Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia dei calciatori afgani che hanno trovato casa in Italia

AVEZZANO, Italia – Due giorni dopo i militanti talebani Hanno preso Herat, il giornalista italiano Stefano Liberty, la terza città più grande dell’Afghanistan, ha ricevuto un messaggio su Facebook: “Salve signore, siamo nei guai. Puoi aiutarci? “

Il messaggio inviato il mese scorso era Susan, 21 anni, ex capitano Basta, Una squadra di calcio femminile oggetto di un documentario una volta prodotto da Liberty e dal suo collega Mario Poita.

“Il calcio è come il cibo per me”, ha detto Susan in seguito, temendo che non avrebbe mai più giocato sotto i talebani “perché mi sentivo morta”. Come gli altri intervistati per questo articolo, viene menzionato solo il tuo nome per proteggere la tua identità.

Tredici giorni dopo aver contattato Liberty, Susan è arrivata in Italia con due suoi compagni di squadra, il suo allenatore e diversi familiari. Sono atterrati all’aeroporto principale di Roma dopo che un volo è stato reso possibile da due giornalisti. Una ONG con sede a Firenze, Diversi legislatori italiani e funzionari dei Ministeri della Difesa e degli Affari Esteri italiani.

Il gruppo, 16 di Herat, è passato attraverso una tendopoli gestita dalla Croce Rossa Italiana ad Avesano, in Appennino, dove nelle ultime settimane sono stati deportati in Italia più di 1.400 afgani.

Come molti afghani, i soldati hanno lasciato le loro vite per viaggiare. Susan ha lasciato il paese con i suoi genitori, due sorelle e un fratello per interrompere i suoi studi universitari in letteratura inglese.

Agli albori del regime talebano, alle ragazze era vietato praticare sport. Anche dopo che il gruppo è stato estromesso nel 2001, L’allenamento sportivo ha continuato a essere una sfida Per donne afghane, E agli uomini che li hanno aiutati.

READ  Ecco come la rete offre nuove opportunità professionali ai musicisti

Sopra Herat Football Club, Coach Najibullah, che ha creato il team di giornalisti del documentario 2017, ha affermato di essere stato ripetutamente minacciato dai talebani per aver addestrato giovani donne.

Il ritorno al potere dei talebani ha suscitato non solo i timori di una re-imposizione delle restrizioni allo sport, ma anche il timore che le atlete apparse negli ultimi 20 anni siano oggetto di ritorsioni.

Il mese scorso, Kalida Bhopal, l’ex capitano della squadra nazionale femminile, che Ha lasciato l’Afghanistan nel 2011 Ora vive a Copenhagen, in Danimarca Siti sociali E questo I media Le donne che hanno praticato sport in Afghanistan dovrebbero essere istruite a chiudere i loro account sui social media, rimuovere gli indizi su Internet e bruciare le loro uniformi.

“Non c’è nessuno da proteggere o aiutare se sono in pericolo”, ha detto a Reuters.

Un altro giocatore di Herat, Fatima, 19 anni, ha lasciato l’università per studiare amministrazione e politiche pubbliche. È venuto in Italia con un fratello, ma suo padre si è ammalato quando ha cercato di disperdere la folla all’aeroporto di Kabul, quindi lui e sua madre erano dietro.

“Mi hanno detto: ‘Vai, vai per il tuo futuro, per il calcio, per la tua istruzione’, ha detto Fatema.

“Giocare a calcio mi fa sentire potente e un esempio per le altre donne, per dimostrare che puoi fare quello che vuoi”, ha detto Fatma. Spera che succeda anche in Italia. “Ora voglio che l’Italia sia il mio Paese”, ha detto.

“Era un membro attivo della società”, ha detto Mariam, credendo fermamente di non poter agire sotto i talebani.

Mariam è andata in Italia solo con il gruppo, ma ha detto che sperava che la sua famiglia si unisse a lei più tardi. “Faccio fatica a ridere”, ha commentato. “Ma spero che il mio futuro sarà migliore, e sarà sicuramente migliore del regime talebano”.

I giocatori credono che molti dei loro compagni di Herat siano ancora a Kabul Può andare in AustraliaHanno eliminato alcune giocatrici della squadra femminile dell’Afghanistan.

Venerdì 3 settembre le tre donne e le loro famiglie sono state trasferite nella città italiana di Firenze. L’Associazione Italiana Calcio, alcune società calcistiche e il capitano della nazionale Sarah Gama hanno esteso il loro sostegno ai giovani calciatori afgani.

“C’erano molte somiglianze”, ha detto il produttore di documentari Liberty.

In un caldo pomeriggio di recente, Fatima e Mary hanno fatto qualcosa che non avevano mai fatto prima: hanno suonato con alcuni giovani.

Quando è stato chiesto loro cosa pensassero, Mariam ha fatto un grande sorriso e ha alzato il pollice.

“È stato fantastico”, ha detto Fatma. “La gente non ci vede come se avessimo fatto qualcosa di sbagliato”.

Elizabeth Povoleto scrive sull’Italia da tre decenni e lavora per il Times e le sue affiliate dal 1992. PEPovoledo io Facebook