Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'”Angelo” di Auschwitz: la bella e lasciva giovane donna che torturava e uccideva donne e bambini con le proprie mani

L'”Angelo” di Auschwitz: la bella e lasciva giovane donna che torturava e uccideva donne e bambini con le proprie mani

Irma Grace era conosciuta come la “Bella Bestia” o “Bilsen Puttana” (Getty Images)

Era soprannominata “L’Angelo” e il suo aspetto sembrava confermarlo, soprattutto entro i canoni di bellezza ariana prevalenti nella Germania nazista: alta, bionda, con la pelle bianca e gli occhi chiari, aveva un viso armonioso e un corpo rigoglioso, quasi un modello della “razza ariana”.

Forse è per questo che, tra tutte le immagini di morte che popolavano il salotto, Esecuzioni Mattina 13 dicembre 1945Quel corpo Irma Grazia La sospensione dalla corda è stata la più scioccante. Ancor di più se si considera che quando si ruppe il collo aveva solo 22 anni.

Quando gli fu offerto di pronunciare le sue ultime parole, scelse di pronunciare una parola che suonava quasi come un ordine al boia britannico Albert Pierrepoint.

“velocemente!” Egli ha detto.

Perché “Angelo” non era il titolo completo di Irma Grese, che allora i media chiamavano “L’angelo di Auschwitz”, responsabile della collaborazione all’incidente. Giuseppe Mengelema anche aggredendo sessualmente donne e bambini, torturandoli con le mani o con la frusta, spesso fino al punto di ucciderli.

Per questo motivo è conosciuto anche come “Mostro di bellezzaOppure “La puttana di Bilsen” dal nome di uno dei campi di sterminio in cui fu assegnata.

È stata descritta come la donna peggiore dell’intero settore. Non c’era alcuna crudeltà non correlata a ciò. Partecipava regolarmente alle selezioni per le camere a gas ed eseguiva torture a piacimento. A Plzeň ha continuato lo stesso comportamento, con la stessa quantità di pubblicità. La sua specialità era scatenare i cani contro gli umani indifesi.è stata descritta in una delle trascrizioni del processo di Bergen-Belsen, dove sedeva sul banco degli imputati come sovrintendente dei campi di concentramento di Auschwitz, Bergen e Ravensbrück.

A causa di questi crimini, i giudici della coalizione l’hanno condannata a morte.

Irma Grese è anche un perfetto esempio di ciò che la dannosa macchina di sterminio creata dai nazisti poteva fare, anche con il proprio equipaggiamento umano, che nel suo caso trasformò un’adolescente lavoratrice che aspirava a diventare infermiera in una torturatrice e assassina a sangue freddo.

“La specialità di Irma Grese era quella di scatenare cani contro esseri umani indifesi”, descrive una trascrizione del processo Bergen-Belsen. (Foto © CORBIS/Corbis tramite Getty Images)

Irma Elsie Ida Grace è nata in una piccola città chiamata Ricca di Il 7 ottobre 1923, all’interno di una famiglia di lavoratori che fu rapidamente distrutta dall’invasione sua madre si è suicidata, Quando aveva 13 anni.

Suo padre, Alfred Grace, era un casaro e per un po’, molto presto, simpatizzò con lui partito nazista, Ne prese rapidamente le distanze, temendo il fanatismo che non condivideva. Irma è cresciuta in quell’ambiente, dove se aveva sentito qualcosa dai nazisti non era sicuramente un elogio.

READ  Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Essendo la maggiore di quattro fratelli, la morte di sua madre l’ha messa nella posizione di prendersi cura di loro, oltre a cercare lavoro per integrare il magro reddito della famiglia. Prima ha aiutato suo padre a consegnare il latte, poi ha lavorato in una fattoria e poi ha trovato lavoro come addetto alle pulizie in un ospedale.

In queste circostanze Irma Grese riuscì a terminare la scuola elementare solo all’età di quindici anni, quando trovò lavoro all’ospedale Hohenlichen. Lì, quando vide medici e assistenti al lavoro, decise di diventare infermiera, ma la respinsero perché non aveva la formazione richiesta.

