Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’azienda italiana Enel ridurrà i suoi investimenti nelle energie rinnovabili

L’azienda italiana Enel ridurrà i suoi investimenti nelle energie rinnovabili

L’azienda controllata dallo Stato torna a discutere di spesa verde in un nuovo piano triennale dopo il litigio con il governo italiano.

La società energetica italiana Enel prevede di tagliare gli investimenti nelle energie rinnovabili, spendere di più per le reti e promettere una maggiore disciplina finanziaria, nell’ambito del primo piano triennale della nuova amministrazione.

Società di servizi pubblici controllata Il Paese è diventato uno dei maggiori produttori mondiali di energia rinnovabile sotto la guida dell’ex amministratore delegato Francesco Starace, che si è scontrato con il governo di destra italiano sulla strategia del gruppo e sui livelli di debito ed è stato sostituito da Flavio Cattaneo all’inizio di quest’anno.

Il cambio al vertice è arrivato dopo un’aspra battaglia che ha contrapposto il governo italiano a un gruppo di investitori internazionali che temevano che l’azienda non riuscisse ad attuare la sua strategia sulle energie rinnovabili.

Lo Stato italiano è il maggiore azionista di Enel e ne possiede una quota del 23% attraverso il Ministero delle Finanze. “Adotteremo un approccio più selettivo agli investimenti per massimizzare i rendimenti e minimizzare i rischi”, ha affermato Cattaneo in una nota.

Enel prevede di investire complessivamente 35,8 miliardi di euro tra il 2024 e il 2026, di cui circa 19 miliardi di euro (in parte finanziati con sussidi comunitari) nelle reti. I suoi investimenti nelle energie rinnovabili, in particolare nell’eolico onshore, nel solare e nello stoccaggio delle batterie, scenderanno da 17 miliardi di euro a 12,1 miliardi di euro.

Partnership con le aziende

Il gruppo ha dichiarato di voler aggiungere 13 gigawatt alla propria capacità di energia rinnovabile entro la fine del triennio, concentrandosi su partnership con aziende fuori dall’Italia e dalla penisola iberica.

READ  Il Barcellona investirà 1,8 miliardi di euro nei prossimi cinque anni

Prima che il piano fosse annunciato, gli analisti avevano affermato di aspettarsi una maggiore attenzione all’Italia e un approccio più cauto nei confronti delle energie rinnovabili, che porterebbe a investimenti esteri più limitati.

L’Italia rappresenterà ora il 49% degli investimenti, in leggero aumento rispetto al 48% precedente. Gli investimenti complessivi scenderanno però da 37 miliardi di euro a 35,8 miliardi.

“La disciplina finanziaria sarà una pietra angolare della nostra strategia, portando alla generazione di cassa e [la eficiencia]Cattaneo ha detto. Il gruppo prevede che gli utili aumenteranno da 21,5 miliardi di euro quest’anno a 23,6 miliardi di euro o più entro la fine del 2026, mentre si aspetta che il debito netto scenda a circa 2,3 volte gli utili prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti.

Tuttavia, il ritmo di riduzione del debito sarà più lento nel corso del prossimo anno. Alla fine dello scorso anno i debiti di Enel ammontavano a 69 miliardi di euro, cosa che è diventata motivo di contesa tra il suo precedente management e il governo italiano, e ha costretto il gruppo ad attuare un piano di dismissioni del valore di 21 miliardi di euro per lasciare Argentina, Perù e Romania. .

Cattaneo ha affermato che il piano di vendita degli asset è stato “parzialmente ridefinito” e che Enel impiegherà più tempo di quanto annunciato in precedenza per completare il processo di vendita. Ora spera di ridurre il debito di circa 11,5 miliardi di euro entro la fine del 2024, una cifra inferiore alle aspettative precedenti.

© Financial Times Limited [2021]. Tutti i diritti riservati. FT e Financial Times sono marchi registrati di Financial Times Limited. È vietata la ridistribuzione, la copia o la modifica. EXPANSIÓN è l’unico responsabile di questa traduzione e il Financial Times Limited non si assume alcuna responsabilità per la sua accuratezza o qualità.