Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le microplastiche si stanno già manifestando nella placenta, nel latte materno e nel cervello

Le microplastiche si stanno già manifestando nella placenta, nel latte materno e nel cervello

I ricercatori hanno visto che le particelle attraversano la barriera emato-encefalica, che protegge il cervello dalle tossine e da altre sostanze nocive (Getty).

che livelli Inquinamento ambientale Non smette di crescere ei suoi effetti a livello climatico e sulla salute delle persone non sono una novità. Ciò che è preoccupante è l’emergere di prove sempre più scientifiche della capacità Microplastiche Entrare nell’organismo, e le sue possibili conseguenze.

Sono i ricercatori dell’Università di Vienna Scoprire Particelle di plastica nel cervello dei ratti solo due ore dopo aver mangiato acqua potabile contenente plastica.

E secondo gli autori del lavoro, “Una volta nel cervello, le microplastiche possono aumentare il rischio di infiammazione, disturbi neurologici o persino malattie neurodegenerative come l’Alzheimer o il Parkinson”. Lukas Keener, uno dei ricercatori, lo ha affermato in una dichiarazione, anche se ha chiarito che “sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la relazione tra la plastica e questi disturbi cerebrali”.

Gli esseri umani sono costantemente esposti a materiali polimerici, come tessuti, pneumatici per automobili e imballaggi. Sfortunatamente, i loro prodotti degradati inquinano il nostro ambiente, portando a un inquinamento diffuso con micro e nanoplastiche (MNP)”, descrivono i ricercatori nella pubblicazione delle loro scoperte.

Hanno continuato, “La barriera emato-encefalica (BBB) ​​​​è un’importante barriera biologica che protegge il cervello dalle sostanze nocive. Nel nostro studio, abbiamo eseguito studi di assorbimento a breve termine nei topi utilizzando micro/nanoparticelle di polistirene somministrate per via orale (9,55 μm , 1,14 micron, 0,293 micron).

I ricercatori affermano che la presenza onnipresente di microplastiche nell’ambiente “rende inevitabile l’esposizione umana” (Europa Press)

Per funzionare, il team ha somministrato ai topi acqua mescolata con particelle di polistirolo, un tipo di plastica comune negli imballaggi per alimenti, come vasetti di yogurt e contenitori da asporto in polistirolo.

READ  Studia medicina e vive a Entre Rios e afferma di averlo visto "solo una volta": chi è Samira, la sorella di L-Ganti

Utilizzando modelli computerizzati per tracciare la dispersione della plastica, i ricercatori hanno scoperto che le particelle nanoplastiche, di dimensioni inferiori a 0,001 millimetri e invisibili ad occhio nudo, possono viaggiare nel cervello dei topi attraverso un “meccanismo di trasporto” precedentemente biologico. Sconosciuto. In sostanza, queste microplastiche vengono assorbite nelle molecole di colesterolo sulla superficie della membrana cerebrale. Pertanto, vengono immagazzinati nei loro piccoli pacchetti di grasso, Attraversamento della barriera ematoencefalicaSi tratta, come accennato, di una parete di vasi sanguigni e tessuti che protegge il cervello dalle tossine e da altre sostanze nocive.

Mentre lo studio di Vienna si è concentrato sugli effetti della plastica esaurita nell’acqua potabile, questo non è l’unico modo in cui gli esseri umani ingeriscono la plastica. Uno studio cinese del 2022 ha scoperto come la plastica inalata attraverso il naso influisca sul cervello e i ricercatori hanno riferito all’epoca che “si può osservare la neurotossicità delle nanoplastiche”. Nel complesso, sottolineano, la plastica inalata riduce le prestazioni di alcuni enzimi cerebrali che funzionano anche male nel cervello dei malati di Parkinson e Alzheimer.

In Un altro studio Dal 2022 i ricercatori italiani hanno scoperto per la prima volta particelle di microplastica nel latte materno. Gli esperti dell’Università Politecnica delle Marche, ad Ancona, in Italia, hanno prelevato campioni di latte materno da 34 madri sane una settimana dopo il parto e, dopo averli analizzati, hanno notato la presenza di microplastiche, sollevando preoccupazioni sui possibili effetti sulla salute umana. .