Il direttore dell’ospedale Karl Gebhardt gli ha chiesto di non scoraggiarsi e di essere pronto a riprovare più tardi. Mentre lo facevo, avrei potuto offrirle un lavoro migliore e pagato meglio di una donna delle pulizie come lei Assistente delle SS.

Gebhardt aveva le conoscenze necessarie per consigliarlo con successo: a quel punto lo aveva già implementato Esperimenti chirurgici In un campo di concentramento, che alla fine della Seconda Guerra portò al suo processo a Norimberga.

I criminali nazisti Irma Greiss (“L’angelo di Auschwitz”) e Joseph Kramer (“Il mostro di Belsen”) sono sotto custodia britannica alla fine della seconda guerra mondiale. (Foto © Corbis/Corbis tramite Getty Images)

Era la sua prima destinazione Campo di concentramento di Ravensbrück Come aiutante del Corpo delle SS femminili. Ciò spinse anche suo padre ad espellerla da casa quando la vide indossare l’uniforme dell’organizzazione guidata da Heinrich Himmler.

Questi due eventi cambiarono per sempre la sua vita.

Da allora Ravensbrück è stata la casa e la scuola di Irma Grace. All’inizio non aveva quasi alcun contatto 20mila prigionieri Che erano stipati nelle baracche, perché a loro erano assegnati lavori amministrativi.

Allo stesso tempo, lei e altri assistenti hanno ricevuto una formazione per diventare supervisori del campo di concentramento. Tra le sue compagne c’erano altre donne delle SS che furono successivamente processate per i loro crimini, come Ilse Koch, Heidelgard Neumann, Dorothea Binz e Maria Mandl.

Irma è la più piccola di sempre. lui ha 19 anni Alla fine della formazione, lo inviano a… Campo di concentramento di Auschwitz-Birkenauin Polonia.

Lì era supervisore dei detenuti e incontrò Josef Mengele, che aiutò a selezionare i prigionieri di cui aveva bisogno per condurre i raccapriccianti esperimenti che descrisse come “scientifici”, così come quelli che eliminò e mandò alle camere a gas.

Un gruppo di bambini sopravvissuti dietro una recinzione di filo spinato nel campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau, Polonia meridionale, il giorno in cui il campo fu liberato dall’Armata Rossa, il 27 gennaio 1945. (Foto di Alexander Vorontsov/Keystone/Hulton Archive /Getty Images)

Durante il processo, Grace cercherà di minimizzare il suo ruolo. “I prigionieri dovevano formarne cinque. Era mio dovere fare così. Poi venne il dottor Mengele e fece la selezione”, dichiarò, ma smentito da decine di testimonianze di sopravvissuti.

READ  Hanno restituito il corpo di Sandra Melina Parra, una colombiana assassinata a Lima, in Perù

Testimoni hanno riferito che “l’Angelo di Auschwitz” camminava tra le quinte “con la sua uniforme impeccabile, i suoi capelli biondi accuratamente pettinati, stivali alti pesanti e lucenti, una frusta e una pistola. Durante il viaggio era accompagnata dai suoi cani, sempre affamati e arrabbiato, che Irma usava a suo piacimento.” Uno dei loro divertimenti era lanciare questi mostri ai detenuti affinché potessero divorarli.“.

Inoltre torturava e uccideva le donne usando una frusta compressa che colpiva il petto delle donne, di solito dopo averle violentate.

“L’ha colpita in faccia con i pugni e quando la donna è caduta a terra, si è seduta su di lei. “La sua faccia è diventata blu…”, ha descritto un sopravvissuto.

Coloro che non morirono per i colpi furono eliminati con un colpo di pistola.

I resoconti delle azioni della “Bella Bestia” nei tre campi di concentramento da lei supervisionati mostrano una donna fredda e sadica che amava infliggere sofferenza con le proprie mani.

