Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le fluttuazioni in politica estera provocano polemiche e costringono il governo a fare chiarezza

Il governo è cambiato? Alberto Fernandez la tua politica estera? La risposta del governo è semplice: no. Per l’opposizione il ruolo è senza dubbio completo.

col tempo, Il governo nazionale stava adattando il suo discorso sui temi centrali: Venezuela, Israele, negoziati con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e il Club di ParigiSono il modello, ma non gli unici. La “suddivisione” delle principali ambasciate è anche un esempio delle peculiarità della leadership politica di un fronte con visioni diverse sugli affari internazionali.

Venezuela.

28/11/2019, Sulla situazione politica e sociale in Venezuela. “Rimarremo nel gruppo Lima”, pubblicizzato Felipe Sola, la persona scelta dal presidente eletto Alberto Fernandez per assumere la carica di cancelliere.

13/10/2020 Appare il primo Differenza Importante: il governo non firma una condanna del Gruppo Lima contro Nicolás Maduro.

24/3/2021 Argentina Lascia il gruppo Lima مجموعة Ha ritirato il suo sostegno per il caso contro Maduro ascoltato dalla Corte penale internazionale dell’Aia.

Israele.

21 gennaio 2020 Presidente Alberto Fernandez Ha visitato lo stato ebraico Ha incontrato il Primo Ministro di quel Paese, Benjamin Netanyahu. Era il suo primo viaggio internazionale come capo di stato.

11/5/2021 Nel mezzo dell’escalation di violenza tra Israele e Hamas, La Cancelleria ha rilasciato una dichiarazione In cui ha espresso preoccupazione per la situazione e ha sottolineato “l’uso sproporzionato della forza” da parte di Israele

– 27/5/2021, Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, con il voto dell’Argentina, aprire un’indagine Su potenziali violazioni dei diritti umani in Israele e nei Territori palestinesi.

Per quanto riguarda il debito, dopo il positivo passaggio in Europa, che prevedeva incontri con Emmanuel Macron (Francia), Padrio Sanchez (Spagna), Mario Draghi (Italia) il proprietario del fondo, Kristalina Georgieva – e una videochiamata con il cancelliere tedesco, Angela Merkel– Il difficile Kirchneriya ha cercato di boicottare con il cosiddetto Annuncio del 25 maggio Qualsiasi tipo di approccio che dichiari che i nuovi dollari del Fondo Monetario Internazionale debbano essere utilizzati per la spesa sociale e richieda l’immediata sospensione del rimborso del debito estero. Di nuovo, segnali confusi e contraddittori.

Il presidente Alberto Fernandez incontra a Roma Kristalina Georgieva, capo del Fondo monetario internazionale, nel primo faccia a faccia tra i due.

Nonostante gli esempi, il governo ha giustificato i cambiamenti nella politica internazionale.

READ  Il momento scioccante per salvare una ragazza rapita mentre andava in bicicletta | Cronaca

La politica estera ha una grande virtù: è prevedibile e questo vale nel mondo. Nell’ambito del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, l’Argentina accompagna sempre le proposte di Michelle Bachelet, sia con Venezuela, Nicaragua, Bielorussia, sia con Israele e Palestina, come è successo ieri”, ha affermato il ministro degli Esteri. Filippo Sola.

Il ministro degli Esteri ha spiegato a Nazione Che “la commissione d’inchiesta sulle possibili violazioni dei diritti umani in Israele e Palestina è simile a quella che ha votato per il Venezuela, e in entrambi i casi, in linea con la sua storia, l’Argentina ha votato a favore”.

Sola ha anche affermato, in merito all’abbandono della sponsorizzazione della denuncia contro il Paese caraibico, che è stato un “risultato diretto della decisione politica del nostro governo di lasciare il Gruppo Lima”. Ha aggiunto: “Poiché non apparteniamo più a tale organo, non perseguiamo le loro denunce fermo restando il fatto che il loro esame nell’ambito dell’Ufficio del Procuratore della Corte penale internazionale continua il suo corso indipendentemente dalla nostra posizione e dalla nostra posizione.” altri paesi.”

Felipe Sola e il cancelliere italiano Luigi Di Maio
Felipe Sola e il cancelliere italiano Luigi Di Maio

Il presidente del Palacio San Martín ha sottolineato che “in un mondo complesso assediato da un’epidemia”, una politica estera che promuova Il governo di Alberto Fernandez “scommette sul pluralismo e mantiene rapporti maturi con il mondo intero”. A titolo di esempio, ha affermato il cancelliere, tra una sola settimana il presidente spagnolo visiterà il nostro Paese e otto giorni dopo il ministro degli esteri tedesco, Heiko Maas.

