Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dengue: la curva cresce e già preoccupa le autorità sanitarie |  Secondo l’ultimo rapporto, ci sono state quasi 10.000 infezioni a settimana

Dengue: la curva cresce e già preoccupa le autorità sanitarie | Secondo l’ultimo rapporto, ci sono state quasi 10.000 infezioni a settimana

Due delle principali lezioni apprese dalla pandemia di covid riguardano prima di tutto L’importanza della sorveglianza epidemiologica e dall’altro, con l’enorme rispetto che meritano gli agenti microscopici che si diffondono a spese di altri organismi e che la comunità scientifica chiama virus. Il riferimento in questa occasione ad uno di tipo stagionale e ha una grande presenza nella regione: febbre dengue. Tra febbraio e marzo i casi sono raddoppiati vertiginosamente, e i bollettini informativi predisposti dal ministero della Salute a livello nazionale forniscono dati sufficienti perché ognuno possa confermarlo con i propri mezzi. In una sola settimana i contagi segnalati sono passati da 4.828 a 9.388.

Come fu nei momenti peggiori della malattia, Il problema della salute pubblica non si riflette solo nei media, ma anche nell’esperienza stessa Parenti stretti e amici che presentano sintomi compatibili con la febbre dengue, o che hanno verificato direttamente le loro condizioni cliniche con un medico di fiducia. Va tenuto conto – come ha insegnato anche il virus SARS-CoV-2 – Le epidemie possono essere esplosive: in uno o due casi, la febbre dengue può diffondersi e infettare un’intera città. E nella sua versione più seria, può essere problematico: Non a caso la malattia che provoca è nota come “febbre da spezzare le ossa”, a causa dei dolori muscolari, mal di testa e malessere generale che la caratterizzano.

In questo contesto , Teresa StrellaIl Direttore Nazionale del Controllo delle Malattie Infettive presso il Ministero della Salute afferma:I casi registrati sono più alti di quanto ci si aspetterebbe rispetto a quanto accaduto negli anni precedenti e con una curva in aumentoE completa: “Lo scenario è un costante aumento dei casi”. Nicola KreplakConcorda con la diagnosi e commenta: “Siamo nel pieno dell’epidemiauna situazione che sapevamo si sarebbe verificata alla fine dell’estate”.

Aumento sensibile e distribuito

Secondo i dati emanati dal bollettino epidemiologico, che consente una valutazione della situazione in specifici aspetti, si rilevano: L’aumento di settimana in settimana è stato del 95%.. Delle infezioni totali, 8.504 non hanno avuto casi di viaggio, 582 erano sotto inchiesta e 302 sono stati importati. Allo stesso modo, la febbre dengue trovarsi in 13 giurisdizioni e causare la morte di almeno sei persone; Due a Salta, uno a Santa Fe e tre a Tucuman.

Da questo punto di vista il medico infettivologo lo capisce Leda Josie:”Stiamo affrontando un grave focolaio, con una significativa diffusione della comunità. Questo può essere visto molto chiaramente perché la stragrande maggioranza dei casi si verifica in pazienti che non hanno una storia di viaggio, ma che hanno contratto la malattia nelle loro case o luoghi di lavoro. . Dobbiamo rimanere vigili, penso che sia stato implementato un ottimo monitoraggio e dovremo aspettare e vedere cosa succede nelle prossime settimane”, afferma. Umberto DibattitoVirologo INTA.

READ  Covid, ultime novità | Italia e Germania confermano casi di variante omicron

Kreplak lo descrive da Provincia di Buenos Aires Si concentrano sulla prevenzione del virus e sul lavoro che hanno svolto nei mesi precedenti. Cosa c’è dietro l’avvertimento di lesioni gravi, Ha invitato alla prudenza perché è un leggero picco rispetto al 2020. Al momento, Buenos Aires ha un defunto come possibile caso di dengue. Corrisponde a qualcuno che è venuto da un viaggio dall’estero e resta da confermare, in via definitiva, se sia dovuto al virus in questione. Allo stesso modo, altre 38 persone mostrano “segni di ansia” e “molte persone si rivolgono alle guardie con sintomi di malattia”. Il funzionario sottolinea inoltre che le condizioni di monitoraggio nel suo portafoglio regionale erano migliori rispetto ai decenni precedenti. “Abbiamo una capacità diagnostica e stiamo svolgendo un lavoro preventivo che va oltre quanto accaduto in passato”.

Sono molti casi o pochi?

Per contestualizzare è sempre utile confrontare la situazione con gli anni precedenti e, soprattutto, con il picco dei contagi. L’ultima volta che è stato registrato è stato nel 2020″.Epidemiologicamente la curva dei casi è in costante crescita, in modo molto simile a come è stata la stagione 2020. Forse, visto che eravamo nel contesto della pandemia di Covid, è passata inosservata. Come riferisce Nacion, abbiamo il 30% di vittime in meno rispetto a questo periodo dell’anno. Nel 2021 e nel 2022 c’era un tasso davvero molto basso”, spiega Debat.