“Durante le sue scelte, l’angelo biondo usava la sua frusta a sua discrezione su tutte le parti del nostro corpo. Le fitte di dolore e il sangue che abbiamo perso la facevano sorridere con i suoi denti perfetti, simili a perle. Col tempo si aggiunsero altre prove: metterci addosso cani affamati perché ci divorassero e torturare i bambini», racconta il diario di uno dei prigionieri ritrovati da un soldato alleato a Belsen.

Un sopravvissuto ha detto durante il processo: “È arrivato al punto di cavare gli occhi a una ragazza quando l’ha trovata a parlare con un conoscente attraverso il recinto di filo metallico”.

Tra le testimonianze dell’accusa, un ginecologo ebreo, ex detenuto, ha dichiarato che “Irma Grace amava colpire con la sua frusta i seni delle persone di talento e delle ragazze giovani finché le ferite non si infiammavano, e poi mi costringeva ad amputarli… senza anestesia!” Li costringeva anche a fare sesso con lei e, quando si annoiava, li mandava agli inceneritori dopo averli uccisi con la sua pistola. “Era l’unica donna del suo rango autorizzata a portare una pistola.”

Da queste storie, pensavo che fosse spietato Irma uccideva in media trenta prigionieri al giorno durante la sua permanenza a Plzeň.

Alfred Gries e Lenny Gries, fratelli di Irma Gries, la prostituta di Belsen, durante il processo in cui fu condannata a morte (Grosby)

Collezionava anche idoli delle sue atrocità. Dopo la caduta di Bergen-Belsen, dove fu catturata dagli Alleati, fu effettuata una revisione della casa che le era stata assegnata nel campo di concentramento. C’erano diversi schermi Lampadine realizzate con pelle umana: L’ha fatto lei stessa, dopo aver scuoiato i prigionieri che ha ucciso.

READ  L'uragano Beryl si è abbattuto in Messico vicino a Tulum e sta avanzando sulla penisola turistica dello Yucatan

A differenza di molte SS assegnate ai campi di concentramento, Irma Grese Non fuggì di fronte all’avanzata degli Alleati.

Nelle prime ore del 14-15 aprile 1945, mentre il comandante di Birger Belsen, Josef Kramer, stava negoziando la resa con gli inglesi, “Angel” e altri membri delle SS si recarono a Torri di guardia Fucilare i prigionieri che cercavano di scappare per paura che i tedeschi li uccidessero prima di consegnare il campo.

Dopo quella notte sanguinosa, le fotografie scattate dagli inglesi quando presero possesso delle strutture la mattina successiva mostrano una lunga fila di membri delle SS, nelle loro uniformi ordinate e impeccabili. Tra questi spicca Grace Uno sguardo freddo e provocatorio.

Un’altra foto, scattata il 17 aprile, mostra Grace in piedi accanto al comandante Kramer in posizione di riposo, che guarda da qualche parte in lontananza.

Queste immagini contraddicono le scene di orrore che gli inglesi trovarono all’interno della caserma: Corpi ammucchiati Per centinaia di prigionieri.

Durante il processo, Grace non mostrò alcun segno di rimorso. Di solito appare indifferente o distratta mentre scarabocchia su un quaderno.

Durante l’intero processo non ha confessato alcun crimine. Inoltre non abbandonò la sua ideologia nazista. Rimase in silenzio o parlò il meno possibile. Ogni volta che veniva interrogata rispondeva con frasi brevi e fredde, come se non le importasse: “Non lo so” oppure “Non ho mai visto niente del genere”.

Nel cinquantaquattresimo giorno del processo, la corte la dichiarò colpevole di crimini di guerra nei campi di concentramento di Bergen-Belsen e Auschwitz.

Anche lui non ha mostrato alcuna emozione in quel momento, né quando ha sentito la frase: cavezza.

La notte prima della sua esecuzione, chiusa nella sua cella, cantò ripetutamente le note di “SS marschiert in Feindesland”, l’inno delle SS popolarmente noto come “La marcia del diavolo”.

Da allora in poi non pronunciò più una sola parola finché non disse, con la corda al collo, rivolgendosi al boia inglese Albert Pierpoint, come se fosse un ordine:

“veloce!”.