede che più della metà dei bambini di età inferiore ai cinque anni soffra di malnutrizione acuta il prossimo annodice il rapporto.

31-08-2021 Azione contro la fame si prepara a riprendere il suo lavoro umanitario in Afghanistan.  Più di due settimane dopo che i talebani hanno preso Kabul il 15 agosto, le squadre di Azione contro la Fame stanno lavorando per riprendere le loro attività nel paese asiatico, ha detto la stessa ONG.  Politica Spagna Europa Madrid Sociedad Sandra Callejaro
31-08-2021 Azione contro la fame si prepara a riprendere il suo lavoro umanitario in Afghanistan. Più di due settimane dopo che i talebani hanno preso Kabul il 15 agosto, le squadre di Azione contro la Fame stanno lavorando per riprendere le loro attività nel paese asiatico, ha detto la stessa ONG. Politica Spagna Europa Madrid Sociedad Sandra Callejaro

Ogni giorno le persone perdono l’accesso a beni e servizi di base. Una catastrofe umanitaria incombeha detto Guterres.

READ  Dibattito globale: è necessaria una terza dose di vaccini COVID-19 oggi?

Ha aggiunto che la grave siccità e le dure condizioni invernali incombenti hanno fatto sì che in Afghanistan fossero necessari “urgentemente” cibo, riparo e ulteriori forniture sanitarie.

Invito tutte le parti a facilitare l’accesso umanitario sicuro e senza ostacoli a forniture salvavita e sostenibili, nonché a tutti gli operatori umanitari, uomini e donne.“, Lei disse.

Guterres ha affermato che l’impegno delle agenzie umanitarie a rimanere in Afghanistan e fornire aiuti “non verrà scosso”.

D’altra parte, Martedì il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso un avviso di viaggio di livello 4 per l’Afghanistan, chiedendo ai suoi cittadini di non recarsi nel paese, in seguito al loro ritiro dal paese asiatico..

Nell’avviso, pubblicato sul sito web del Dipartimento di Stato, il governo degli Stati Uniti menziona rivolte, conflitti armati, terrorismo, rischio di rapimento e COVID-19. Motivi per non andare in Afghanistan.

Viaggiare in tutte le regioni che compongono l’Afghanistan non è sicuroHa notato prima di affermare che i rischi che i cittadini statunitensi vengano rapiti o esposti alla violenza erano “alti”.

Il Dipartimento di Stato ha ricordato che l’ambasciata americana a Kabul ha sospeso le operazioni martedìMa ha assicurato che continuerà ad assistere i cittadini statunitensi e le loro famiglie che vivono in Afghanistan da Doha, la capitale del Qatar.

Nella foto il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres (Foto: EFE)
Nella foto il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres (Foto: EFE)

Inoltre, Washington lo ha chiarito martedì L’equipaggiamento lasciato a Kabul dopo il ritiro definitivo delle truppe è “disabilitato”.Dopo che i media locali hanno trasmesso le immagini dei talebani che entrano in aeroporto e persino sugli aerei americani.

“Possono controllare quello che vogliono. Possono guardarlo, ma non possono farlo volare.”, spiegato nei commenti a CNN Il portavoce del Pentagono John Kirby a causa delle foto di alcuni hangar militari già deserti all’aeroporto internazionale di Hamid Karzai.

READ  Martin Petaluga, proprietario de La Huella a Jose Ignacio, ha interrogato Israele sugli attacchi terroristici di Hamas, ha risposto Marcus Galperin

a) si, Ha notato che sia l’equipaggiamento aereo che quello terrestre erano “disabilitati”.Fatta eccezione per i camion e gli ascensori necessari per mantenere operativo l’aeroporto fino a pochi istanti prima dell’evacuazione, avvenuta nella tarda serata di lunedì.

La campagna di evacuazione internazionale iniziata dopo che i talebani hanno invaso Kabul il 15 agosto ha permesso più di 100.000 persone, ma Kirby ha sottolineato che continuano”.PreoccupazionePer chi è rimasto indietro, Alcuni di loro sono di nazionalità americana.

Voleva mandare a tutti loro un messaggio che “Sebbene la missione militare sia finita, l’impegno degli Stati Uniti non è finito‘, dato che la minaccia alla sicurezza ‘rimane alta’, a causa di potenziali rappresaglie talebane e per L’aumento dell’attività del ramo dello Stato Islamico.

(Con informazioni da Europa Press e AFP)

Continuare a leggere: