Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’aumento dei decessi in prossimità dell’età pensionabile è la ragione per cui l’aspettativa di vita negli Stati Uniti è rimasta stagnante.

L’aumento dei decessi in prossimità dell’età pensionabile è la ragione per cui l’aspettativa di vita negli Stati Uniti è rimasta stagnante.

(Notizie sulla salute) – L Aspettativa di vita media Seguace Americani È stagnante da più di un decennio e gran parte della colpa è attribuita al governo “Morte della disperazione”. Tra gli adulti di mezza età.

Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che la malattia cronica tra gli americani più anziani è in realtà il fattore più importante. Dopo un secolo di costante miglioramento, nel 2010 l’aumento dell’aspettativa di vita negli Stati Uniti si era quasi fermato.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, nel 2019 l’aspettativa di vita media dei neonati negli Stati Uniti era di poco inferiore a 79 anni. Questo dato non è stato molto diverso dalle aspettative del 2010, una sorprendente inversione delle tendenze precedenti.

Dal 1900, l’aspettativa di vita negli Stati Uniti è aumentata in media di circa tre anni ogni decennio.

Ricerca relativa a “Perché” Si è spesso concentrato sulle tendenze preoccupanti tra gli adulti in età lavorativa: sempre più americani di mezza età, soprattutto quelli con meno istruzione, muoiono per overdose di droga, abuso di alcol e suicidio, ciò che alcuni ricercatori chiamano morti per disperazione. Ma mentre questo problema sta facendo notizia, allo stesso tempo è emersa un’altra tendenza.

Uno studio del 2020 ha rilevato che l’arresto dei progressi contro le malattie cardiovascolari, inclusi infarti e ictus, ha in realtà avuto un impatto maggiore sull’aspettativa di vita negli Stati Uniti dal 2010.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, nel 2019 l’aspettativa di vita media dei neonati negli Stati Uniti era di poco inferiore a 79 anni.

“Abbiamo riscontrato un calo più lento dei decessi correlati al cuore, che ha superato l’aumento dei decessi correlati alla droga”, ha affermato la ricercatrice Leah Abrams, assistente professore di salute comunitaria presso la Tufts University di Medford, Massachusetts.

READ  Perché una delle città più visitate d'Europa ha vietato l'ingresso alle navi da crociera

Ha aggiunto che ciò solleva la questione di cosa potrebbe accadere tra gli americani di età diverse: gli anziani soffrono di malattie cardiache a un tasso più elevato rispetto ai giovani, quindi è logico che i decessi tra gli americani più anziani abbiano un ruolo nel declino. Aspettativa di vita media negli Stati Uniti

Nel nuovo studio, Abrams e i suoi colleghi hanno scoperto proprio questo.

Tra il 2000 e il 2009, l’aspettativa di vita media degli americani all’età di 25 anni è aumentata di circa 1,4 anni per le donne e di 1,7 anni per gli uomini. Dal 2010 al 2019, questi guadagni sono diminuiti in modo significativo, rispettivamente a soli 0,4 e 0,17 anni.

Nel frattempo, i tassi di mortalità tra gli americani di età compresa tra 65 e 84 anni hanno mostrato un modello simile, diminuendo a un ritmo più lento tra il 2010 e il 2019 rispetto al decennio precedente. Se ciò non fosse accaduto, Abrams e i suoi colleghi stimano che l’aspettativa di vita negli Stati Uniti avrebbe continuato a crescere di circa un anno.

Gli esperti hanno affermato che i risultati, pubblicati il ​​9 ottobre sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, non escludono l’impatto di morti tragiche e prevenibili dovute alla disperazione.

Gli anziani soffrono di malattie cardiache a un tasso più elevato rispetto ai giovani, quindi era ragionevole considerare che i decessi tra gli anziani negli Stati Uniti potrebbero avere un impatto sottostimato sul calo dell’aspettativa di vita del Paese.

