Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna si sta allontanando dallo stigma economico subito da Francia, Italia e Germania

La Spagna si sta allontanando dallo stigma economico subito da Francia, Italia e Germania

Sono finiti i giorni in cui Bruxelles stringeva la mano alla Francia perché era la Francia. Nel 2016, questa è stata la logica utilizzata dall’allora presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per concedere a Parigi libertà d’azione finanziaria, anche se si teneva lontana dai conti pubblici. Sono passati otto anni, una crisi finanziaria è stata superata e ha portato l’UE ad attuare la clausola di salvaguardia dalla disciplina fiscale richiesta dai suoi trattati per mantenere conti pubblici sani con un debito rispettivamente al 3% e al 60% del PIL.

Come stringere nuovamente la cinghia è una battaglia chiave per i ministri dell’Economia nel 2023, e la questione è stata tradizionalmente bloccata da Francia e Germania. Ora che le nuove regole fiscali sono state reimplementate, la Francia non sta facendo abbastanza per evitare di aprire una procedura per disavanzo eccessivo. Il suo deficit è stato del 5,5% nel 2023, anno di riferimento, e non si prevede alcun miglioramento significativo nei prossimi anni: 5,3% alla fine del 2024 e 5% il successivo. Oltre a superare il limite di oltre due punti, in questo caso un fattore negativo è il debito, che è pari al 110,6%.

L’Italia si trova in una posizione simile, con un deficit di bilancio del 7,4% lo scorso anno, anche se le proiezioni del governo sociale sono state tagliate al 4,4% quest’anno e al 4,7% nel 2025. , il debito è alle stelle (137,3% del PIL).

E la Spagna? Non soddisfaceva gli standard richiesti dalle regole finanziarie, ma non era più uno degli studenti più ribelli dell’UE. Lo stigma della Spagna è tale che persino Pedro Sánchez, annunciando il “messaggio straordinario” della Commissione europea al Congresso, ha promesso che Bruxelles avrebbe “rimosso” la Spagna e sospeso le regole finanziarie dal 2020. Di fatto, la Spagna è uscita da tale processo nel giugno 2019.

READ  Castellmondே Sanctuary non rompe la parità tra Carabas, Hindley e Landa alla guida del Giro di Italia | Gli sport

Il fatto è che la Commissione europea non l’ha aperto, perdonando tecnicamente la Spagna perché non soddisfaceva nessuno dei requisiti. Lo scostamento di bilancio è stato del 3,6% l’anno scorso, sei decimi della soglia, ma superiore al 3,5% stabilito come accettabile dal governo sociale in questa occasione. Il prestito è oltre il limite, che si attesta al 105,5%.

“La situazione era molto grave, ma ha prevalso la temporaneità”, spiegano la decisione fonti social. Pertanto, la Spagna finirà nella fascia del 3% nel 2024 e del 2,5% un anno dopo. “Anche senza misure, la Spagna si adeguerà già”, hanno detto le fonti, riferendosi alla mancanza di budget per quest’anno. L’andamento dell’economia spagnola è in crescita.

Le notizie da Bruxelles permettono al governo di mostrare il petto. “Da parte nostra, stiamo facendo tutto il possibile. Abbiamo fondamentali solidi”, ha detto il ministro dell’Economia, Carlos Garbo, il giorno dopo l’incontro con i suoi omologhi della zona euro in Lussemburgo. “Non ci sono squilibri macroeconomici in Spagna, no deficit pubblico eccessivo, nessun contagio dalla Francia o da qualsiasi altro paese. “Il modo migliore per evitare”, ha detto, è il rischio che la Francia dovrà affrontare dopo che Emmanuel Macron avrà indetto elezioni anticipate e vincerà l’estrema destra di Marine Le Pen.

Fonti sociali ritengono però che la decisione della Commissione europea stia suscitando dubbi in alcune capitali. Tutti gli occhi sono puntati su Berlino e soprattutto sul ministro delle finanze, il liberale Christian Lindner, divenuto un rappresentante chiave dell’ortodossia fiscale. Di fatto, ha costretto la disciplina fiscale ad andare oltre stabilendo l’obbligo di correggere il deficit, anche se inferiore al 3%, nel caso si verificassero nuove crisi inaspettate, come quella causata dal virus corona. Stato finanziario.

READ  Campionato italiano: l'Inter vince, il Milan perde ancora | I classici rivali hanno esteso la loro attuale posizione in Serie A

Ma la Germania rischia anche di non essere più il miglior studente dell’Ue. L’economia tedesca è entrata in una recessione tecnica nel 2023 e si è contratta dello 0,3%. Gli esperti prevedono che la crescita sarà piatta nei prossimi mesi e che la zona euro prevista da Bruxelles sarà dello 0,1% quest’anno e dell’1% l’anno prossimo nel 2025. La locomotiva europea è stata sequestrata e minaccia di trascinare altri paesi, anche se gli esperti tecnici ritengono che la Spagna sarà in grado di far fronte a questo effetto. Tuttavia la sua crescita, superiore alla media europea e alla crescita di altri colossi, non aiuta a tirare il carro del club nel suo complesso.

Il problema degli investimenti pubblici in Germania

Anche se la Germania è vicina alla perfezione in termini di disciplina fiscale, con un deficit del 2,5% l’anno scorso, dell’1,6% e dell’1,2% negli anni successivi e vuole ridurre il debito al 62% del Pil, la Commissione europea sostiene che resta nella lista delle economie con squilibri. Tuttavia, Spagna, Francia e Portogallo sono usciti da questa lista in questa tornata. Italia e Grecia continuano, ma le loro disparità sono scese dalla categoria estrema.

Tra le vulnerabilità che i tecnocrati sociali possono evidenziare nell’economia tedesca c’è lo “squilibrio tra risparmi e investimenti”. “Gli investimenti pubblici aumentano in percentuale del Pil, ma non sono sufficienti a coprire il fabbisogno di investimenti pubblici, soprattutto a livello comunale”, accusa Bruxelles nel suo rapporto “Investimenti pubblici netti globali” da vent’anni. Vicino allo zero.” Ciò sta mettendo a dura prova il cuore dell’economia europea. E non vedono un miglioramento della situazione all’orizzonte a causa dell'”inasprimento della politica fiscale” di Bruxelles.

READ  Rival Sons - Alcatraz (Milano, Italia) - Route 66

“L’economia tedesca continua ad affrontare una crescita debole a causa della debolezza della domanda interna, che dovrebbe riprendersi gradualmente”, afferma l’analisi sociale: “I consumi privati ​​sono diminuiti dello 0,7% poiché l’inflazione ha ridotto il reddito reale delle famiglie. Gli investimenti sono diminuiti dello 0,7% a causa della debolezza dell’edilizia. “I deboli volumi delle esportazioni globali sono diminuiti nel contesto del commercio, ma le importazioni sono diminuite ulteriormente a causa della debole domanda interna”.

Sebbene alcune analisi dettagliate del dirigente sociale non contengano dati incoraggianti, Valdis Dombrovskis, vicepresidente dell’Economia, ha inviato un messaggio tranquillo confermando che a un certo punto “iniziava a uscire dalla sua testa”. Le principali sfide future sono aumentare la sua competitività in modo che non rimanga indietro rispetto a superpotenze come Cina e Stati Uniti.