Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La solidarietà, in tempo di crisi, può essere verde | Opinione

Il governo spagnolo ha appena annunciato una tassa, di natura eccezionale e temporanea, sulle grandi società energetiche e finanziarie, che spera di raccogliere 7.000 milioni entro due anni. L’inflazione, su livelli che non si vedevano dall’aprile 1985, l’incertezza sull’approvvigionamento energetico e il timore di un forte rallentamento dopo le festività stanno costringendo i governi europei a rispondere con misure che, a priori, appaiono di breve durata.

Come siamo arrivati ​​qui? La risposta della Russia, principale fornitore di gas e greggio consumato in Europa, alle sanzioni europee, ha portato i prezzi dei carburanti a livelli record. La crisi è stata aggravata dalla mancanza di indipendenza energetica nel Vecchio Continente, poiché paesi come Germania, Polonia o Ungheria, che importano più del 50% del gas che consumano dalla Russia, sono costretti a cercare altri alleati energetici nel Nord. Dall’Africa, Medio Oriente o America. In breve, la dipendenza dell’Europa dall’estero, unita alla ridotta interdipendenza tra le reti di trasporto del gas e dell’elettricità, rende molto difficile per la solidarietà interstatale mitigare, almeno in parte, i potenziali problemi di approvvigionamento che dovrebbero iniziare in autunno. .

L’aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale significa che anche i prezzi di altri beni e servizi stanno aumentando e, quindi, i residenti vedono diminuire il loro potere d’acquisto. In questo ambiente vediamo come si apre davanti ai nostri occhi lo scenario di iperinflazione e di un rapido rallentamento economico che, come dimostra l’inaugurazione di questa mostra, sta già portando i governi europei a prendere decisioni complesse.

Con l’obiettivo di cambiare questa situazione, l’intera Europa, in misura maggiore o minore, sta attuando misure di contenimento. Sia l’Unione Europea che il Regno Unito hanno aumentato significativamente le importazioni di GNL dagli Stati Uniti, che ammontano al 49% della domanda europea, il doppio della partecipazione osservata nel 2021. Un’altra opzione per garantire l’approvvigionamento è quella adottata dalla Germania, che ha optato per il ritorno E la riapertura di alcune vecchie centrali a carbone, che aveva promesso di smantellare entro il 2030. Dal canto suo, la Spagna sta studiando anche la possibilità di continuare l’esercizio della centrale a carbone di As Pontes, che originariamente doveva essere dismessa alla fine del 2022.

READ  L'obiettivo principale dell'Italia è evitare la recessione

Di fronte a questa incertezza, il governo spagnolo ha anche scelto di creare questa nuova tassa che grava esclusivamente sui settori energetico e finanziario. L’obiettivo: raccogliere 7.000 milioni di euro nel prossimo biennio per finanziare misure come i permessi di trasporto gratuiti, la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica o la concessione di borse di studio integrative agli studenti, insomma per mitigare gli effetti dell’inflazione .

Da Bruxelles, i governi europei dovrebbero diffidare di progettare nuove tasse e sono avvertiti che devono attenersi ai benefici straordinari, su base temporanea e senza retroattività.

Siamo gli unici in Europa a prendere queste decisioni che riguardano determinati settori? No, altri governi come Belgio, Italia e Ungheria concordano con la Spagna sui benefici fiscali delle principali società elettriche e banche, garantendo così la raccolta dei milioni di euro che investiranno nelle politiche sociali, che in seguito consentiranno loro di farlo . Ridurre l’impatto dell’inflazione sulla popolazione. La tassa italiana sulle società energetiche impone un’aliquota del 25% sugli utili straordinari che le società energetiche percepiscono e prevede di raccogliere quasi 11 miliardi di euro. Da parte sua, l’Ungheria prevede di raccogliere 4.120 milioni di tasse su banche, compagnie assicurative e società elettriche.

È questa la soluzione? Può essere a breve termine e aiutarci a resistere alle prime ondate della tempesta in arrivo, ma non possiamo ignorare l’impatto negativo che avrà sul finanziamento dell’economia e sui necessari investimenti nelle infrastrutture energetiche; Questo paga caro a lungo termine. La strategia di decarbonizzazione dell’Europa dovrebbe essere sospesa fino a quando la situazione non migliorerà? Non credo che possiamo permettercelo. Il piano di ripresa e resilienza è più valido che mai e, tra l’altro, la mancanza di velocità nella sua attuazione getta un’ombra su di noi, una delle debolezze della vecchia Europa.

READ  Gli attacchi ai giornalisti sono aumentati dell'11% in Italia

Ci stiamo dirigendo verso un autunno fresco e un inverno che sarà ancora più freddo e la Commissione europea chiede solidarietà tra gli Stati membri sfruttando i limitati legami energetici che esistono oggi. Sulla stessa linea, ho preparato un piano di emergenza per i prossimi mesi.

La riscossione delle tasse è un modo di solidarietà. I progressi nello sviluppo e nel miglioramento delle infrastrutture e, per inciso, nella promozione della decarbonizzazione e della transizione energetica, possono essere anche se pensiamo a medio termine alla competitività dell’economia europea e del pianeta che lasceremo alle generazioni future.

Francisco Ruiz È il partner responsabile di “Power and Utilities” in Metyis