Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come ci proteggiamo dal COVID-19?: un nuovo test che sarà in grado di fornire dati accurati sull’immunità

Dopo aver analizzato due tipi di test, gli scienziati si sono concentrati sul tipo che hanno valutato come più veloce e facile da usare (Getty Images)

Meno di 24 ore. Ecco quanto tempo ci vuole per il nuovo test sviluppato dai ricercatori di Scuola di medicina del Monte Sinai (USA)con studiosi di Singapore, Italia, Regno Unito e Spagna; Per fornire dati precisi su immunità che hai di fronte SARS-CoV-2, il virus responsabile del COVID-19. “Sono necessari metodi rapidi e ad alto rendimento per misurare il livello e la durata delle risposte immunitarieLo affermano gli esperti nello studio pubblicato sulla rivista Biotecnologie della natura. Il test è stato autorizzato dalla società biotecnologica Hyris (nel Regno Unito) ed è già in uso in Europa.

La mancanza di metodi diagnostici rapidi, facili da usare, accessibili, scalabili e accurati per quantificare l’immunità cellulare preclude ampi studi sulla popolazione, che influiscono sulle strategie di vaccinazione a lungo termine e sulle risposte della salute pubblica alle epidemie.come quello causato dal virus SARS-CoV-2, gli scienziati hanno notato quando hanno osservato i motivi che li hanno spinti a eseguire questo nuovo test diagnostico.

È un esame del sangue che può misurare rapidamente la protezione di una persona contro il virus COVID. “I nostri test possono consentire il monitoraggio su larga scala dell’entità e della durata dell’immunità funzionale delle cellule T contro SARS-CoV-2, contribuendo a dare priorità alle strategie di rivaccinazione nelle popolazioni vulnerabili”, hanno spiegato gli esperti.

Secondo gli esperti, grazie a questo test si possono identificare nuove strategie sanitarie di fronte alla pandemia di Getty Images
Secondo gli esperti, grazie a questo test si possono identificare nuove strategie sanitarie di fronte alla pandemia di Getty Images

Il test che abbiamo creato ha il potenziale per misurare l’immunità di una popolazione cellulare e per testare l’efficacia di nuovi vaccini su larga scala”, ha confermato in una nota. Ernesto Guccioneuno degli autori principali dello studio e professore di oncologia e farmacologia, presso il Tisch Cancer Institute del Monte Sinai.

READ  I volontari italiani scommettono su Soberana Plus (+ foto e video)

In tal senso, l’esperto ha sottolineato che è noto che “una popolazione a rischio non sempre genera una risposta anticorpale, quindi La misurazione dell’attivazione dei linfociti T è fondamentale per valutare l’intera portata dell’immunità di una persona. Inoltre, l’emergere di varianti SARS-CoV-2 come Omicron, che evitano la maggior parte della capacità neutralizzante degli anticorpi, indica la necessità di test in grado di misurare Cellule T, che sono più efficaci contro le varianti emergenti di interesse”.

Individuare i linfociti T come target per l’analisi non è nuovo ed è particolarmente focalizzato sul loro ruolo nel sistema immunitario. Che sia per un agente patogeno o per un vaccino, le difese dell’organismo si propagano allo stesso modo e, come effetto domino, compaiono due comportamenti primari: la formazione di anticorpi e la successiva comparsa di linfociti T anche noti.

Nelle parole degli scienziati, i linfociti T possono rispondere in modo più efficiente alle nuove sottovariabili emergenti (Image via Smith Collection/Gado/Getty Images)
Nelle parole degli scienziati, i linfociti T possono rispondere in modo più efficiente alle nuove sottovariabili emergenti (Image via Smith Collection/Gado/Getty Images)

Il primo passo che l’organismo compie di fronte all’infezione è rilasciare gli anticorpi, sono i primi “soldati” che difendono l’organismo marcando i patogeni per individuarli ed eliminarli. Il secondo gruppo di difensori sono i linfociti T, gli “specialisti addestrati” nello sterminio degli “invasori”, che hanno anche la responsabilità di ricordare che aspetto hanno e come dovrebbero essere uccisi.. Su quest’ultimo la scienza ha concentrato la sua attenzione.

I saggi qui presentati si basano sulla capacità delle cellule T SARS-CoV-2 di rispondere ai peptidi che incapsulano diverse proteine ​​del virus.Ha detto in una dichiarazione. Jordi Ochando, che è anche autore senior dello studio e assistente professore di scienze del cancro presso il Tisch Cancer Institute del Monte Sinai. Come hanno spiegato, ci vorrebbero meno di 24 ore per apprendere il comportamento di questi linfociti contro il virus. Inoltre, il loro utilizzo può essere generalizzato, perché sono “facilmente” scalabili (si possono cioè realizzare produzioni su larga scala).

