Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’attuale crisi del costo della vita è paragonabile alla Grande Recessione del 2008?

Dall’inizio del ventunesimo secolo, siamo passati dallo shock al trauma. Se nel 2000 siamo preoccupati effetto millennio E il diffuso divieto ai computer, nel 2008 abbiamo iniziato ad approfondire più grande crisi finanziaria Poiché i dati sono disponibili.

Questa crisi ha portato con sé un aumento dei prestiti e una diminuzione dei depositi e del risparmio nell’economia. Questa tendenza negativa per le famiglie stava perdendo vigore con l’avvicinarsi della ripresa economica, a partire dal 2019.

Crisi sanitaria e reclusione

Con la pandemia di Covid-19 questa tendenza si è invertita e l’ammontare di depositi e risparmi ha iniziato ad aumentare, con una significativa stabilizzazione dell’ammontare del credito richiesto dalle famiglie. In quei mesi c’era Altezza esponenziale nel volume salvatoper l’impossibilità di sostenere le spese dovute alla chiusura totale e ai vincoli dei mesi successivi.

Quando tutto sembrava indicare che ci sarebbe stato un calo dei depositi a causa dell’aumento dei consumi, la nuova crisi della birra ha portato nuovamente a un aumento del volume dei depositi e del risparmio.

L’incertezza causata dall’aumento dei tassi di interesse, che rende i mutui più costosi; Il mancato controllo sui prezzi, con l’inflazione che si avvicina a due cifre, e la guerra in Ucraina, senza fine in vista, frena i consumi e aumenta i risparmi. Comincia persino a notare la timidezza Aumento della richiesta di prestito Per far fronte a pagamenti imprevisti.

In generale, le famiglie affronteranno questa nuova crisi economica in condizioni migliori e, si spera, sarà breve e non durerà oltre la prima metà del 2023.

La crisi finanziaria del 2008 ha causato Cambiamenti nella cultura finanziaria. Anche le modifiche legali come i protocolli per la vendita di prodotti finanziari o le firme dei mutui e il ruolo dei notai. Ma questo non sarà sufficiente.

READ  Borsa italiana in calo di oltre il 2% dopo le dimissioni di Draghi | Economia

inverno generale

L’inflazione non sembra diminuire e la perdita di potere d’acquisto sarà dolorosa quest’inverno. In Spagna la bolletta dell’energia elettrica resterà alta nonostante gli sforzi del governo centrale e dell’Unione Europea e l’aumento dei mutui in fase di revisione nei prossimi mesi, comporterà un aumento dei default e delle insolvenze. La banca sta già negoziando con i clienti per congelare le commissioni per tutta la durata della tempesta.

Secondo il consulente MacrolegameLo scorso anno si è verificata una forte contrazione del potere d’acquisto dei salari oggetto di accordi nell’area euro. In media nell’Eurozona si parla del 6,5%. Ma se guardiamo i dati per la Spagna, i dati sono peggiori dell’8,1%. Oltre all’Italia (7,5%), è stata la peggiore.

In pratica, questo si traduce nel fatto che se prima c’erano famiglie che ne avevano appena avuto abbastanza, adesso le bollette non escono più. Questo per ridurre i consumi e Il ricorso ai microprestiti e ai mutui a tasso fisso ha iniziato ad aumentare.

a pari condizioni

In economia usiamo Latina ceteris paribus Per esprimere che le cose saranno come descritte se i fattori sono mantenuti costanti. In termini concreti, intendiamo dire che la guerra in Ucraina non sta diventando più radicale e così via shock Come accadde nel 1973. Inoltre, lo sviluppo della politica monetaria di rialzo dei tassi di interesse applicato dalle banche centrali, indipendentemente dal fatto che abbiano risultati immediati o meno, dovrebbe frenare l’inflazione (e non solo aumentare il prezzo del denaro).

C’è un problema preoccupante su questo. Visto che nella zona euro il tasso di intervento si sta alzando in maniera comune e in tutti i paesi, potremmo ritrovarci tra qualche mese con Sorpresa: La politica applicata ha avuto effetto in Germania e nei paesi dell’Europa centrale, ma non in Spagna. Se ciò accadrà, la politica fiscale espansiva prevista nei bilanci statali per il 2023 potrà proseguire riscaldamento domanda e quindi prezzi. E la perdita di potere d’acquisto continuerà senza sosta.

READ  Sciopero dei trasporti | Il governo fornisce 500 milioni di euro per sostenere il diesel professionale per le aziende di trasporto

In ogni caso, se la crisi del 2008 ha colpito imprese e famiglie con alti livelli di indebitamento e pochi depositi bancari, la situazione nel 2022 non è la stessa. Nello specifico nella mia regione, l’Andalusia, da marzo 2020 i depositi sono aumentati a 145 miliardi di euro. Quasi il 20% dall’inizio del COVID-19. S I depositi sono cresciuti in considerazione e nel tempo Circa 24 miliardi di euro.

Domanda di denaro per la causa alla cautela è in aumento. L’accresciuta incertezza, inclusa la minaccia di una minaccia nucleare, ci ha resi più preparati. La situazione non può essere paragonata a quella del 2008. Questa crisi non era prevista. O semplicemente non vuole vederlo arrivare. Questo è quanto ci si aspettava e si stanno prendendo le misure preliminari. Anche se scommettiamo che tutto sarà debole, non durerà a lungo e l’economia migliorerà nella seconda metà del 2023. ceteris paribusNon ci sono sorprese.