Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La situazione a Gaza è passata da catastrofica all’orlo del collasso  Secondo l’UNICEF questa enclave è il luogo più pericoloso al mondo per i bambini

La situazione a Gaza è passata da catastrofica all’orlo del collasso Secondo l’UNICEF questa enclave è il luogo più pericoloso al mondo per i bambini

Lo ha chiesto giovedì il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF). La situazione nella Striscia di Gaza è passata da catastrofica a quasi al collassoMentre l'esercito israeliano ha distrutto il principale quartier generale militare di Hamas a Khan Yunis Università Al-Israa Dalla città di Gaza.

Direttore esecutivo dell'UNICEF, Ted ShibanLo ha confermato l'uomo che ha trascorso tre giorni nella Striscia intervistando alcuni residenti Famiglie e bambini soffrono nelle condizioni più orribili di sempre. “Dalla mia ultima visita, la situazione è passata da catastrofica a quasi al collasso. L’UNICEF ha descritto la Striscia di Gaza come il luogo più pericoloso al mondo per un bambino. Tra le quasi 25.000 persone uccise nella Striscia di Gaza Dall’escalation delle ostilità, il 70% di loro sono donne e bambini”.

Shiban lo ha sottolineato Ci sono più di 1,9 milioni di sfollati, pari a circa l'85% della popolazione di Gaza Molti, ha spiegato, cercano di trovare rifugio nella città di Rafah, nel sud del Paese, al confine con l'Egitto. “È difficile comprendere l’enorme numero di civili al confine e le condizioni disumane in cui vivono. L’acqua scarseggia e le scarse condizioni igienico-sanitarie sono inevitabili”, ha affermato..

Secondo i dati pubblicati dall'organizzazione, i casi di diarrea sono aumentati del 40% negli ultimi due mesi rispetto a prima dell'inizio della guerra. Tuttavia, a metà dicembre si è raggiunto un aumento del 4.000%, con 71.000 casi registrati tra i bambini sotto i cinque anni.

Secondo l'ultimo bilancio del Ministero della Sanità di Gaza. Il bilancio totale delle vittime è salito a 24.620 e più di 61.830 sono rimasti feriti.Ciò si inserisce nel quadro della campagna di bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza, in risposta all'attacco terroristico compiuto da Hamas il 7 ottobre, che ha portato alla morte di circa 1.200 persone e alla presa di 240 ostaggi, tra cui venti argentini.

READ  Netanyahu riafferma il suo rifiuto della creazione di uno Stato palestinese Almeno 165 abitanti di Gaza sono morti nella Striscia di Gaza

Intensificazione degli attacchi

Intanto in prima linea L'esercito israeliano ha raddoppiato l'attacco a Khan Yunis, distruggendo il principale quartier generale militare di Hamas nell'areaSecondo una dichiarazione militare. Lì, i soldati hanno trovato numerose armi e documenti di intelligence, tra cui dozzine di granate, fucili AK-47, munizioni, attrezzature per scavi, lanciarazzi, giochi di ruolo, esplosivi e documenti di gestione del combattimento. Il memorandum aggiungeva: “Il complesso Phalange comprende un'area di addestramento per la guerra aperta e la guerra urbana, oltre agli uffici operativi utilizzati dai terroristi di Hamas”.

Sebbene Israele Annunciato qualche giorno fa Che è riuscita a smantellare quasi completamente la struttura militare di Hamas nel nord della Striscia di Gaza, ma in quella zona, la più danneggiata materialmente dopo mesi di guerra, continuano i combattimenti con le milizie palestinesi. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha dichiarato: “Dopo la fine dell’operazione nel nord, la principale infrastruttura con le capacità militari di Hamas è stata smantellata, ma ci sono ancora sacche di resistenza e combattimenti”.

Le forze israeliane hanno anche fatto saltare in aria l'edificio principale dell'Università Al-Isra a Gaza CityLo ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa. Lo denuncia l'istituzione in un comunicato I soldati hanno saccheggiato il Museo Nazionale che si trovava nella proprietà, dove si trovava una mostra contenente circa 3.000 manufatti rari..

Dall'inizio della guerra, circa 95 edifici tra scuole ed università di Gaza sono stati completamente distrutti, mentre altri 295 in parte, secondo i dati dell'Ufficio governativo per le comunicazioni di Gaza. Tutto ciò rappresenta un colpo fatale al settore accademico di Gaza e alla capacità dei suoi residenti di studiare all'università dopo la fine del conflitto, secondo i critici e i gruppi per i diritti umani.

READ  Elezioni brasiliane 2022: due progetti ostili e una regione in attesa | Il paese più grande e popoloso dell'America Latina ha scelto questa domenica tra Lula da Silva e Jair Bolsonaro.

Gli ostaggi furono rilasciati

Per questa parte, Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha incontrato alcuni degli ostaggi israeliani liberati nella Striscia di Gaza Il movimento islamico palestinese Hamas ha chiesto il rilascio dei restanti rapiti, nonché l'indagine e il processo dei responsabili dei crimini sessuali commessi durante l'attacco del 7 ottobre. Lo riferisce l'Hostage Families Forum in un comunicato in cui spiega che l'incontro si è svolto in Svizzera, a margine del World Economic Forum di Davos. I tempi di Israele.

Durante l’incontro, il diplomatico portoghese ha tirato fuori dalla tasca una targhetta identificativa chiedendo il rilascio degli ostaggi e ha detto: “La targhetta identificativa è nella tasca destra del mio cappotto, dove di solito tengo la mano, e la porto con me”. .” In ogni luogo per ricordare sempre gli ostaggi.

Gli ostaggi liberati si sono incontrati a Davos anche con un folto gruppo di dirigenti e uomini d'affari provenienti da tutto il mondo, dove hanno raccontato le loro storie.. “La maggior parte delle persone con cui ero nei tunnel sono ancora intrappolate sottoterra, terrorizzate e ferite (…) Non c'è abbastanza aria per respirare, niente cibo e nessuna igiene di base. Il corpo è così debole che può verificarsi qualsiasi malattia ”, ha detto Nellie Margalit, una dei civili rapiti, agli uomini d’affari: “Possono uccidervi”.

Un'altra, Stella Yanai, ha detto di aver perso tutto quando è stata rapita. La donna ha detto: “Ho perso il controllo della mia vita, della mia libertà, della mia identità e di me stessa… Mi hanno rilasciata, ma ho promesso agli amici che avevo lasciato in prigionia che avrei fatto tutto ciò che era in mio potere per riportarli indietro”.

READ  Lula condanna la guerra a Gaza in Egitto Il presidente brasiliano ha descritto l'attacco israeliano come una "punizione collettiva" contro i civili palestinesi

Dei 240 rapiti in Israele, 132 sono ancora prigionieri a Gaza, e 25 di loro sono considerati morti e i loro corpi non sono stati ancora restituiti, secondo le autorità israeliane. Circa un centinaio di ostaggi sono stati rilasciati durante una tregua umanitaria alla fine di novembre in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi in Israele, un accordo negoziato dal Qatar.