Le persone possono essere esposte a disturbi endocrini consumando cibi e bevande in contenitori di plastica (Getty)

Secondo i risultati pubblicati sulla rivista polimeriLe microplastiche sono state trovate nel 75% di tutti i campioni.

READ  Museo di Storia Naturale di San Marcos: Scienza e cultura alla portata di tutti | Notizia

Determina l’uso diffuso della plastica L’inevitabile esposizione umana ai suoi sottoprodotti, tra cui le microplastiche, che entrano nel corpo umano principalmente attraverso l’ingestione, l’inalazione e il contatto con la pelle – come spiegano gli autori del lavoro in questa pubblicazione -. Una volta interiorizzate, le particelle microplastiche possono attraversare le membrane cellulari e viaggiare in varie parti del corpo, innescando specifici meccanismi cellulari. Pertanto, il potenziale danno alla salute causato dall’internalizzazione e dall’accumulo di queste molecole è una delle principali preoccupazioni, come confermato da numerosi studi che riportano chiari effetti tossici in vari modelli animali, organismi marini e linee cellulari umane”.

È ormai chiaro che anche gli esseri umani mangiano la plastica e stanno emergendo nuove ricerche sulla plastica e sulla salute del cervello insieme a studi innovativi su come gli inquinanti influenzino la salute dell’apparato digerente. Come la barriera emato-encefalica, anche la barriera gastrointestinale è vulnerabile alle interferenze delle nanoplastiche, che possono causare reazioni infiammatorie e immunitarie nell’intestino, oltre alla morte cellulare.

Le microplastiche sono piccoli pezzi di plastica di diametro inferiore a 0,2 pollici, tipicamente prodotti come scaglie o avanzi di materiali di scarto senza un adeguato trattamento (Europa Press).

A questo punto non è necessario approfondire La plastica è penetrata nella maggior parte del corpo umano, inclusi sangue, organi, placenta, latte materno e tratto gastrointestinale. Sebbene il modo in cui la plastica colpisce diverse parti del corpo non sia completamente compreso, molte delle sostanze chimiche presenti in diversi tipi di plastica sono considerate cancerogene e interferenti ormonali e sono collegate a esiti negativi per la salute come obesità, diabete, disturbi riproduttivi e deficit neurologici nei feti e nei feti. bambini.

READ  L'architettura mira ad aggiungere opere nei campi della sanità, dell'istruzione e dell'assistenza sociale

Oltre a conseguenze degenerative potenzialmente gravi, i ricercatori ritengono anche che l’inquinamento da microplastiche nel cervello possa causare effetti sulla salute a breve termine, tra cui deterioramento cognitivo, neurotossicità e livelli alterati di neurotrasmettitori, che possono contribuire a cambiamenti comportamentali.

In questo contesto, un’analisi del Global Planetary Health Observatory del Boston College ha esaminato i rischi per la salute della plastica durante tutto il suo ciclo di vita e ha rilevato che “gli attuali modelli di produzione, utilizzo e smaltimento della plastica non sono sostenibili”. È responsabile di ingenti danni” alla salute umana e di “profonda ingiustizia sociale”.

In modo incoraggiante, più di 100 paesi hanno divieti totali o parziali sui sacchetti di plastica monouso e i responsabili politici di alcuni paesi stanno pensando maggiormente alla plastica in termini di costi esterni, tra cui l’inquinamento e gli effetti sulla salute. Tuttavia, per i ricercatori, Regolamento globale sulla plastica Ancora lontano dai risultati per quanto riguarda i suoi effetti sulla salute.

Continuare a leggere

Avviso di contaminazione: hanno trovato microplastiche nel latte materno di donne sane
Oceani: perché i batteri potrebbero fornire una soluzione all’inquinamento da microplastica
Avvertimento sulle microplastiche: stimano che circa 80 milioni di tonnellate inquineranno il pianeta nel 2040