Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le Nazioni Unite avvertono che questo non è il momento per l’austerità fiscale

Le Nazioni Unite hanno avvertito che, nonostante i persistenti deficit fiscali e l’elevato debito pubblico, “ora non è il momento per l’austerità fiscale, che sarebbe socialmente dolorosa e potenzialmente controproducente”. La Fondazione sostiene che i tagli di bilancio sono solitamente associati a tagli “dolorosi” alla spesa sociale che “danneggiano i più vulnerabili” e mettono a repentaglio il rispetto degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Inoltre, dalle Nazioni Unite segnalano un ritorno all’austerità Esacerbazione della crescita economica “Ritarderà la ripresa dalle crisi attuali e minerà i finanziamenti tanto necessari per lo sviluppo sostenibile e la lotta al cambiamento climatico”.

Mercoledì le Nazioni Unite hanno pubblicato un dossier prospettive economiche mondiali. In esso, stima che l’economia globale supererà la recessione e crescerà dell’1,9% nel 2023, anche se avverte che questo è uno dei tassi di crescita più bassi degli ultimi decenni, e si riprenderà al 2,7% nel 2024 in Europa, d’altra parte . prospettive di crescita Sono molto più miti.

Le Nazioni Unite lo apprezzano L’Unione Europea crescerà dello 0,2% nel 2023 Non è escluso che alcuni paesi entrino in uno stato di recessione, in particolare Germania, Italia, Grecia, Austria, Danimarca, Finlandia e Svezia sono quelli che l’organizzazione considera più a rischio. Inoltre, la Fondazione osserva che la regione è una delle più vulnerabili all’andamento dei prezzi dell’energia e alla guerra in Ucraina, quindi è probabile che le sue previsioni varino.

comunque, il Orizzonti di Spagna Sono in qualche modo migliori di quelli di tutti i paesi europei. Le Nazioni Unite lo apprezzano La Spagna cresce dello 0,9% quest’anno Si estende al 2,2% per il 2024. In termini di inflazione, le Nazioni Unite prevedono che l’inflazione in Spagna scenderà al 4,9% quest’anno e al 2,5% l’anno prossimo. Inoltre, pone il tasso di disoccupazione per quest’anno al di sopra del 12,8% a cui si era chiuso nel 2022 fino a raggiungere il 13% nel 2023.

READ  Le Nazioni Unite stimano che l'economia russa crollerà del 7,3% nel 2022

Entro il 2023, l’organizzazione si aspetta che lo sia L’inflazione è solo moderata gradualmente In Europa, avverte che le autorità monetarie europee devono trovare un difficile equilibrio per garantire che le loro misure di contenimento dei prezzi non aggravino il rallentamento economico. Le Nazioni Unite avvertono che “le banche centrali si trovano a un bivio”, a causa degli alti tassi di interesse applicati dalla maggior parte delle banche centrali del mondo, che hanno peggiorato le prospettive economiche senza controllare completamente l’inflazione.

Le rapide e simultanee misure di inasprimento monetario delle maggiori banche centrali mondiali si sono ritirate dai mercati Molta liquidità molto rapidamenteuna situazione che ha generato significativi effetti indiretti negativi sull’economia globale e ha indebolito le prospettive economiche dei Paesi a rischio”, spiega il rapporto.

prospettive di guerra

Il rapporto avverte anche del potenziale sviluppo delle economie russa e ucraina. L’economia russa potrebbe contrarsi del 2,9% nel 2023, se la guerra continua. Nel caso dell’Ucraina, il rapporto delle Nazioni Unite non specifica quale sarà il calo del PIL, anche se dovrebbe rimanere molto chiaro a causa Di distruzione di massa” derivato dal conflitto.

L’economia ucraina è affondata del 30% lo scorso anno, secondo gli autori del rapporto, i quali osservano che la ricostruzione postbellica del Paese richiederà una quantità “enorme” di risorse economiche e finanziarie.

D’altra parte, la Russia nel 2022 è riuscita a evitare un attacco rovina della sua economia Tra il 10% e il 15%, come previsto dal peggior presagio nei primi mesi di guerra, e il crollo è stato limitato al 3%, secondo il rapporto, a causa degli alti livelli di scorte nel Paese durante le prime fasi della la guerra. .

READ  La grande industria spagnola, al vaglio prima di un possibile razionamento del gas