Ma Abrams ha affermato che le malattie croniche come le malattie cardiache, da tempo la principale causa di morte per gli americani, sono semplicemente più diffuse. Pertanto, anche un rallentamento dei progressi contro queste malattie ha un impatto significativo sull’aspettativa di vita negli Stati Uniti.

READ  Gli Stati Uniti accettano l'ingresso ai viaggiatori vaccinati con una combinazione di vaccini

Perché questo progresso si è fermato? Questo studio non può rispondere a questa domanda, ha detto Abrams. Ma lei e altri esperti indicano alcuni possibili sospetti: aumento dei fattori di rischio per malattie come Obesità e inattività fisica. fattori sociali, come i problemi di accesso a cibo sano e a prezzi accessibili e ad alloggi stabili; Isolamento sociale e solitudine tra gli americani In generale e gli anziani in particolare; il deterioramento della rete di sicurezza sociale per gli anziani; E un sistema sanitario in crisi.

“Aspettativa di vita “È definito dall’assistenza sanitaria e da cose che accadono al di fuori del sistema sanitario”.ha detto David Radley, che studia la performance del sistema sanitario presso il Commonwealth Fund senza scopo di lucro a New York.

In una recente analisi, lui e i suoi colleghi hanno scoperto che gli americani, indipendentemente dallo stato in cui vivono, generalmente muoiono più giovani rispetto alle persone di paesi altrettanto ricchi, tra cui Canada, Giappone e gran parte dell’Europa.

Ha detto che le ragioni possono essere varie, ma una chiara differenza è che questi paesi hanno un’assistenza sanitaria universale e generalmente danno priorità alle cure primarie.

Radley ha osservato che gli Stati Uniti stanno investendo di più nelle cure specialistiche, dove l’attenzione è rivolta al trattamento delle malattie piuttosto che alla loro prevenzione. “Dobbiamo fare un lavoro migliore per costruire un forte sistema di assistenza primaria”, ha affermato Radley. Il dottor Assaf Bitton, medico e ricercatore presso la Harvard Medical School e il Brigham and Women’s Hospital, è d’accordo con questa opinione.

Un esperto ha affermato: “L’aspettativa di vita è determinata dall’assistenza sanitaria e da cose che accadono al di fuori del sistema sanitario” (Getty)

“Forniamo un’ottima “assistenza al paziente”, se hai un’assicurazione sanitaria.” Peyton ha detto. Ha aggiunto che gli Stati Uniti spesso non riescono a promuovere la salute e a prevenire le malattie.

READ  Eduardo Fibro, l'uomo della vita nel dramma cinematografico

In uno studio del 2021, Peyton e colleghi hanno trovato una chiara relazione tra la disponibilità locale di fornitori di cure primarie e l’aspettativa di vita. Gli americani che vivevano in contee con pochi fornitori – meno di un medico ogni 3.500 residenti – avevano un’aspettativa di vita di circa un anno in meno rispetto alle persone che vivevano in contee con più fornitori.

Sfortunatamente, la carenza nazionale di fornitori di cure primarie è peggiorata con la pandemia, ha affermato Peyton.

La pandemia ha influenzato anche l’aspettativa di vita negli Stati Uniti, cosa che questo studio non riflette, ha detto Abrams. Ha aggiunto che gli americani più anziani sono responsabili della maggior parte dei decessi dovuti a Covid-19.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, l’aspettativa di vita negli Stati Uniti è scesa a 76 anni nel 2021, il livello più basso dal 1996.

maggiori informazioni

Peterson-KFF ha di più sull’aspettativa di vita negli Stati Uniti.

FONTI: Leah Abrams, PhD, MPH, Professore assistente, Community Health, Tufts University, Medford, Massachusetts; Assaf Bitton, MD, MPH, professore associato di medicina e politica sanitaria, Brigham and Women’s Hospital/Harvard Medical School, Boston; David Radley, PhD, MPH, scienziato senior, Monitoraggio delle prestazioni del sistema sanitario, Fondo del Commonwealth, New York; Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, 9 ottobre 2023, online.

*Corrispondenti di Amy Norton HealthDay © The New York Times 2023