Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’aria fredda tra Lola e Millie: messaggi senza risposta e indifferenza nel G7 |  Congelamento della diplomazia presidenziale tra il presidente brasiliano e il suo omologo argentino

L’aria fredda tra Lola e Millie: messaggi senza risposta e indifferenza nel G7 | Congelamento della diplomazia presidenziale tra il presidente brasiliano e il suo omologo argentino

Da Brasilia

Descriverli come distanti non è sufficiente: Rapporti tra Luiz Inácio Lula da Silva e Javier Maile Sono un freddo iceberg. Se davvero sono stati così dall’insediamento del presidente argentino il 10 dicembre, quel carattere si è cristallizzato la settimana scorsa quando erano a pochi metri di distanza l’uno dall’altro in Italia, durante il vertice del G7 in Italia, e ciascuno ha scelto di ignorare l’altro . La mancanza di saluti da parte dei leader dei due principali partner del Mercosur ci fa capire l’ampiezza dell’abisso che separa i due paesi.

Durante i due giorni di permanenza nella località del sud Italia, dove è stato uno degli invitati a un incontro delle principali potenze economiche occidentali, Il brasiliano ha avuto una serie di incontri bilaterali, primo fra tutti il ​​colloquio con Papa Francesco.Dove sono state discusse questioni prioritarie per entrambi: come: Combattere la fame, riscuotere le tasse sui milionari e promuovere il dialogo di pace tra Ucraina e Russia.

Lula ha incontrato anche il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro indiano Narendra Modi.

Sta lavorando con Macron per promuovere un’alleanza globale di progressisti e centristi contro l’avanzata dell’estrema destraCiò è dimostrato dalle recenti elezioni del Parlamento europeo.

Durante l’incontro con Modi, ha ribadito il suo impegno nei confronti dei paesi del gruppo BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), Il forum di cui Miley ha scelto di non far parte.

Sud globale

Lula ha nuovamente toccato il tema del Sud del mondo nel suo discorso di cinque minuti alla sessione plenaria del G7 dove lo ha difeso Proposta di tenere una conferenza sulla guerra nell’Europa dell’Est Alla presenza di Ucraina e Russia. Ha sottolineato che questo coordinamento è stato sviluppato In collaborazione con la Cina. In questo modo ha sottolineato lo stretto rapporto tra Brasilia e Pechino, basato sulla fiducia politica e sul dinamismo economico: il volume degli scambi bilaterali raggiungerà i 157 miliardi di dollari nel 2023.

READ  Allarme in Occidente: il dittatore Lukashenko avverte che il gruppo Wagner vuole attaccare la Polonia

La Svizzera avanti e indietro

Prima di andare in Italia Lolasosta in Svizzera, dove È stato il relatore principale alla conferenza dell’Organizzazione internazionale del lavoro. Ha ricordato il suo passato come leader sindacale e ha sostenuto la neonata Alleanza globale per la giustizia sociale. Ha elogiato il collega nordamericano Joe Biden, con il quale sta lavorando per promuovere un accordo globale per il lavoro dignitoso e contro l’instabilità.

E Denunciare il quartier generale del neoliberismo sfrenato (Simile a quello esaltato da Miley).

Durante il suo soggiorno a Ginevra ha chiarito alle autorità svizzere che non avrebbe partecipato alla conferenza di pace ospitata dalla Svizzera lo scorso fine settimana.

Ha detto, tuttavia, di non sostenere l’Ucraina o la Russia Il vertice, con la presenza di Volodymyr Zelenskyj e l’assenza di Vladimir Putin, è stato considerato scomodo.

A differenza di Lola, Miley è sbarcata in Svizzera dopo aver partecipato alla riunione del G7. Ha sostenuto senza alcuna sfumatura l’Ucraina e l’opzione della NATO di incitare alla guerra. Ha ricevuto un regalo da Zelenskyj, che ha avuto parole dure per Lula.

Sole dell’Adriatico

Sfoggiando un viso un po’ abbronzato a causa del sole della provincia pugliese di Brindisi, bagnata dall’Adriatico, Lula è arrivata a Brasilia domenica mattina e ha trascorso un lunedì intenso con il lavoro.

Dopo il mancato dialogo con Milley in Italia e le confermate divergenze che entrambi mantengono nella politica internazionale, Lula ha dimostrato di essere interessato a far sapere a Buenos Aires che non intende restare a guardare di fronte alla fuga di decine di uomini armati di Bolsonaro. È stato condannato e processato per aver partecipato al tentato colpo di stato dell’8 gennaio 2023.

READ  New York e New England in allerta per uragano e alluvione

Nonostante l’agenda fitta, il leader del Partito dei Lavoratori ha impiegato pochi minuti per inviare, tramite i suoi portavoce, un messaggio al governo argentino sotto forma di un commento informale pubblicato dal giornale. Valore economico.

Fonti vicine al presidente si dicono – come riporta il quotidiano nell’edizione di lunedì – fiduciose che l’Argentina deporterà i fuggitivi. La richiesta di estradizione non è stata ancora presentata, ma sono in corso colloqui tra diplomatici e… Nei prossimi giorni il Tribunale federale dovrebbe formalizzare la richiesta di rimpatrio.

I portavoce di Lula non hanno usato toni minacciosi: anche se sono stati chiari nell’affermare che i brasiliani rifugiatisi in Argentina avevano partecipato ad una rivolta che tentava di rovesciare un governo democratico. Un grave crimine politico

Due documenti

Dopo aver insultato il presidente brasiliano durante la campagna elettorale argentina del 2023, Miley ha inviato un messaggio urgente a Brasilia. Indossato personalmente da Diana Mondino il 26 novembre. Domenica. Questi sforzi sono stati vani: Lula non ha accettato l’invito di Miley e ha preferito perdersi la festa tenutasi a Casa Rosada, che assomigliava molto all’evento del CPAC, un’organizzazione alla quale partecipano leader dell’estremismo globale. L’ex presidente Jair Bolsonaro e i suoi figli, il senatore Flavio e il deputato Eduardo, si sono diretti in Brasile.

La seconda lettera di Meleste è arrivata a Brasilia il 15 aprile. Ancora con Mondino come messaggero.

Il ministro degli Esteri Vieira l’ha ricevuta gentilmente, spiegando che il Brasile intende garantire il collegamento istituzionale.

Questo giornale ha chiesto più volte a Palazzo Planalto se il Capo dello Stato avesse letto la lettera. Nessuno ha affermato di averlo fatto. Un bel segnale politico. Ma è quasi certo che non abbia ancora scritto una risposta.

READ  Tensione nel Mar Rosso: gli Stati Uniti hanno abbattuto due missili antinave lanciati dalle zone controllate dai ribelli Houthi nello Yemen

Dal ghiaccio al fuoco

I messaggi senza risposta e l’apatia del G7 spiegano il congelamento della diplomazia presidenziale tra l’ex metallurgista Lula e l’ex consulente finanziario Miley.

Questa situazione potrebbe rimanere in vigore per il resto del loro mandato, con recidiva La mancanza di dialogo che esisteva durante i governi di Alberto Fernández e Jair Bolsonaro.

Ma questa convivenza fredda e indifferente potrebbe cambiare se Buenos Aires scegliesse di fornire rifugio ai golpisti. Sarebbe uno schiaffo a Lula e alla democrazia che si sta faticosamente ricostruindo. Se questo scenario si avverasse: non si può escludere una crisi con gravi conseguenze.