Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come è stato scoperto il corpo dell’argentino accusato di aver ucciso suo figlio a Barcellona?

alla ricerca di L’argentino che ha rivelato a tutti Spagna: Accusato di aver strangolato il figlio per vendicare l’ex moglie, il corpo è stato ritrovato mercoledì vicino al Terminal 1 dell’aeroporto di Barcellona viene da Martin Ezequiel Alvarez GiacchioSecondo i media catalani.

consultazione Clarion, i Mossos d’Esquadra, la polizia regionale della Catalogna, hanno confermato la scoperta di cadavere impiccato In una zona boschiva vicino all’aeroporto, si sospetta fin dall’inizio che sia una fuggitiva argentina dal suo aspetto e dai suoi vestiti. Il Stivali rossi Quelli che indossava, gli stessi catturati dalle telecamere di sicurezza, fornivano l’indizio principale.

Hanno sottolineato che “finché non verrà eseguita l’impronta digitale o l’identificazione forense, a seconda dello stato in cui è stato trovato il corpo, non possiamo dare conferma ufficiale”. Questo pomeriggio l’Alta Corte di Giustizia della Catalogna ha confermato che si trattava di Alvarez Giacchio. Lo hanno confermato con le loro impronte digitali e gli studi sul DNA.

Alvarez Giacchio è un economista di 44 anni che possiede anche la cittadinanza spagnola. Stava per impiccarsi lo stesso giorno in cui è scappato Nell’albergo dove alloggiava con Leo, suo figlio di due anni e di nove mesi Uccidono prima di scappare. Era ricercato in Catalogna e in tutta la Spagna per tre settimane.

L’argentino stava rompendo con Aurélie, una francese che aveva sposato qualche anno prima e che aveva deciso di chiudere la relazione, cosa che Alvarez Giacchio non era disposto a sopportare.

Stava ricevendo cure psichiatriche, ma da quando è scappata dall’albergo dove suo figlio è stato trovato morto, Nessun contatto con i familiari o il terapista.

Aveva lasciato l’appartamento al secondo piano in via Arizala, nel quartiere Sants Badal di Barcellona, ​​e si era trasferito a El Vendrell, a circa 70 chilometri di distanza, dove viveva suo padre.

Lo ha trovato la polizia catalana Passaporto spagnolo, portando a supporre che Alvarez non avesse pianificato la sua fuga.

Sebbene stesse tramando il danno angoscioso che stava progettando di infliggere al suo ex.

Martedì 24 agosto è andata a cercare suo figlio. fare una passeggiataHo soggiornato con la bambina in una stanza dell’Hotel Concordia di Barcellona, ​​in Avinguda del Parallel, dove Martin e O’Reilly hanno celebrato il loro matrimonio.

Lì, una doppia costa circa 100 euro a notte e il direttore dell’hotel espone nella hall la sua collezione di quasi 800 storici accendini Zippo. Martin ha chiesto una stanza e l’ha pagata in contanti. Gli hanno dato 704.

Ha giocato, filmato e fotografato il suo bambino in piscina, secondo altri ospiti dell’hotel che in seguito lo hanno fatto. Conoscilo sugli adesivi Che la polizia catalana girasse per la città, per l’aeroporto, per le stazioni dei treni e degli autobus, e attraverso i social network.

“Stiamo cercando Martín Ezequiel Álvarez Giaccio come persona legata alla morte di suo figlio a Barcellona. Se avete informazioni, dicevano gli avvisi, chiamate il 112”. È stato dettagliato che Alvarez era alto 1,78 e aveva “capelli rasati, barba ben curata, pelle marrone, carnagione atletica e occhi marroni”.

Le telecamere di sicurezza dell’hotel catturate L’ultima foto del fuggitivo: La persona che viene vista tenere il cellulare nella tasca sinistra, con indosso una maglietta grigia e scarpe da ginnastica rosse. nuovo equilibrio, saltare oltre il muro della piscina adiacente all’edificio accanto, in Carrer de la Concòrdia, la traversa dell’hotel.

La sua fuga è stata vista dagli agenti della Bodega Linares, in Carrer de la Concòrdia 6. “Eravamo tutti qui, erano le dieci e mezzo di sera, e due ragazzi che stavano bevendo in piazza lo guardavano scendere dai balconi”, ha disse. Clarion Anselmo, il titolare della cantina dove i clienti bevono vino a 4 euro.

