Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vendemmia inizia in Spagna con bassa resa di uva prevista ma alta qualità

il Antica ufficialmente in agosto in un Spagna con aspettativa bassa produzione Rispetto allo scorso anno e Uva di ottima qualità. In molte regioni dell’Andalusia, è il turno di varietà precoci come Chardonnay, Sauvignon blanc e Moscatel da raccogliere in Castilla-La Mancha, Estremadura e Comunità Valenciana. Come di consueto, la stagione del raccolto avanza dal sud al nord del Paese, svolgendosi a settembre sulle rive dell’Ebro e del Duero.

Il raccolto per la campagna vinicola 2021/2022 sarà inferiore del 15% rispetto al suo predecessore e sarà compreso tra 39 e 40 milioni di ettolitri, secondo i primi calcoli delle organizzazioni agricole Asaja e COAG, ancora climatizzati nelle prossime settimane. L’UPA, da parte sua, stima il raccolto di circa 43 milioni di ettolitri in tutto lo stato. In alcune zone della Spagna le previsioni erano meno ottimistiche. In Estremadura, Asaga stima una riduzione del 35% della produzione di uva in bianco e del 45% di inchiostro in questa campagna rispetto a un’annata normale, ma con tutta la produzione prevenduta. In generale, la campagna di quest’anno dovrebbe offrire vini di qualità superiore a causa della maturazione prolungata, ideale per vini di qualità superiore.

La diminuzione stimata della produzione dovrebbe verificarsi nelle aree con i vigneti più grandi, come Castilla-La Mancha (con un calo di circa il 15%) e l’Estremadura, a causa dell’impatto della tempesta Philomena dello scorso gennaio, delle gelate primaverili e della grandine. I produttori sono fiduciosi che le vendite di vino miglioreranno dopo il debole sviluppo dello scorso anno, che è stato segnato da un’epidemia. A loro favore, ora hanno un aumento dei consumi dovuto alla revoca delle restrizioni sull’ospitalità in Spagna, alla sospensione delle tariffe negli Stati Uniti e ai previsti cali di produzione in Francia e Italia, le nazioni rivali più colpite dalle gelate primaverili.

READ  La Nación / MIC fornisce supporto per rafforzare la cultura dell'imprenditorialità a Caaguazú e Nueva Italia

Nel caso della Catalogna, secondo ASAGA, il raccolto 2021 dovrebbe essere di ottima qualità nella maggior parte delle denominazioni di origine. A differenza della stagione 2020, che è stata fortemente colpita dal fungo della peronospora che ha ridotto la produzione, in questa stagione la peste non ha colpito i vigneti. Secondo l’organizzazione agricola, la mancanza di pioggia in Catalogna quest’anno significa che la terra è stata più curata.

“Speriamo che la situazione del mercato cambi perché il raccolto sarà più breve di quanto alcuni di noi pensassero inizialmente”, ha detto a Evigro Fernando Villina, responsabile del segmento Asaga Wine. Il tecnico avverte che c’è un “maggiore appetito per il prodotto”, che potrebbe aumentare i prezzi, anche se è ancora “troppo presto per avventurarsi”. Inoltre, secondo Vilna, c’è preoccupazione in alcune regioni come la Denominazione di Origine Rueda a causa delle poche garanzie che i vigneti hanno avuto per mettere l’uva nelle cantine. Quest’anno i viticoltori ignorano i problemi più grandi con il lavoro, dopo l’esperimento dello scorso anno con i protocolli di sanificazione per evitare focolai tra i lavoratori stagionali.

Notizie correlate

Il responsabile del settore vinicolo di COAG, Joaquín Vizcaíno, ha assicurato a Efeagro che l’esito della campagna dipenderà molto dal tempo in estate e se finalmente pioverà. È chiaro che il tasso di ritiro delle scorte è aumentato ogni mese rispetto alla scorsa stagione, mentre le scorte di vino sono leggermente superiori, circa 37 milioni di ettolitri. “Dato che abbiamo ancora scorte elevate, il mercato non esclude la futura situazione di bassa produzione e continua a fare offerte fino alla fine. Ora i prezzi sono più in linea con i prezzi dell’anno scorso, anche se dovrebbero aumentare”, afferma Vizcaíno. Il direttore del settore vini di UPA, Alejandro García-Gasco, concorda sul fatto che quest’anno sarà un’annata “normale” e considera “bene che non ci siano campagne eccessive a causa della situazione che porta a un aumento dei consumi” a causa dell’impatto di COVID-19 sul settore alberghiero.

READ  Fedecámaras: l'economia privata venezuelana chiuderà quest'anno dell'1% in più

“Il prezzo è una battaglia ogni anno”, afferma García Gasco, che insiste sul fatto che dovrebbe rimbalzare rispetto allo scorso anno in previsione di un raccolto inferiore. In ogni caso, si sottolinea che i prezzi devono sempre coprire i costi di produzione, secondo la legge sulla filiera alimentare, riformata lo scorso anno dopo le lamentele degli agricoltori per una perdita di redditività nel campo.