Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scienza cerca il segreto della longevità in una piccola città italiana

Antonio Vassallo, 100 anni, e sua moglie Amina Vidolo, 93 anni, nella loro casa ad Acciaroli, nel sud Italia.Mario Laporta-AFP

Acciaroli (Italia) (AFP) – Ad Acciaroli, piccolo villaggio di pescatori incastonato tra mare e montagna a sud di Napoli, più di un residente su dieci ha 100 anni. La longevità degli abitanti ha attirato l’attenzione degli scienziati nordamericani che studiano il mistero di questa città che riuscì a ingannare la morte.

I ricercatori dell’Università di San Diego in California, in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma, si sono trasferiti questa primavera ad Acciaroli per condurre le loro ricerche.

Alan S. ha detto: “Siamo i primi scienziati ad avere il permesso di studiare il popolo Acciaroli”, ha detto Maisel, professore di medicina cardiovascolare a San Diego.

In città ci sono 81 centenari, su una popolazione di soli 700 abitanti, ma nessuno si è stupito. “Mangiamo solo cose sane”, spiega Antonio Vassallo, che ha recentemente festeggiato il suo centesimo compleanno.

La dieta è una guida importante per gli scienziati. Tanto più che la famosa dieta mediterranea fu introdotta proprio in questa regione, nel Cilento, dall’americano Ancel Keys, quasi 60 anni fa.

Il nordamericano Key, biologo, fisiologo e “padre” della dieta mediterranea, chiamò notoriamente questa regione del Sud Italia il “Triangolo della Lunga Vita”.

“Mangiamo molto pesce e prodotti dei campi che coltiviamo noi stessi. Abbiamo i nostri conigli, le nostre galline. Tutto è prodotto della terra”, dice la moglie di Antonio, Amina Vidolo, 93 anni.

Riguardo all’olio d’oliva, che si dice sia la fonte della giovinezza, la vecchia conferma: “Consumiamo ciò che produciamo”. Oltre alle analisi del sangue avanzate (DNA, metabolismo, ecc.), i ricercatori hanno eseguito esami cardiaci e neurologici, spiega Maisel.

READ  Cosa sappiamo veramente della salute di Vladimir Putin? (analisi)

La genetica, insieme all’alimentazione, è un altro buon indizio per spiegare la misteriosa longevità della popolazione di Acciaroli. I centenari potrebbero avere un gene in grado di estrarre le proprietà benefiche di alcuni prodotti che vengono consumati regolarmente, “come il rosmarino, che migliora le capacità cerebrali”, afferma il professor Maisel.

Degli 80 anziani che hanno partecipato allo studio, 25 erano centenari e nessuno di loro aveva il morbo di Alzheimer.

Naturalmente erano tutti impegnati in attività fisiche quotidiane, come pescare, curare il giardino o passeggiare, in questa città dalle strade ripide.

“Molte di queste persone sembrano essere sessualmente attive”, aggiunge il ricercatore. Potrebbe questo segreto della longevità essere qualcosa di semplice come una sana vita all’aria aperta, un po’ di attività fisica e uno stile di vita mediterraneo?

Gli scienziati seguono queste ipotesi e cercano di creare ad Acciaroli un modello da esportare in altre parti del mondo, per vivere meglio e più a lungo. “Ciò che vorremmo fare in definitiva è creare un quadro clinico che stabilisca una sorta di risultato che dovrebbe essere mantenuto”, afferma Salvatore De Somma, professore di medicina all’Università La Sapienza di Roma.

“Il progetto non solo aiuterà a svelare alcuni dei misteri dell’invecchiamento bene, ma unirà anche gli scienziati di tutto il mondo per ottenere una migliore assistenza clinica per gli anziani”, ha aggiunto De Somma.

L’idea, spiega, è quella di determinare quale tipo di dieta, attività fisica, vita sociale e persino filosofia costituiscono la base di questa straordinaria longevità. Ma non sarà facile riprodurre ovunque un ambiente come quello di Acciaroli, un piccolo paese situato tra il mare e il parco naturale, lontano dall’inquinamento, dove tutto è curato con molta calma.

READ  Il presidente mette in evidenza Cuba in prima linea nel mondo contro il COVID-19

Nazione

Scopri il progetto Trust