È un virus che si manifesta stagionalmente: sebbene possa manifestarsi con grande intensità in una stagione, la sua diffusione diminuisce fino a riapparire. C’è una ragione per questo: come spiega di solito il virologo di Conicet Juan Manuel CarballedaE Poiché una parte significativa delle persone infette da dengue è asintomatica, si può stimare che esista un’immunità attiva per queste persone infette e che la protezione duri per un anno o due.

rappresenta questa settimana periodo di cerniera, prima e dopo che potrebbe determinare il futuro di questa epidemia. In questo momento, nel 2020, i casi registrati di febbre dengue nel Paese hanno superato i 14.000, mentre l’ultima volta era stato registrato a 9.388. Mario Lozanovirologo e ricercatore presso l’Università Nazionale di Quilmes, espone una doppia verità quando descrive in dettaglio cosa succede ai casi di dengue nel 2023: “La situazione è paradossale: anche se i numeri delle infezioni segnalate meritano di essere presi in considerazione, c’è anche qualcosa da dire che Ci aspettavamo un’epidemia più grande perché provenivamo da gravi focolai di infezione in Brasile e BoliviaContinua con la sua ipotesi:Il picco è più tardivo rispetto agli altri anni, forse perché la popolazione di zanzare non ha avuto lo stesso successo a causa della siccità. Nonostante facesse molto caldo, mancava l’acqua e questo li avrebbe colpiti”.

READ  La voce della madre allevia il dolore nei bambini prematuri

Guzzi discute il paradosso presentato da Lozano e osserva: “Sebbene ci siano stati più casi a quest’ora nel 2020, ciò che si è visto ultimamente è Il tasso di crescita è più alto. Bisogna pensare che quanto sta accadendo in Argentina con la dengue ha una relazione diretta con quanto sta accadendo nella regione. Quando abbiamo un aumento in Paraguay o in Bolivia, colpisce immediatamente il nostro territorio”.

Estate infinita

Nonostante l’autunno sia già iniziato secondo il calendario, a causa delle temperature, l’estate si ostina a non lasciare il paesaggio. Nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio – soprattutto – l’Argentina presenta uno scenario con temperature elevate che coincidono anche con le festività. Le persone viaggiano e portano con sé infezioni, mentre i casi importati diventano casa e diffondono la malattia oltre i confini.

Guzzi la mette così: “È complesso anche perché la temperatura e le condizioni sono ideali per la crescita e lo sviluppo della zanzara vettore, che è l’Aedes aegypti. Questo leggero calo di temperatura delle ultime settimane, lungi dallo spaventarla, l’ha resa Le condizioni umide e piovose facilitano anche l’insediamento di incubatoi, attraverso contenitori esposti alla pioggia, che vengono via via riempiti.Il fatto che la temperatura possa scendere sotto i 20 gradi nelle prossime settimane potrebbe essere una buona notizia. Al di sopra di questo parametro la zanzara completa il suo ciclo vitale, raggiunge l’età adulta e trasmette il virus.

In questo quadro del ministero tu guidi Carla Vezzotti Riferiscono che sebbene il lavoro si svolga durante tutto l’anno, da settembre a ottobre, è stato chiarito con le autorità e i comuni, con l’obiettivo di eliminare potenziali larve ed evitare la deposizione delle uova. Così, ti invitano a ispezionare contenitori con acqua ferma, pentole, catini e persino vasi; E anche l’uso di repellenti per insetti in abbondanza può essere decisivo. Va notato che le piogge aiutano a disperdere il fenomeno, nella misura in cui aumentano le possibilità di serbatoi che alla fine facilitano la diffusione del virus.

READ  Il medico che si batte per la depenalizzazione del consumo di marijuana

Sebbene la dengue sia un problema di salute pubblica distinto per il paese e la regione, la verità è che si tratta di un virus con una diffusione globale davvero notevole. Attualmente, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa la metà della popolazione mondiale è a rischio di contrarla, e ogni anno si verificano tra i 100 ei 400 milioni di contagi.

Non c’è soluzione in vista

Sebbene la dengue sia un virus che si è diffuso notevolmente sul pianeta per decenni, non esiste un vaccino, una medicina o un trattamento abbastanza efficace da interrompere la circolazione. Per questo motivo, in base alla spiccata stagionalità, riappaiono ogni estate o due. Così, nello stesso momento in cui la zanzara depone le uova, il mal di testa torna alle autorità sanitarie e la popolazione deve affrontare le conseguenze della malattia.

Tuttavia, il fatto che non ci siano soluzioni disponibili non significa che non siano state cercate. Ci sono più di una dozzina di vaccini sul mercato per prevenire la dengue nelle fasi precliniche e cliniche. Tra tutte, una delle opzioni più interessanti è Dengvaxia, progettata da Sanofi Pasteur e certificata in molti paesi. Fornisce un regime di tre dosi (separate da sei mesi) ed è indicato per le persone di età compresa tra 9 e 45 anni. Sebbene vi sia una buona efficacia (entro l’80%) nella prevenzione della dengue grave per i sierotipi 3 e 4, non fornisce gli stessi risultati per i sierotipi 2. Questo non è un fatto semplice, anzi: Questo è stato l’incentivo per l’OMS a fare marcia indietro e non raccomandare la sua applicazione diffusa. Perché? Perché può portare a problemi immunitari incompleti.

Si scopre che ci sono quattro sierotipi del virus: 1, 2, 3 e 4. Secondo questa ipotesi, se un individuo si ammala con uno di essi, otterrà l’immunità solo contro quel tipo e non il resto. Se la situazione peggiora in futuro e si ammala anche di un altro sierotipo, il quadro clinico può cambiare da febbre e malessere generale, e si trova di fronte a scenari più gravi e seri. Nel paese, ad esempio, non c’è praticamente circolazione del sierotipo 4, che si trova in Paraguay. Ma le zanzare non conoscono confini e nemmeno i virus.

[email protected]