Tuttavia, questi cambiamenti stanno ovviamente attirando critiche dall’opposizione e dal mondo accademico.

READ  Scattano gli allarmi nel mondo per la variante Mu.

“Non c’è una visione coerente nel governo in materia di politica estera”, spiegato Federico Brand Professore di Relazioni Internazionali presso l’Università di San Andreas. Secondo il Dottore in Scienze Sociali, il problema principale è che la politica estera “non è centrata nel Dipartimento di Stato”, ma ha piuttosto una centrale elettrica presso il Patria Institute, terra della vicepresidente Christina Kirchner. “È normale aspettarsi questo tipo di contraddizioni”, ha aggiunto.

Un chiaro esempio di questa divisione, secondo lo specialista, è la distribuzione delle principali ambasciate. Mentre Russia e Cina, con Eduardo Zwin S Camilo Vaca Narvaja, Rispettivamente, riferisce all’ex presidente, la sede diplomatica negli Stati Uniti, con Jorge Argello Brasile con Daniele Scioli e Uruguay con Alberto Iribarn Lo fanno a Casa Rosada.

Sabino Vaca Narvaja con Alberto Fernandez che ha detto Sto cercando ";  semplificare le cose "  Nominandolo e lei era
Sabino Vaca Narvaja con Alberto Fernandez che ha detto Sto cercando "; semplificare le cose " Con la sua etichetta era “ultra-pragmatica”presidenza

Queste differenze lasciano scoperto il governo. Sebbene non su tutte le questioni, secondo il punto di vista di Merke. Sulla questione di Israele, la posizione argentina è corretta. Israele sta facendo cose sbagliate. È come il regime dell’apartheid in Sudafrica, è pericoloso e illegale. Oggi il costo per colpire Israele è basso”, ha riassunto l’accademico, studioso di ciò che sta accadendo in quel Paese.

Daniel Scioli e Alberto Fernandez
Daniel Scioli e Alberto FernandezScioli Press

In questo scenario, secondo il quotidiano guardiano Cinque giorni fa, più di 500 membri del Partito Democratico hanno chiesto al presidente Joe Biden “Fare di più per proteggere i palestinesi” e fare di più per proteggere i palestinesi e ritenere Israele responsabile delle sue azioni a Gaza.

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un "arresto immediato" dell'offensiva talebana in Afghanistan

L’opposizione dei critici

Per l’opposizione non ci sono sfumature. Hanno detto che il ruolo è “Copernicano” dal sito “Together for Change”. Le decisioni, secondo l’opposizione, non vengono prese al Dipartimento di Stato, ma sono determinate da Christina Kirchner.

Parte di questo è chiaro Mauricio Macri Due giorni fa. “L’Argentina si è alleata con la dittatura di Nicolás Maduro”, ha scritto sui social network. L’ex presidente si è espresso contro la decisione di ritirare il suo sostegno al caso davanti alla Corte penale internazionale per indagare sulle violazioni dei diritti umani in Venezuela.

Macri ha concluso che “la decisione di Alberto Fernandez di dare la priorità a un’alleanza politica con un dittatore sulla vita e sui diritti umani di milioni di venezuelani è oltraggiosa”.

17/7/19
17/7/19Marcelo Manera – La Nazione

In questa linea, l’ex cancelliere Jorge Faurie, in conversazione con Nazione, Non ha accettato di gestire il suo successore. La politica estera deve riflettere gli interessi degli argentini: lavoro, sicurezza e vaccini. ha detto l’ex ministro degli Esteri.

Quelli di Insieme per il cambiamento hanno lamentato l’allineamento dell’Argentina con quelli che hanno descritto come “paesi strani”, la cui lista appare Venezuela e Bolivia. “La coda risponde alle esigenze di qualcuno diverso dal presidente”, hanno detto, riferendosi al vicepresidente.

Quando sono trascorsi quasi 18 mesi dalla vittoria elettorale, l’eterogeneità di idee sul fronte Todos, che ha permesso ad Alberto Fernandez e Cristina Kirchner di riconquistare il potere nel 2019, ha definito ancora una volta le distanze apparentemente insormontabili all’interno del governo.

Konossi The Trust Project