READ  Ambito delle proposte della Commissione sui sistemi della conoscenza, le culture, la scienza, la tecnologia, le arti e il patrimonio

Con questo tono, il Professore Associato di Medicina (Nefrologia), Patologia, Medicina Molecolare e Medicina Cellulare presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai ha anche evidenziato: “Con la possibilità di utilizzare diverse combinazioni di peptidi, Il nostro approccio rappresenta una strategia flessibile che può essere facilmente implementata per rilevare la presenza di cellule T che rispondono a diverse proteine ​​virali.. Queste cellule T svolgono un ruolo importante nella protezione contro i ceppi mutati emergenti, misurando così l’effetto che le mutazioni virali possono avere sull’immunità cellulare.“.

Per mettere l'analogia della guerra, i linfociti T sono specialisti appositamente formati per attaccare e uccidere l'agente patogeno, ricordarlo e, se ritorna nel corpo, imparare come eliminarlo (Getty Images)
Per mettere l’analogia della guerra, i linfociti T sono specialisti appositamente formati per attaccare e uccidere l’agente patogeno, ricordarlo e, se ritorna nel corpo, imparare come eliminarlo (Getty Images)

Per scoprire cos’è l’immunità contro il virus che causa il COVID-19, Il campione di sangue deve essere miscelato con il virus SARS-CoV-2. Se le cellule T specifiche rispondono alla sostanza virale, verrà prodotta una sostanza. che può essere rilevato da un test PCR, simile a quelli attualmente utilizzati per diagnosticare la malattia. La differenza è che I livelli forniti da questa sostanza sono responsabili di fornire dettagli sull’immunità cellulare.

Inizialmente, gli scienziati hanno cercato di migliorare i test basati sulla PCR che potessero essere sensibili e accurati, oltre che scalabili. Questo è ciò su cui si sono concentrati in due: il test qTACT, che hanno definito “preciso e sensibile ma con un tempo di elaborazione relativamente più lungo di 24 ore ogni 200 campioni di sangue, a un prezzo moderato e un livello intermedio di competenza tecnica”; S Il test dqTACT, che descrivono come “preciso, con tempi e costi di elaborazione ridotti e richiede competenze di laboratorio minime”. Per tutte queste caratteristiche, È quest’ultimo che è stato implementato, perché, inoltre, ha recentemente ottenuto la certificazione europea CE-IVD (diagnostics in laboratorio ), ed è in attesa di approvazione da parte della Food and Drug Administration e dell’Agenzia europea per i medicinali.

Il test è autorizzato dalla società biotecnologica Hydris e, secondo loro, è già stato utilizzato in Europa EFE / EPA / MAXIM SHIPENKOV
Il test è autorizzato dalla società biotecnologica Hydris e, secondo loro, è già stato utilizzato in Europa EFE / EPA / MAXIM SHIPENKOV

Nelle parole degli esperti, un metodo che può essere “facilmente adattato per rilevare il grado di immunità cellulare È un complemento urgentemente necessario ai test attualmente disponibili, che misurano la presenza virale o il titolo anticorpale, e per progettare strategie di vaccinazione future in base ai livelli di protezione immunitaria della popolazione.“.”Il nostro approccio rappresenta una strategia flessibile che può essere prontamente utilizzata per rilevare la presenza di cellule T che rispondono a diverse proteine ​​virali. che hanno un ruolo importante nella protezione dei ceppi mutanti già emergenti, misurando così l’effetto che le mutazioni virali possono avere sull’immunità cellulare”, hanno aggiunto.

READ  Il cambiamento climatico provocherà fenomeni "sempre più pericolosi e frequenti".

“La misurazione accurata delle risposte cellulari alla base della protezione contro i virus è un criterio critico per i nostri livelli di difesa immunitaria”, ha spiegato Megan Schwartz, uno dei primi autori dello studio e uno studente laureato al Monte Sinai. “In grandi numeri arriva la chiarezza”, ha aggiunto Gocheon alla rivista. volta Ha concluso: “Con questo test possiamo finalmente ottenere quei numeri che non erano disponibili con la tecnologia precedente“. Il test è stato autorizzato dalla società biotecnologica Hyris (nel Regno Unito) ed è già in uso in Europa.

Continuare a leggere:

Un nuovo studio conferma che i vaccini proteggono da tutti i tipi di COVID-19
L’immunità dei linfociti T è risultata efficace contro Omicron nel 90% dei vaccinati.
Alcune persone sono naturalmente resistenti al corona virus?