Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È in arrivo un asse nazionalista tra Italia, Ungheria e Polonia nell’UE?

Con la vittoria di Giorgia Meloni, l’Italia potrebbe guidare il fronte ultraconservatore in Europa con Ungheria e Polonia, ma questa alleanza troverà presto i suoi limiti, soprattutto il conflitto in Ucraina e il suo atteggiamento nei confronti della Russia.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il suo omologo polacco Mateusz Morawiecki sono stati tra i primi a celebrare la vittoria del leader post-fascista italiano alle elezioni legislative di domenica.

“Abbiamo bisogno più che mai di amici in Europa che condividano una visione e un approccio comuni”, ha replicato il portavoce del leader ungherese, mentre Varsavia ha celebrato la “tremenda vittoria” dell’estrema destra italiana.

Mateusz Morawiecki / AFP

L’avvento al potere di un’estrema destra in uno dei paesi fondatori dell’Unione Europea (UE) dovrebbe ridurre l’isolamento di Budapest e Varsavia in aperto conflitto con la Commissione Europea su questioni come lo stato di diritto.

“L’Ungheria e la Polonia sono molto felici di queste elezioni” perché “consentiranno loro di ridurre la pressione sui loro paesi nell’UE e spianare la strada a un fronte più unito”, conferma Yordan Boshilov del think tank bulgaro Sofia Security. Forum.

La vittoria di Meloni nella terza economia dell’UE dà le ali agli ultraconservatori contro l’Islam, gli immigrati, l’aborto o i diritti LGBT dopo l’impennata dell’estrema destra alle elezioni legislative svedesi di settembre.

“La destra europea si sta rafforzando (…) sconfiggeremo tutti i comunisti, la sinistra e la ‘lobby’ LGBT che stanno distruggendo la nostra civiltà”, ha dichiarato lunedì su Twitter il viceministro dell’agricoltura polacco Janusz Kowalski.

Anche il leader del partito postfascista Fratelli d’Italia e i leader di Polonia e Ungheria concordano sulla loro visione di un’Europa cristiana, bianca, fatta di nazioni sovrane.

READ  L'Italia concede l'approvazione normativa a 73 società di criptovalute

Georgia Meloni/AFP

“L’Ungheria e la Polonia sono paesi che vogliono cambiare l’Europa dall’interno e non lo nasconderanno. Non ci sono ancora riusciti, ma sicuramente cercheranno di creare un asse Roma/Budapest/Varsavia”, afferma Tara Verma.

Per un esperto del Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), questi tre Paesi non vogliono lasciare l’Ue dopo la Brexit, ma potrebbero “bloccare il progresso, sfruttare i finanziamenti sociali”.

Ma il fronte dei “valori” potrebbe rapidamente crollare a causa della guerra in Ucraina e della questione della politica dell’UE nei confronti di Mosca. “Quando arriverà il momento, Melonie dovrà scegliere tra Polonia e Ungheria”, afferma Tara Verma.

A sostegno delle sanzioni europee contro la Russia, il leader italiano ha espresso chiaramente le sue posizioni filo-ucraine.

La posizione è vicina a quella di Varsavia ma lontana da quella di Orban, che negli ultimi anni ha stretto stretti legami con il presidente russo Vladimir Putin ed è stato un accanito critico delle sanzioni europee contro Mosca.

Victor Orban/AP

Nonostante l’atteggiamento filorusso dei suoi alleati Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, Meloni, che domina la coalizione vincente in Italia, è convinto dai suoi alleati a non cambiare posizione sull’Ucraina.

Per Martin Kuens del German Marshall Fund, Meloni “ha dato buone notizie sull’Ucraina”, del resto l’Italia è un importante partner della NATO.

Il futuro presidente del Consiglio italiano è certamente “interessato a mantenere buoni rapporti con Bruxelles ea non entrare in conflitto frontale”, analizza Paolo Modugno, professore di Civiltà italiana all’Università francese delle scienze Beau.

“Lei è molto consapevole dei problemi degli italiani, dei loro dolori di fronte all’inflazione e alla situazione economica. La sua urgenza è affrontare la crisi, non impegnarsi in avventure ideologiche”, conclude. (AFP)

READ  Ecco come la rete offre nuove opportunità professionali ai musicisti