Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scienza ha riferito che le aree del cervello danneggiate dall’ipertensione influenzano la demenza

La scienza ha riferito che le aree del cervello danneggiate dall’ipertensione influenzano la demenza

14:50

La pressione alta provoca demenza e danni cerebrali. studio individuato Nove aree del cervello colpite da ipertensione E possono contribuire al deterioramento dei processi mentali e allo sviluppo della demenza.

Scopri: La salute cardiovascolare, una priorità in Colombia

Uno studio ha raccolto informazioni da risonanze magnetiche di più di 30.000 partecipanti Nello studio UK Biobank, analisi genetiche e dati osservazionali di migliaia di pazienti per studiare l’effetto dell’ipertensione sulla funzione cognitiva e poi testare i loro risultati in un’altra grande coorte di pazienti dall’Italia.

L’obiettivo era verificare se Ipertensione La pressione sanguigna era in realtà la causaCambiamenti in alcune parti del cervello piuttosto che relazionarsi semplicemente a questi cambiamenti.

Lo studio è firmato e pubblicato da un team internazionale Giornale europeo del cuore Osserva che i cambiamenti in nove parti del cervello erano collegati all’ipertensione e alla scarsa funzione cognitiva.

Per saperne di più: Ora sarà possibile scoprire se una persona avrà la demenza nove anni prima della diagnosi

Uno di essi è putamen, Si trova alla base del segmento frontale ed è responsabile della regolazione del movimento e dell’influenza sui diversi tipi di apprendimento. Altre aree interessate sono specifiche della sostanza bianca che comunica e consente la segnalazione tra le diverse parti del cervello, come la radiazione talamica anteriore, la corona radiante anteriore e gli arti anteriori della capsula interna.

La radiazione ipotalamica anteriore è coinvolta nelle funzioni esecutive, ad es pianificare attività quotidiane semplici e complesse, mentre le altre due regioni sono coinvolte nel processo decisionale e nella gestione delle emozioni.

Per saperne di più: Alzheimer: quando ti preoccupi della perdita di memoria?

READ  Google Pay: salva, paga, gestisci

cambiamenti in queste aree Hanno incluso diminuzioni del volume del cervello e della superficie corticale, cambiamenti nelle connessioni tra le diverse parti del cervello e nelle misure dell’attività cerebrale.

“Alcune aree del cervello sono particolarmente a rischio di danni causati dalla pressione sanguigna, il che può aiutare a identificare quelli a rischio di declino cognitivo nelle prime fasi e potenzialmente indirizzare i trattamenti in modo più efficace in futuro”. ha detto Joanna Wardlaw dell’Università di Edimburgo e uno dei firmatari.

Questo potrebbe aiutare con la medicina di precisione, “così possiamo mirare a trattamenti più intensivi”. Per prevenire lo sviluppo di deterioramento cognitivo nei pazienti a più alto rischio. Il più notevole è Tomas Guzik, anche lui membro del team e della stessa università.

L’ipertensione è comune Si verifica nel 30% delle persone in tutto il mondo, con un ulteriore 30% che mostra le prime fasi della malattia. Un limite della ricerca, ha osservato il team, è che i partecipanti allo studio sulla biobanca britannica sono principalmente bianchi e di mezza età, quindi potrebbe non essere possibile estrapolare i risultati alle persone anziane.