READ  Un altro giorno di tragici record in Russia: i casi e i decessi di COVID-19 continuano a crescere a causa del calo delle vaccinazioni

“Hanno visto succedere Di balcone in balcone Attraverso tre edifici, prendi un tubo del gas e scendi, ‘Ricostruisci l’oste. anche in un attimo è caduto indietro. Si alzò e corse per la strada lungo il Carrer de Radas.”

Alvarez Giacchio ha spento il cellulare e non ha lasciato traccia. Un tassista ha affermato di aver portato un passeggero con un “accento argentino” al Terminal 1 dell’aeroporto di Barcellona. Non c’erano documenti che indicassero che avesse preso dei voli.

Persino Interpol. polizia internazionale Aveva emesso un mandato di cattura. E lo considerava “un latitante ricercato per un processo penale”.

Martin Ezequiel Alvarez Giacchio.

Martin Ezequiel Alvarez Giacchio.

Secondo il rapporto dell’Interpol, “Intorno alle 21:21 ha avuto una conversazione con sua moglie con cui sta lavorando alla procedura di licenziamento e lo ha avvertito che tutto sarebbe finito al Concordia Hotel”.

“Ti lascio in albergo quello che meriti”È stato l’ultimo messaggio che Alvarez ha inviato alla madre di suo figlio.

Un disperato O’Reilly corse a Concordia. Voleva entrare ma non le è stato permesso perché non è iscritta tra gli invitati. La donna ha informato la polizia ma l’ambulanza dei bambini che è venuta a soccorrere il bambino non è riuscita a salvarlo.

Quando è arrivata l’ambulanza, Alvarez non c’era più.

Veduta dell'Hotel Concordia di Barcellona dove fu assassinato il figlio di Martin Ezequiel, Alvarez Giacchio.  foto di Cesaro Luca

Veduta dell’Hotel Concordia di Barcellona dove fu assassinato il figlio di Martin Ezequiel, Alvarez Giacchio. foto di Cesaro Luca

Le telecamere di sicurezza dell’hotel hanno registrato il momento in cui l’argentino ha lasciato la stanza, con il giovane corpo di Leo poi trovato sotto il letto.

Martin Ezequiel Alvarez Giacchio è nato a Buenos Aires, nel luglio 1978, ha rinnovato i suoi documenti spagnoli nel 2019, validi fino al 2029. Nessun controllo a terra Attraverso lo spazio di movimento libero all’interno Unione europea noto come Schengen.

La polizia catalana ha trovato il suo corpo mercoledì in una zona boschiva a El Prat de Llobregat, vicino all’aeroporto.

READ  Bassa vaccinazione e alti tassi di mortalità: la Russia ha il suo momento peggiore a causa di una crescita delta variabile

Un precedente a Tenerife

Il suo caso provoca tanto terrore quanto quello che ha generato Tommaso Antonio GimenoChe dopo aver detto alla sua ex moglie: “Non li vedrai mai più”Avrebbe drogato le sue due figlie, di 6 e 1 anni, sull’isola canaria di Tenerife, le avrebbe gettate in mare e poi si sarebbe suicidata.

Il corpo di Olivia il Vecchio è stato ritrovato 45 giorni dopo la sua scomparsa. Non si hanno notizie di Anna, la più giovane, né di Jimeno, suo padre.

“Si sono trovati bene.”

“Li vedi insieme, andavano d’accordo, non li senti litigare. Sono usciti in strada con la carrozzina, che era molto affettuoso” Clarion Amanda, la vicina che abitava nel palazzo di via Arizala dove la famiglia Alvarez Giacchio si è trasferita circa tre anni fa.

Costruzione ancora custodito Giorno e notte da un’auto della polizia di Mossos d’Esquadra, a guardia della porta d’ingresso e del parcheggio di fronte, dove è partita l’auto di Alvarez Giacchio.

Due mesi prima dell’omicidio di Leo, Martin e O’Reilly hanno registrato un video per Happy Sleep raccontando la sua esperienza con Aurore, un consulente del sonno per bambini francese che vive in Catalogna. Leo ha dormito male per un anno e non ha lasciato riposare i suoi genitori, e il trattamento di Aurora ha causato notti tranquille in famiglia.

“Dalla terza notte, Leo dorme bene”, ha detto Alvarez nel video con voce calma.

Clarion Ho chiamato Aurora. “di rispetto della famiglia Per questioni di riservatezza non posso parlare”, sono state le sue parole.

“Te ne pentirai”, minacciò Martin O’Reilly mentre lasciavo la casa in Arizala Street che condividevano. Come la polizia ha poi appreso, l’ha anche intimidita dicendo che stava per suicidarsi.

Madrid. Reporter.

MG